Le Ucraine sono le amanti più porche del mondo

Scritto da , il 2020-02-12, genere trio

Storia Vera
Il desiderio fa brutti scherzi. Sono preso da Eliana la parmigiana e da Ukra che ormai quotidianamente si prende il mio pene quotidiano da due a tre volte al giorno con massimo godimento suo e mio….compreso lo squirting. Provo a dividermi fra questi impegni e se per Eliana ci riesco, Ukra ha iniziato a sospettare qualche cosa. Dopo una Domenica di sesso sfrenato il lunedì è stato di litigio. Una cosa avevo iniziato a comprendere nel frequentare Ukra, come molte donne dell’est: mai farle arrabbiare. Intanto Eliana si faceva sentire e i messaggi erano continui. Lei mi voleva vedere… e voleva fare sesso. Anche le donne emiliane ho scoperto essere gelose e anche per loro fare sesso è una scelta di vita…. Un vero casino le donne gelose, riflettevo, mentre nonostante il bordello venutosi a creare a seguito della lettura dei messaggi di Eliana, finita la sbollentatura di tutta la rabbia che Ukra aveva in corpo….come nulla fosse, aveva aperto la porta ed era uscita senza dire nulla…. Vanamente le avevo chiesto dove stava andando….. Il nervosismo mi aveva preso, per cui sono rimasto in casa, ancora indeciso se rispondere ad Eliana che continuava a scrivere, ignara che Ukra avesse scoperto la mia tresca. Fu ancora più complesso resistere quando Eliana iniziò a telefonare….Il desiderio era forte e dopo non aver risposto per ben due volte alla terza capitolai e risposi facendo finta di nulla, dicendole che ero impegnato e solo ad una sua precisa domanda le dissi che l’avrei raggiunta in un locale nel tardo pomeriggio, nei pressi di San Giovanni. Ciò mi diede il tempo di rilassarmi un attimo e provare a ragionare. Fortuna che anche Eliana era presa con gli impegni e non mi aveva chiesto di raggiungerla al suo studio….sarebbe stato un guaio. Ero troppo teso.
Decisi di fare una doccia e dopo averla fatta uscii. Il camminare mi avrebbe fatto bene e mi avrebbe aiutato a riordinare le idee. Camminai a lungo girovagando per Roma e alla fine credetti di aver raggiunto un certo compromesso. Sarei ritornato a casa, avrei fatto una altra rapidissima doccia e poi sarei andato da Eliana e li avrei visto cosa accadeva. Contavo di essere da lei per ora di pranzo….così avremmo fatto sesso….. Avevo una voglia che mi portava via. Non riuscivo a resistere al desiderio sessuale quando mi prendeva e sapevo che Eliana avrebbe saputo come farmelo passare….o comunque avrebbe posto un rimedio. A passi veloci iniziai a camminare verso casa quando mi giunse un wathapp di Ukra….ero indeciso se guardarlo o meno tanto era la rabbia che provavo…..Mi fermai un attimo e aprii. Era un video con audio e Ukra era sul lettone di casa che gemeva mentre una sua cara amica Karin, anche lei ucraina, era tra le sue enormi coscione, e la leccava con grande capacità. Vedeva soprattutto il giunonico corpo di Ukra distesa ma anche la piccola e eccitantissima Karin che se la stava godendo. Il lavoro di lingua e le dita di Karin avevano fatto un effetto molto buono a giudicare da come Ukra era eccitata e Karin non era intenzionata a desistere, almeno a giudicare da quello che vedevo. La leccava con grande foga, mentre Ukra si mungeva le grosse tettone. Rimasi a guardare quasi esterefatto, poi eccitato ascoltai il messaggio che in coro le due donne abbracciate e sorridenti di eccitazione mi dedicarono. Mi dicevano che aspettavano me e intanto avevano incominciato un 69 a giudicare dalle posizioni veramente molto eccitante. Ovviamente la giunonica Ukra era sotto e la agilissima Karin era sopra. Quella vista aveva straordinariamente centuplicato le mie forze…. Preso dalla voglia mi misi quasi a correre. Ci volle un pochino per riuscire ad arrivare ma giunsi con il fiatone. Aprii la porta e mi diressi verso la camera da letto ma vidi che entrambe erano sedute sul divano e si continuavano ad accarezzare. E a baciare. Subito la monumentale Ukra si alzò e venne verso di me spingendo il mio viso fra le sue tettone. Karin sorrideva. Si avvicinò anche lei e si inginocchiò e mi prese in bocca il cazzone. Ukra mi carezzava Karin mi succhiava. Io dissi di non smettere ad entrambe. Ukra mi conosceva come porcone….Karin solo per quello che Ukra le aveva raccontato. Era un gioco perverso
