La dottoressa 2

Scritto da , il 2020-02-23, genere gay

E così, inizio pomeriggio, mi preparo, indosso una gonna comoda, e una camicetta, e sotto reggiseno bianco e slip comodi, visto che mi devo mettere un assorbente, un paio di scarpe tacco 8, e dopo essermi ben truccta, prendo l'auto e mi reco all'indirizzo, ma una volta giunta mi accorgo, che i parcheggi sono occupati, e quindi devo farmi un pezzetto di strada e trovare un parcheggio privato.
Una volta entrata, scendo dall'auto e mi si presenta il parcheggiatore, un ragazzo marocchino, sui vent'anni, gli prgo le chiavi e lui mi guarda intensamente, sembra spogliarmi con gli occhi, imbarazzata chiedo se l'indirizzo tal di tali è lontano, e lui mi dice di nò, e che se volevo mi accompagnava lui, declino l'invito, lui sorride, e appeno mi incammino mi dice, a dopo signore, ops mi scusi signora, rimango basita, mi ha scoperta, eppure sono molto femminile, e la voce non è da maschio, sorrido, e lui si tocca oscenamente il pacco, a dopo tesoro mi dice.
Mi incammono, e sculettando da civettuola passo passo mi avvicno all'indirizzo,arrivata, suono, e salgo al piano superiore, e mi accomodo in sala d'attesa, con mè, c'è una signora con una ragazzina, apparentemente triste e la madre molto arrabbiata, entrano e sento parte della discussione, in poche parole, la ragazzina, è dedita a prostituirsi con i suoi compagni, la madre ha scoperto molti soldi nascosti e fattasi raccontare il tutto, ha scelto di portarla dal medico per farle dare la pillo, per evitare spiacevoli cose, ma da quello che ho capito, non la farà smettere di prostituirsi, anzi, la organizzerà lei in casa, come si dice, tale madre tale figlia.
Poi è il mio turno, entro e mi trovo davanti una donna molto bella, alta, mora, occhiali da professoressa, camice bianco, e sotto una camicetta che a stento trattiene due tette pazzesche, e una gonna molto corta, da dove spuntano due gambe stupende, con coscie inguainate in un paio di autoreggenti color carne velatissime e un paio di decolté tacco 10 nere di vernice, una vera donna.
Mi accomodo e una volta presentata, sorridendo mi dice, dunque tu si l'amica, di Gianni, io accenno di sì con la testa, devi essere speciale se lo frequenti, io lo conosco bene e so come è messo, e sorride, sì, Gianni, l'amico che i ha indicato la dottoressa, ha 30 centimetri di cazzo, e con una notevole circonferenza, mi ha fatto urlare di dolore le prime volte, sospiro e lei ride, bene, ora visitiamo questa bella donna, spogliati Paola, e così, rimango in reggiseno slip e tacchi, mi stendo sul lettino, e mi sfila lo slip, e mi sistema le gambe sul trespolo da ginecologa, e cos' inizia a toccarmi.
Delicatamente scosta il mio cazzetto, e con malizia, lo scappella più volte, e inizia a indurirsi, anche se di solito lo controllo, ma con lei non riesco e un attimo dopo è duro, lei ride, e lo appoggia all'interno della coscia, e inizia a visitarmi la vagina.
Bene dice, la tua vagina è tutto sommato in buona salute, certo, l'hai maltrattata in questi giorni, e chiaramente ne ha risentito la muscolatura interna, ma si stà rimettendo a posto, le grandi labbra sono rosee, e ora vediamo la profondità del tuo utero, và ad un armadietto, e ritorna con un bel cazzo a due teste, lungo mezzo metro, mi guarda, e mi dice, io lo prendo tutto sia davanti che dietro, lo immagino dico io, lei sorride, mette del gel, e inizia a infilarmelo, è piacevole sentirlo scivolare dentro, e poi dopo un poco si ferma, tranquilla, ora superiamo l'ansa,e vedrai che bello, con una manovra passa, e sprofonda dentro, tutto, lo sento nel mio intestino, tutto dentro, chiudo gli occhi, e inizio a godere, lei ride e lo spinge dentro, e mi richiudo, ottimo ora lo hai dentro tutto, e inizia a spompinarmi, è pazzesco, in un attimo sono in paradiso, la vagina si richiude in continuazione, si brava m incita, fallo risalire, che poi entrerò io a prenderlo, e così, dopo una decina di minuti sborro come una fontana, e lei beve tutto il mio nettare e poi mi bacia, trasferendone parte nella mia bocca.
Sono esausta, ho goduto veramente bene, ora dice lei, estraiamoil nostro amico, lentamente, con del gel, infila le sue dita dentro la mia vagina, e prima una poi due ecc, in poco tempo, sento la sua mano dentro di mè, è piccola, ma cavolo se la sento, e poi infila dentro il polso, passa, e si trova al mio interno, e scivola in fondo, a metà avambraccio, e sento che incontra il mio ospite, lo afferra e lentamente lo estrae, è una sensazione stupenda, sono larghissima, ma non sento dolore, e così lo estrae del tutto scivolando fuori.
Ora mia cara, potrai scopare con chiunque, anche con un mandingo, a patto di trovarne ancora, e ridiamo tutte e due.
Poi mi siedo, e mentre ammiro la dottoressa, lei si gira, si toglie gli occhiali, li appoggia, si avvicina, lascia cadere il grembiule, e mi bacia, sento la sua lingua nella mia bocca, è calda, è stupendo, e contraccambio, e così, si sfila la gonna e staccatasi da mè, slaccia la camicetta e le sue meravigliose tette sboccia come due tulipani, stupende.
Poi con una mossa dolce e eccitante si sfila gli slip, e poco dopo fa capolino dalle sue coscie un cazzo bestiale, che velocemente prende forma, e in un attimo diventa un mostro, lungo ed enorme, stupendo, si avvicina, mi bacia e mi mette comoda, ora tesoro, vedrai che bello sarà.
Afferra il gel, lo stofina sulla sua verga, e poi appoggia la cappella alla mia vagina, e spinge.
E' pazzesco, la sento, entrare, ma è pazzesco, non finisce più, e così, dopo alcuni minuti, posso osservare il suo cazzo, chescorre nella mia pancia, lo cìvedo si rigonfia come se volesse uscirmi, e godo, è troppo bello godo e urlo dal piacere, e dpo una lunga cavalcata mi riempie di seme, ci baciamo, e lei sorridendo mi dice, ora resterai gravida tesoro, e quindi dovrai venire spesso per le visite.
Poi lo sfila, mi sento svuotare, e poco dopo non trattengo e scarico tutto sul pavimento, or sì che sei larga tesoro mi dice ridendo, un paio di giorni, e potrai ritornare a fare marchette.
Mi rivesto, ci baciamo e mi incammino al parcheggio, mi sembra di essere osservata, cmmino con le gambe un poco larghe è vero, d'altronde ho preso un palo, e così arrivo alla mia meta, e mi ritrovo il ragazzo marocchino, che sorride come una stupido, bentornata signora, e mi accompagna alla macchina, una volta arrivati, mi afferra e mi bacia, mi schiaccia all'auto, e infila la mano sotto la gonna, afferra il mio cazzo e un attimo dopo è in ginocchi a spompinarmi, è una furia, mi piace, e poi infila due dita nella mia fighetta, e capisce che non sono sufficenti, così, si alza, si gira, abbassa i pantaloni, e mi dice, dai signora forza scopami e io lo scopo, lo infilo e lo pompo per bene, e poi vengo e lui rantola.
Si rimette in sesto, e mi dice, signora, venga questa sera da noi, e vedrà che troverà pane per la sua vagina, non se ne pentirà, lo guardo e accetto, non so perché, ma accetto, e riparto per casa.

