L'amore è amore - pt.1/2

Scritto da , il 2020-01-25, genere tradimenti

Con la fine di settembre termina ufficialmente anche il lavoro al Diving, ci godiamo gli ultimi scampoli d’estate, sperando che il bel tempo si mantenga il più possibile per organizzare magari qualche tuffo sporadico fra noi, come quello di oggi: solo io, Ale, Luca, ed Enrico con il piccolo Stecco.

Fare finta che tra Enrico e me non sia accaduto nulla è un supplizio, vorrei odiarlo, cazzo, ma non ci riesco. Dalla mattina in cui mi ha scaricato ci siamo visti soltanto al Diving, e ho cercato ostinatamente di evitare il suo sguardo che pare sempre voler rinnovare le sue scuse. Cristoddio, che me ne faccio delle sue scuse? Ha preferito Alessandro a me! E ogni maledetto giorno devo sopportare di vederlo insieme a lui. Senza contare la tremenda sensazione di aver rischiato di mandare tutto a puttane per quello che ora posso definire uno stupido colpo di testa… Ma perché continuo a sentirmi così dannatamente attratta da quel coglione? "Devo fare la cosa giusta" ha detto... La cosa giusta sarebbe togliersi dal cazzo e non farsi vedere mai più, non continuare a torturarmi facendosi vedere ogni giorno... Non posso… non posso andare avanti così… devo parlare con Ale… devo dirgli tutto!

Al rientro in porto, Alessandro, Luca e Enrico finiscono di scaricare le bombole dal gommone, Stecco ed io facciamo un giro di ricognizione per controllare che tutta l'attrezzatura sia a lavata e appesa ai ganci, prima di chiudere il Diving e andare a pranzo.

– Mamma?! – Stecco vola verso la figura che mi si avvicina a passo svelto, con un piglio che non promette nulla di buono.

Enrico si volta, e di scatto ci raggiunge – Giada, che diavolo ci fai qui? oggi Francesco sta con me, ne avevamo già parlato. Francesco, vai a vedere se Luca di là ha bisogno di una mano. Corri!

Luca capisce al volo e porta Stecco sul pontile per evitargli di assistere all'ennesima scenata dei genitori.– E quindi è lei che ti scopi, vero? E il tuo amico ne è al corrente?– Giada, che cazzo dici? – cerca di allontanarla prendendola per un braccio – Ti ho già detto che non mi scopo proprio nessuna! Io non voglio più fingere di stare bene con te, la nostra storia è finita da parecchio, ammettilo! Non mettere in mezzo altre persone! – La sua voce è poco più che un ringhio sull’orecchio di lei.

Lei si divincola e urla ancora più forte: – Non prendermi per il culo, Enrico! Sei tu che hai distrutto la nostra vita, non puoi cavartela così! Ti hanno visto, la sera della festa, io me lo sentivo, cazzo, non avevo prove, ma ora lo so: vi hanno visto sgattaiolare in macchina a scopare come due opossum!– Tu sei pazza!

Richiamato dagli strepiti, si avvicina anche Alessandro. Giada si volta verso di lui, con un sorriso beffardo: – perché non lo chiedi direttamente alla tua troia, quanto ha goduto, saltando sul cazzo di mio marito?

Mi guarda attonito, poi guarda Enrico, poi di nuovo me.– Giada, vattene. Non ti permetto di parlare così nel mio Diving. Qui non sei più benvenuta.

– Io me e vado ma Francesco viene via con me! Non resterà un minuto di più in mezzo a questa gente! Enrico, noi due ci rivedremo in tribunale!

Si avvia verso il pontile, in direzione del ragazzo, e Enrico, dopo essersi scusato per la scenata della moglie li raggiunge, saluta Stecco scompigliandogli i capelli, lo abbraccia e gli dice qualcosa all'orecchio, Stecco gli risponde con un cenno di assenso. Ha un'espressione così triste da spezzare il cuore, mentre segue la madre che lo tira per un braccio.

Si volta, e ci fa un cenno di saluto da lontano, senza farsi vedere.
Enrico torna verso di noi, cupo in volto.

– Che cazzo voleva dire tua moglie con quelle parole? – Alessandro ha appena levato la maschera dell'imperturbabilità e ora i suoi occhi lanciano fulmini fiammeggianti in direzione di Enrico – Parla! Che cazzo significa?

Io mi accascio a terra, con le mani sul viso. Le emozioni e la tensione di questo periodo hanno preso il sopravvento e ormai tracimano come un fiume in piena, mi gonfiano il petto di singulti sgorgando dagli occhi insieme alle lacrime.

– Mi dispiace, Ale... – le parole mi escono dalla bocca miste ai singhiozzi. – mi dispiace... Volevo dirtelo, ma... è stata la follia di una notte, perdonami! Io... io ti amo...

