Storia di Maddalena / 1

Scritto da , il 2020-01-27, genere prime esperienze

Ormai ho trentacinque anni. La mia vita, a quanto dice chi mi sta accanto, ha ormai raggiunto quella stabilità a cui qualsiasi persona ambisce: un marito, una splendida bimba di cinque anni (figlia di un incontro casuale consumato nel gabinetto di un treno, ma questo mio marito non lo saprà mai), un lavoro da insegnante di flauto in una scuola di provincia, la casa al mare.
Sento che è venuto il momento di raccontarvi chi sono, di come sono riuscita ad avere una vita sessuale assolutamente fuori dall’ordinario senza mai rischiare di rovinare la mia reputazione, preziosissima nel piccolo centro in cui sono cresciuta e tuttora vivo, ma soprattutto di qual è stato il percorso che mi ha portato fin qui, disseminato di esperienze esaltanti e degradanti, di ragazzini e di uomini anziani, di sconosciuti e di persone che vedo ogni giorno da quando sono al mondo.
La mia natura mi ha fatto incontrare un numero di uomini che non so contare, ma ancora di più sono quelli che, per caso o per scelta, hanno assistito ai miei momenti più intimi; tramite il desiderio ho controllato il mio destino, rischiando tantissimo ma diventando padrona dell’influenza che una donna senza inibizioni esercita sui maschi – e quindi sulle loro scelte.
Eppure, se penso alla mia adolescenza, non posso credere che la mia vita sia successa davvero, e che non sia il sogno di una mente malata.
Sono cresciuta in una famiglia molto cattolica: mio padre, medico di base, prendeva messa ogni mattina alle sei prima di cominciare il giro di visite, mentre mia madre, finita la giornata da maestra elementare, si dedicava ad insegnare catechismo all’oratorio accanto alla parrocchia.
Mia sorella maggiore, Sara, era il risultato naturale dell’educazione imposta dai miei genitori: studiosa, rispettosa e religiosissima, si divideva tra il liceo e il violino, strumento che suonava con impegno ma senza alcuna passione. Nonostante questo, è stata lei la causa involontaria del primo enorme turbamento della mia vita, che ha gettato i primi semi di una vita priva di ogni morale.
Entrambe eravamo iscritte in conservatorio: io avevo appena incominciato flauto, mentre mia sorella stava preparando l’esame di ottavo anno di violino, per il quale era richiesta una preparazione rigorosa e impegnativa, fatta di studio a casa e di due ore settimanali di lezione individuale.
Come spesso succede, nel corso degli anni Sara aveva sviluppato un’adorazione verso il suo maestro, un ex violinista di fama che si era adagiato nella comoda e ben remunerata professione di professore di conservatorio, perdendo smalto nelle esecuzioni e sviluppando in compenso una pancia di discrete dimensioni. Sembrava impossibile che lui e mia sorella suonassero lo stesso strumento: un suo braccio era largo quanto una gamba di Sara, che pur quasi diciannovenne aveva ancora il fisico di una ragazzina, e le sue dita esili cercavano il punto giusto nella tastiera mentre quelle grassocce del maestro sembravano accavallarsi per trovare lo spazio necessario. E invece le lezioni sortivano i frutti sperati, grazie ai suoi consigli e all’impegno ostinato di Sara, che sopperiva alla mancanza di talento.
Il tempo passato insieme e la chiara differenza di potenzialità tra il maestro ormai affermato e l’aridità artistica di Sara avevano lentamente trasformato il loro rapporto, rendendo mia sorella completamente subalterna. Assistendo alle loro lezioni, come talvolta facevo mentre aspettavo che la mamma passasse a prenderci, notavo che il maestro tendeva sempre più a correggere la posizione di Sara avvicinandosi a lei e toccando le sue dita fini con la sua mano sudaticcia. Più di una volta, dalla mia sediolina nell’angolo stanza, avevo avuto l’impressione che la mano che correggeva la posizione della schiena fosse davvero molto in basso, ma mai avevo pensato a qualcosa di inopportuno, a causa del rispetto senza condizioni che ci era stato inculcato nei confronti di qualsiasi adulto. Non ebbi tuttavia modo di approfondire le mie sensazioni, perché un cambio di orario delle mie lezioni mi liberò per alcuni mesi dalla necessità di aspettare la mamma insieme a loro.
Fu un pomeriggio di marzo – il 18 marzo, me lo ricordo a distanza di decenni! – che, a causa di un’assenza del prof di musica da camera, aprii nuovamente la porta dell’aula di violino. Ricordo il silenzio, inusuale durante le loro lezioni, e ricordo i due violini appoggiati sul tavolo. E in fondo all’aula, sulla sedia dove di solito attendevo la fine della lezione, ecco il maestro stravaccato, con le gambe spalancate, e mia sorella inginocchiata con il capo chino, nella stessa posizione in cui l’avevo vista tante mentre dicevamo le preghiere della sera. Ricordo di essere rimasta stupita da quella scena, che faticavo a decifrare; ci misi quindi qualche secondo prima di registrare arche gli altri dettagli: la cintura che pendeva al fianco del maestro, la sua mano sul capo di Sara, e un rumore regolare, come di deglutizione.
E infine vidi l’intera scena: la gola di mia sorella sformata dal membro del maestro, di cui riuscivo a vedere la base tozza sparire e comparire dalla bocca di mia sorella. I pantaloni del maestro erano abbassati e potevo vedere lo scroto peloso muoversi con andamento opposto alla testa di Sara, segno che il maestro stava attivamente cacciandole in gola il cazzo, mentre le spingeva la testa in basso.
Ogni movimento del capo dell'allieva era soffocato dall’addome flaccido del maestro, rendendo il quadro ancora più disgustoso.
I rumori sordi del membro che sfondava la gola di mia sorella si interrompevano ogni manciata di secondi, quando il maestro allentava brevemente la presa per permettere alla disgraziata di tirare il fiato; la pausa durava non più di un respiro, e poi il movimento ripartiva più feroce di prima. Il volto di Sara era sfigurato dallo sforzo, gli occhi sporgevano dal resto del viso, bagnato dalle lacrime. Quando respirava, rivoli di saliva viscida colavano sui testicoli dell’uomo e quindi gocciolavano a terra.
Non avevo mai provato sentimenti negativi nei confronti di mia sorella, che anzi consideravo un modello e una guida. Mi sorpresi quindi a realizzare che l’unica emozione che quella scena suscitava in me era eccitazione. Non quella sessuale, che finora avevo sperimentato solamente da sola, in pensieri impuri notturni mai assecondati; si trattava dell’eccitazione della bestia che vede la preda catturata e ridotta all’impotenza, e che avrei poi imparato essere tipica del sadico. Vederla umiliata, con il viso sfatto, totalmente sottomessa a colui che fino a pochi minuti prima consideravo un rispettabile musicista alle soglie della pensione, mi provocava ondate di adrenalina che mi annebbiavano lo sguardo e la lucidità.
Incantata da quella scena insieme infima e sublime, mi accorsi tardi che il maestro aveva girato il volto verso di me e mi stava fissando, senza smettete un attimo di abusare della gola di Sara.
Sostenni il suo sguardo, riconoscendo istintivamente in lui un simile. Guardandomi negli occhi, l’uomo aumentò ritmo e la profondità dei suoi movimenti. I suoni provenienti da Sara erano sempre più simili a conati, ma nelle mie orecchie sentivo solo i battiti del mio cuore, che coprivano ogni cosa. Ad un tratto, il maestro si bloccò, impalando letteralmente la trachea di Sara con il suo cazzo, e grugnì senza ritegno. Feci appena in tempo a vedere una massa semiliquida di saliva, sperma, vomito e muco ricoprirgli i genitali, che lui mi fece un gesto deciso, intimandomi di andarmene.
Avevo ancora la mano sulla maniglia della porta e me la chiusi alle spalle mentre il cuore mi saliva in gola. Era stato lo spettacolo più forte della mia vita, ed ebbi chiare due cose: che non avrei mai preso in bocca un membro maschile, e che mai e poi mai mi sarei trovata sottomessa come era successo a Sara quel pomeriggio. Mi sbagliavo su entrambi i fronti.