Mi spinsero entrambe verso la camera da letto e li iniziai a capire. Fu Karin a tuffarsi sopra di me e a sventolarmi la sua figa difronte alla mia faccia. Io misi le mani a tenere il suo culetto e iniziai a leccarla e a succhiarla nel modo più brutale possibile...con la donna che iniziava a godere da subito. Lei si contorceva in maniera perfetta, sembrava un diavolo. I suoi fianchi si muovevano ad un ritmo vertiginoso ed era fantastico sentirla gemere. Bastò un quarto d’ora di rapporto orale che Karin si accartocciò dopo aver svolto una vera e propria danza. Ukra era eccitata da morire e dopo l’orgasmo della amica fu il suo momento. Lei salì e da padrona come si sentiva di essere si impalò sul mio cazzo sotto l’occhio vigile e felice di Karin
Iniziai a leccare le tettone mentre Karin le succhiava il culone poderoso. Ukra era molto orgogliosa del suo corpo mastodontico, sembrava una dea madre florida e possente, mentre Karin esile continuava a farla godere da dietro. Ura partì in una sua solita cavalcata e fu fantastico per me, sebbene Karin ebbe difficoltà a seguire la sua tumultuosa potenza. Ci baciavamo con le lingue che si accartocciavano l’una nell’altra e Ukra ansimava forte. Lasciai fare tutto alla gigantessa ucraina e lei aumentò la cavalcata. Karin da dietro e il mio cazzo davanti provocarono l’orgasmo e Ukra squirtò senza ritegno spruzzando me e Karin che resasi conto volle prendersi la sua dose. Ukra mi baciava con forza. Io rispondevo con baci sul collo mentre Ukra continuava a cavalcare godendo senza limite. Il secondo orgasmo della donna fu ancora più sconquassante e la grande ucraina si tuffò nella seconda parte del letto lasciando campo libero a Karin, la quale si tuffò sull’asta leccandola e succhiandola fino a scendere alle palle e le succhio da maestra. Ciucciava e masturbava. Il mio cazzo era pieno di saliva. La bocca era piccola ma lei volle farmi entrare lo stesso… come una contorsionista riuscì...non so come ad infilarsi tutto dentro sino alle palle mentre Ukra si toccava. Karin succhiava e leccava come una dea. Capivo ora come mai faceva godere una gigantessa come Ukra. Karin faceva lavoro completo, sembrava avesse mille mani, toccava tutto poi ad un certo punto salì su di me a cavallo come aveva fatto Ukra e si era impalata, iniziando una cavalcata furiosa mentre io la penetravo. La trattenevo dai fianchi e poi dal culetto troppo piccolo con il piccolo seno che dondolava. Andava sempre più veloce. La donna continuava senza fermarsi, dimenava i suoi fianchi in una danza vorticosa. Ad un tratto si fermò in preda ad un orgasmo inebriante ed io ebbi la possibilità di succhiare i suoi capezzolotti cresciuti a dismisura nonostante il piccolo seno. Li ebbi tutti in bocca e li morsi avidamente. Il mio cazzo era durissimo e forte, mentre lei partì roteando il bacino….era una delizia godere così ….la maialina sapeva fare tutto con quel culetto. Le presi il culo e andai spedito mentre la leccavo tutta. Eravamo in un vortice di passione mentre Ukra si stava dando da fare anche lei toccando, leccando e baciando tanto che io decisi di cambiare posizione e misi Karin supina e Ukra con il suo enorme culo a pecorina. Iniziai a cavalcare Ukra che era bagnata e la sentivo gemere, mentre mi incitava a sfondarle la figona. Non contenta della