L'assistente.

Scritto da , il 2020-02-12, genere etero

Sabato. Quella sera avevo voglia di divertirmi. Volevo festeggiare il fatto che, dopo due giorni, avrei iniziato ad insegnare. Beh, insegnare per modo di dire: dopo un anno di sola ricerca, avrei iniziato la mia avventura come assistente della professoressa di chimica inorganica, materia in cui stavo facendo il dottorato. Il programma era quello di andare con gli amici in un locale un po' alternativo, musica indie, cover band e tanta birra. Indossai un vestitino nero un po' svasato, stivaletti, e seno un po' scoperto. Un bel po' scoperto. La serata scorreva tranquilla, così come i fiumi di alcol, talmente tanti che dopo un po' mi ritrovai a cantare Wind of Change, sotto al palco, abbracciata ad uno sconosciuto. Certo che lo sconosciuto era proprio carino. Molto alto, castano, occhi chiari, un po' troppo magro per i miei gusti ma niente di eccessivo, capelli medio lunghi. Uscimmo a fumare una sigaretta, e lo sconosciuto non fu più tanto tale; dopo un po' di chiacchiere cominciammo a baciarci. Mi mordeva il collo, le orecchie, mi palpava il sedere. Più lo faceva, più io impazzivo e mi bagnavo. Ci allontanammo verso il retro del locale, e, mentre camminavamo, gli dissi solo una cosa. "Mi piace violento".
Una volta al buio, cominciai a portargli le mani al seno.
Volevo che lo toccasse, che lo stringesse, che lo mordesse. La faccia che fece quando sentì che i miei capezzoli erano già in tirare, frementi, fu impagabile: era famelico. Mi tirò giù il vestito ed il reggiseno in una sola mossa e mi schiaffeggiò le tette, per poi succhiarle. Nello stesso momento, mise una mano tra le mie gambe e cominciò a massaggiarmi il clitoride, senza spostare né calze né mutande. Non resistevo più. Gli slacciai la cintura, aveva un'erezione impressionante. Lo tirai fuori, dimensioni nella media, ma bellissimo, dritto, pulsante. Con uno scatto mi spostai dal muro, per farci appoggiare lui, e mi abbassai. Cominciai a leccargli le palle, così come mi aveva insegnato il mio ex. Poi un po' sull'asta, solo sotto, piano. Me lo facevo scivolare sul viso, lo bagnavo un po' con la saliva, lo annusavo, come se fosse la cosa più bella del mondo, quella che desideravo di più (beh, in quel momento lo era). Mi avvicinai poi alla cappella, per iniziare a giocare col buchetto, ma improvvisamente lui mi prese per i capelli e mi spinse il pene fino in gola, mozzandomi il respiro per qualche secondo. Poi lo tirò fuori, appoggiandomelo sul viso e sporcandomi di saliva. Me lo rimise dentro la bocca e cominciò a stantuffare, come se la mia faccia fosse una fica. Mi dava giusto qualche secondo di respiro, tra una sessione e l'altra. Dio, quanto mi piace quando fanno così. Ero sempre più bagnata, sempre più disperata. Avevo bisogno del suo cazzo dentro di me.
- Scopami, ti prego - gli chiesi.
- Abbiamo appena iniziato i preliminari - mi rispose, ridendo.
- Ti prego..non resisto più..- lo supplicai.
Mi tirò su, mi fece appoggiare al muro con le mani, mi strappò le calze. Spostò lievemente le mutandine e appoggio la punta del cazzo al mio ano.
- La verità è che non ho preservativi..cosa vuoi fare? - mi sussurrò ad un orecchio.
Con la mano destra mi mantenni appoggiata al muro, con la sinistra presi il suo pene, e spinsi indietro con il culo, in modo da far entrare la cappella dentro.
- Non penserai mica che sia la prima volta, vero? - risposi.
Dette un colpo secco ed entrò tutto. Continuò così, lentamente, togliendo sempre tutto il cazzo e spingendolo dentro di nuovo con una sola mossa. Era doloroso, bruciava, avevo le lacrime agli occhi. Ma godevo come una porca. Mi portai la mano al clitoride e cominciai a masturbarmi, avvicinandomi all'orgasmo ogni volta che il suo pene ero dentro di me e mi solleticava gli organi interni. Finalmente aumentò la frequenza delle spinte e, dopo neanche un minuto, venni. Un orgasmo potente, quasi doloroso, che mi fece tremare le gambe. A malapena mi reggevo in piedi.
Lui dette altre due spinte, poi mi fece inginocchiare di nuovo, mi chiese di aprire la bocca e venne. Il suo sperma aveva un sapore piacevole, un po' salato.
Ci ricomponemmo, e dopo aver parlato un altro po', decidemmo di scambiarci i numeri. Era stata una bellissima scopata, volevamo replicare.

Lunedì. Primo giorno da assistente, il mio compito è introdurre brevemente un power point relativo all'argomento del giorno. Sono in ansia, è la prima volta che parlo di fronte ad una classe. Entro in aula, mi presento, inizio a parlare, alzo gli occhi e lo vedo. È lui, è lo Sconosciuto. È il ragazzo di sabato. Sta sorridendo, sarcasticamente. Sudo freddo. Fingendo nonchalance, continuo nella spiegazione.



Ciao a tutti! È il mio primo racconto, spero che vi sia piaciuto. L'idea sarebbe continuare la storia per un po', vediamo se ci sono riscontri positivi :)


Questo racconto di è stato letto 1 6 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


mary rider escortracconti bdsmschiava padronesuocere incestuoseracconti porno di nonneracconti orgiaracconti padrona schiavoraccinti eroticiracconti piedi femminilistorie feticismoracconti gay orsierotoci raccontiwww.eroticiracconti.itracconti scopate in famigliaracconti lesbicheerotiraccontistprie pornoracconti erotici animaliracconti gay ragazziracconti erotiicracconti porno di incestobiancaneve eroticoracconti porno con animalistorielle eroticheracconti di una schiavaseghe al cinema pornoi racconti di minuracconti erotici.itracconti di annunci 69racconti hotracconti erotici stuproracconti erotici animalierotici racconti gratisraccinti gayracconti veri di tradimentigisella donadoni sposataracconti porno+mia cugina racconti eroticiracconto lesbicocuckold storie verei racconti fi miluracconti x adultivogliadipornoti cago in boccastorie porno con immaginistorie erotic esexy raccontiracconti di ziestirie pornomia cugina vanessaracconti erorici gayracconti erotici moglie scopataeroti raccontiraccontti eroticiracconti iomilu69 it raccontiracconti di moglie troieracconti umiliazionestorie eroticiracconto miluracconti di casalinghespanking raccontipiedi femminili raccontiracconti analiracconti gay nonnocornuto in vacanzaracconti porno spintiracconti erotici per leipaola travincesti lesbicilesbiche racconti