Questo racconto di è stato letto 2 5 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti hot amatorialiracconti incesti gayracconti erotici di sessoracconti di mamme troieracconti prime voltestorie vere amatorialiracc inceststorie gay gratisracconti di camionistiracconti gay la prima voltatarga troionaracconti di tradimenti 69racconti gracconti erosracconti erotici zoofiliracconti erotici con mia sorellaracconti di tradimentoracconti di escortcognata provocanteeritici raccontiracconti hard sexmilù sessostorie erotiche verecuckold felicei pompini della ziairaccontieroticiracconti di masturbazione femminileannuncio 69 itracconti sex gratisstorie eoticheracconti donne matureracconti di mogli che tradisconolettere di coppieraqcconti eroticiraccontini eroticiracconti hotracconti solleticoi segreti della ziapompino sotto tavologeneri di racconti eroticisaune eroticheracconti erotici piccantierotici racconti.itracconti eroricipompino a mio figliopompino a mio fratelloracconti incestostorie hot gayracconti-eroticiincesti lesbiciracconti di veri incestiraccontierotici.itracconti sesso donnecconti eroticistorie erotiche pornoracconti gay ragazzipiedi femminili raccontiracconti gay e bisexstorie femdomracc sessracconti erotici violentataracconti erotici gay eteroracconti erotici diracconti eroyiciracconti massaggiracconto clisteresesso racconti eroticiracconti con transmoglie e marito bisexracconti porno zoofiliaracconti erotici padrona