posizione Karin si era intrufolata sotto Ukra e leccava la gigantessa. Spingevo come un dannato infilzando la figona di Ukra in profondità ad un ritmo bestiale e lei urlava. Ukra muoveva i suoi fianconi e sentiva il lavoro che Karin faceva nell’interno cosce, nella figa e nella zona perianale e venne, venne martoriata dalla mia mazza e dalla lingua della sua compatriota. Karin si offerse nuovamente leccando il cazzone ormai pieno e le palle grosse e cariche. Ad un certo punto anche Ukra dimostrò di essere interessata al cazzone e sembrarono scambiarsi la mia mazza e le mie pallotte per un gelato
Ukra mi leccava le palle, poi iniziò a succhiarle e fu la volta di Karin leccando l’asta e inghiottendola. Fu fantastico sentirsi desiderato da due porchissime ucraine.
A questo punto visto che non riuscivano a farmi venire, Karin si posizionò a pecorina e fu così che inizia a sditalinare il buco del culotto della piccola, con Karin che ridacchiava.
Iniziai a infilarle prima un dito, poi due e poi tre muovendoli ritmicamente dentro e fuori, quindi preparato il cazzo iniziai ad assediarle il buco, mentre Ukra baciava la compagna
Spinsi e iniziai a pompare mentre i fianchi della piccoletta erano preda delle mie mani.
Sebbene il culo fosse piccolino non era affatto stretto e io mi resi conto di godere di una donna speciale. Anche Karin provava piacere, mentre io spingevo con decisione sempre più dentro la mia mazza. Ora era Karin ad incitarmi….per andare sempre più forte e io spingevo e la inculavo senza limite. Mentre io inculavo Karin, lei aveva preso il dominio del generosissimo corpo di Ukra, baciando e leccando i capezzoloni e Ukra gemeva.
Ormai era una catena. Io facevo godere Karin la quale scaricava la sua eccitazione ciucciando le tettone della cavallona ucraina….La grande maialona Ukra che era veramente carica e cercava di venire. I miei colpi si abbatterono spietati sul culetto di Karin finché non urlai che stavo per venire. A quel punto Ukra di autorità prese il mio cazzone e messasi lei a pecora si fece inculare lasciando il culo della piccola Karin all’asciutto. Karin non ci rimase bene, ma iniziò a toccarsi in maniera incontenibile. Ukra appagata era in riposo. Ansimava con il seno gonfio e le coscione aperte, stesa sul letto e Karin dimostrando il suo arrapamento era partita a leccarle la figa. Prendeva di mira il clitoride e lo succhiava avidamente, sapeva adoperare le dita la piccola, era un vero diavolo scatenato. Ukra si toccava il seno, mentre io le mordicchiavo i capezzoli, e baciavo e succhiavo le tettone, riprendendomi un attimo. Il logorio di leccate, toccate e succhiate fatto da Karin alla figona della valkiria Ukra ebbe il suo frutto e ben presto fra le coscione iniziarono a colare sempre più copiosi umori che aumentarono la foga di Karin, sempre più indiavolata e incontenibile. Sentiva la sua amica ormai sul punto del tracollo e ora la fistava senza scampo, pronta a farla squirtare, mentre io che avevo capito il momento aiutavo Karin infilando nel buco del culo di Ukra la mia mano. La cavallona ucraina gemeva e grugniva come una porca e ansimava essendo vicina al momento dell’orgasmo, mentre imperterrita Karin si era attaccata al clitoride e non si staccava più con le labbra, intervallando fisting sempre più profondi nel figone, mentre io dominavo ormai da dietro il culone. Eravamo quasi pronti, la sentivamo, sapevamo che Ukra stava per scoppiare, ma era una gara tra me e Karin a infliggerle i godimenti più profondi. Karin aumentò l’andatura del fisting, oramai era dentro di Ukra con l’intero polso e andava avanti e indietro nel figone senza fermarsi mai; mentre io con forza penetravo l’ano e sentivo quasi la mano di Karin che dalla figona mi masturbava il cazzone violento. Ukrona la gigantessa era cotta a puntino. I