Questo racconto di è stato letto 4 2 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


porno racconti al cinemaracconti scopate in famigliaracconti di sesso veroracconti erotici estateracconti erotici nuoraracconti incestiquella porca di mia cognatasesso estremo con animalixxx raccontiracconti eorticivecchi gay porciracconti erotici costrettaracconti cuckold italianiracconti erotici immaginistorie erotiche vissuteero raccstorie eoticheracconti etoticiracconti animalracconti mogli zoccolestori erotichestorie di sesso a treracconti erotici sui piediracconti erotici incestoracc pornracconti erorticiracconti porno itwww.eroticiraccontiporno racontistorie ertichestorie sesso gratisracconti erotici eccitanticulo raccontierotici raccontoracconti club privèracconti pprnomia suocera è una troiaracconti sesso gratismia zia racconti eroticiraccontieroticiultimi racconti pornoracconti.eroticiracconti hot realiracconti porno con fotoerotici raccoracconti culo rottoi racconri di miluincesti veri raccontiracconti incesti lesboraconti eroticeracconti erotuciavventure gayracconti gay amicoracconti erotici breviracconti erotici maturaraccondi eroticiracconti erotici baby sitterracconti sverginatasverginata raccontistorie di cuckraccinti pornoracconti erotici nipoteveri racconti eroticiracconti erotici caneracconti erotici erotici raccontiracconti erotici scuolaracc sessracconti di seghescambio di coppieraccontii eroticimilùraccontinuovi racconti eroticidonna inculata da un cavalloracconti erotici tra fratelliracconti incesto gayadulti69gara di segheracconti porno animaliveri racconti eroticiracconto erotico 69racconti erotici safficirracconti eroticiracconti donne porcheracconti zozzisesso anale raccontiracconti erotici erotici raccontiracconti zoofilistorie cucklodstorie pormoracconti erotici con suocereracconti erotici adultistorie di sesso con animaliracconti erotici di milubdsm storieracconti lesbichestorie di incesti veriracconti dominazione transracconti maturi gayracconti incesto padre figliaschiavo di mia suocera