suoi occhi dicevano quello che la bocca non riusciva più a dire. L’odore di sesso era fortissimo e mi accorsi che anche la figa di Karin faceva liquidi copiosamente. Io spingevo senza pietà….la gigantessa doveva stramazzare al suolo erano le ultime resistenze….si vedeva ormai….Ukra tentò di cambiare posizione ma era inchiodata dalla mano di karin dentro fino all’avambraccio e dal mio cazzo in culo. Ora a sandwich, Ukra era un guanto liquido e caldo mentre Karin mi masturbava sempre più apertamente….il mio cazzo era nelle sue mani solo un piccolo pezzo di carne divideva la sua mano dal mio bastone. La possente ucraina inarcò la schiena e noi entrammo ancora più in profondità. Ormai eravamo io e karin che ci parlavamo mentre la magnifica porcona gemeva solamente. Ukra era acoscione spalancate, senza più difesa….e penetrata di figa e di culo, boccheggiante, senza respiro. Noi aspettavamo l’esplosione ma la porca continuava a godere come una cagna senza cedere. Di più non si poteva fare. Volli un attimo per pensare poi mentre Karin ebbe un attimo di stanca spostai Ukra la porcona….cambiammo composizione. Io con la mano più grande e abituato a fistare la maialona Ukra andai di figa, mentre la bella Karin ebbe licenza di scatenarsi come meglio voleva dentro il suo cuolonazzo enorme. Ripartimmo e subito Ukra sentì la mano del padrone. La maialona cercava di trovare scampo ma Karin in culo era veramente scatenata e la mia mano in figa era molto più energica. Fu stupendo. Ukra si dimenava e io era questo quello che volevo….Aveva ormai perso ogni controllo e anche Karin oramai era eccitata all’inverosimile. Io non mi potevo più fermare e vedendo quelle donne ormai fatte e sentendo quegli odori stavo impazzendo anche io...ma non mi potevo fermare sul più bello. Affannava Ukra e gemeva Karin. Il momento era giunto. Con l’autorità del maschio e con una certa forza posizionai Ukra a pecorina e io che la fistavo in figa mentre Karin continuava la Sua opera di demolizione nel culo. I gemiti di Ukrona mi fecero capire che questa era l’ultima posizione. I fianchi di Ukra sembrava avessero le ali….erano totalmente impazziti….. e la donnona prendeva il mio fisting e la mano di Karin. Ukra era letteralmente nelle nostre mani. Ad un certo punto urlo’ in maniera incredibile che voleva il cazzo e io la infilai senza problemi montandola senza tregua. Karin faceva il suo porco lavoro….la stavamo sventrando finalmente ….eravamo alla fine. Andavo secco e potente….talmente forte e duro che Karin non riuscì più a tenermi il ritmo, mentre gli occhi azzurri di Ukra erano soddisfatti dal piacere...ormai erano bovini per i molti orgasmi avuti
Io spingevo ancora, mi tuffavo senza più alcun limite nel figone...volevo entrare anche con le palle dentro era un triangolo fantastico. Urlai a Ukra che era una vera cavallona da monta e Ukra schizzò tutto il suo orgasmo in uno squirting che investì in pieno la faccia di Karin che si era spostata e che ora leccava avidamente il preziosissimo liquido mentre io facilitavo l’ulteriore abbondante uscita con un fisting velocissimo . Tutto finché la cavallona gigante non si schiantò rumorosamente sul letto totalmente sfatta. Karin era pronta e lei ancora non aveva preso il mio seme e mentre leccava coscione e figona di Ukra sentì il mio cazzone visitarle prima la fighetta e poi il culetto….alternativamente…..Io la possedevo alternativamente per il suo piacere. Tutto con calma e senza fretta. Karin era fresca e agile. Le diedi una serie di pacche sul sedere e la spinsi ad aprire l’accesso al culotto. Karin sorrideva e mi diceva che voleva che la innaffiassi e io tenendola per i piccol fianchi andai profondo, sempre più forte. Karin iniziò a gemere sempre più chiaramente. Lei non era la possente Ukra e i gemiti divennero presto urla.
Continuai a spingere come un ossesso. Ora la piccola donna stava impazzendo tanto più che Ukra aveva ripreso a leccarle la fighetta. Karin era bagnata come una maiala e subiva i miei colpi e il rinculo della lingua e delle dita di Ukra. Karin stava esplodendo e mi pregava di riempirla tutta come avevo fatto con Ukra e li esplosi aprendole definitivamente il bucotto e irrorandola senza limite. Ero troppo preso dal mio orgasmo quando vidi che Karin era venuta di figa e Ukra la stava succhiando e leccando in maniera avida. Le due ucraine continuarono a godersi mentre io le guardavo con passione…..I miei sguardi furono subito compresi e le due amiche si tuffarono sul mio cazzo e furono pompini….una orgia che mi aveva confermato una certezza….Le ucraine sono le amanti più porche del mondo…..Ukra mentre mi spompava guardando Karin mi disse: Meglio la porca parmigiana o meglio due troione Ucraine? Ed io le risposì allagando la sua bocca

Questo racconto di è stato letto 3 5 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici pulpraccpnti pornoracconti pornograficiracconti porno di incestoerotici racconti miluscopate raccontiracconyi pornoracconti erotici zoofiliracconti erotici inculatastorie sessonuovi racconti di miluracconti d'incestoincesti tra cuginiraccontieroticierotici raccontostorie di escortmogli dominantifeticismo raccontiracconti erotuicistoria cuckoldstrip poker raccontiracconti porno di coppieracconti erotici professoresesso racconti eroticimasturbamiracconti erotici msesso incestila prima volta nel culo raccontieroticiracconti gratisracconti erotici di maturesesso porno raccontiletture erotiche gratisla prima volta nel culo raccontiracconti eroyicisuocera eroticaracconti trasgressioniracconti erotici mammastorie feticismoracconti dominazione gaystorie erotiche da leggereannunci69 storieracconti pornpamoreinfamiglia.blogspot.itracconti feticismo piediracconti di sesso tra parentiracconti:eroticirracconti eroticiinculata atroceracconti di sesso tra parentiraccontieroticoracconti hard tradimentoracconti erotici travestitiracconti porno al femminilexnxx fratellostorie erticherqcconti pornoracconti cockoldraccont eroticiracconti moluracconti eoritciracconti prima volta analeesibizionismo al mareracconti 69 iterotiraccontiracconti oseraccontti eroticistorie vere di sessoracconti erotickrac eroti ncestiracconti erotici segheracconti erotici amicheraconti sexi racconti eroticiraccnti eroticiracconti erotici strap onla mia ragazza inculatacornuto e troiaracconti omoeroticiscambio mail eroticheracconti porno mammeracconti coppiaracconti di milu dominazionescopare raccontiracconti sexra cconti eroticimilù racconti eroticistorie di sesso incestoprimo fistingstorie porno videoracconti erotici di sesso analemi chiavo mia mammaracconti erotici bendatatradimento raccontoracconti porno neriracconti scopateracconti porno bdsmerotici tacconti