Si lancia contro Enrico, sferrandogli un pugno sulla mandibola: “Tu! Traditore!!!”Enrico incassa il primo colpo, attonito, porta la mano sul viso. Ma Alessandro torna alla carica con un secondo pugno. Enrico lo intercetta afferrandogli il polso, e con un movimento fulmineo gli gira il braccio dietro la schiena, bloccandolo: – Basta, ti prego fermati. Non voglio lottare con te...

Alessandro freme di rabbia, – lasciami – ringhia.

Si allontana, fulminandomi con lo sguardo. Gli corro dietro – Ale, aspettami, ti prego, parliamo! – lo inseguo dentro la stanzetta del compressore.– Alice, vattene! di cosa cazzo vuoi parlarmi? Di come mi avete fatto fesso per tutto questo tempo? La mia donna e il mio amico! Che cliché del cazzo! Che mi vuoi dire? Che è stato solo una botta e via? Una cosa di sesso? Ti sei tolta un prurito e ora torni da me?

Sento la voce di Enrico arrivare dalla porta: – "No, Alessandro, non è così. Io sono innamorato di Alice. È vero, siamo stati insieme una volta, ma poi ci siamo fermati, avevo bisogno di riflettere, schiarirmi le idee… è che non posso perderti–

– Perdermi? Dovevi pensarci prima di scoparti la mia donna! Che cazzo di amico sei? – Sta tremando, stringe i pugni, temo che gli si avventi di nuovo contro, ma Enrico gli si para davanti – non hai capito, Ale! Io sono innamorato di Alice, ma sono innamorato anche di te!

Una bomba atomica è appena deflagrata. Percepisco distintamente il fungo radioattivo che si solleva nel mezzo della stanza e l'onda d'urto che ci colpisce in pieno.
Alessandro sbarra gli occhi, io non riesco a credere a quello che le mie orecchie hanno appena sentito.

Enrico posa lo sguardo alternativamente tra noi due, in silenzio. Fermi, come una nave dipinta in un oceano dipinto.

– Prendimi a pugni, se è quello che vuoi. Io ti amo, vi amo entrambi, è da pazzi, lo so, non avevo mai provato nulla di simile in tutta la mia vita. Ma, ti prego, puoi prendere in considerazione l’idea che anche tu provi qualcosa per me?

Detto questo, gli prende il viso tra le mani e lo bacia, un gesto fulmineo pieno di passione e disperazione.

– Mi dispiace di avervi sconvolto la vita, non vi cercherò più, se è questo che volete. – infila la porta e se ne va, lasciandoci soli.

Sono finita dentro un fermo immagine, se non fosse per il battito del cuore che mi romba nelle orecchie e il groppo in gola che cerco invano di deglutire giurerei che il tempo si è congelato. Alessandro ha ancora gli occhi sbarrati, fissi sulla porta. Sul viso un'espressione indecifrabile, gli occhi neri sono come finestre su un abisso a cui io ora non ho accesso. La fronte increspata da una profonda ruga rivela un tormento che la sua bocca non riesce a esprimere.

Porta una mano alle labbra, come se volesse indagare se quel tocco sia stato reale, o solo un'illusione, e infine mi volta le spalle, nascondendo al mio sguardo il tumulto nel suo petto.

Sulla sua schiena ampia, la pelle cotta dal sole porta il segno del suo amore per il mare e per me: una manta stilizzata, al cui interno, ben nascoste tra gli intrecci del disegno, le due A di Alice e Alessandro, indissolubilmente legate fra loro nell'inchiostro. Percorro con lo sguardo quel disegno così familiare, come se fosse la prima volta.

Cosa succederà ora? Le nostre vite non potranno mai tornare come prima, e al momento non ho idea di che direzione prenderanno gli eventi.

– Ale... torniamo a casa. Ci facciamo una doccia, mangiamo un boccone, ci schiariamo un po' le idee...

– Vai tu. Io ho bisogno di stare da solo, ora. – Afferra le sue cose e se ne va.

A casa, mi infilo sotto la doccia e mi lascio cullare dal getto di acqua bollente: vorrei lavare via l'orribile senso di perdita che mi sento addosso, e tutta la confusione...

Enrico mi ama. Enrico ama Alessandro.

Questo racconto di è stato letto 1 6 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconto erotico veroeroticiracontiracconta eroticiracconti hard incestscopate da caniracconti sroticiracconti porno di donne maturerqcconti eroticistprie pornoracconti scopataracconti incesto figlioraccontii eroticiracconti erotociracconti erotici mia ziaracoonti eroticiracconti sadomaso gayerotici raccontoincesti eroticicconti eroticierotoci raccontiracconti sentimentalibdsm storieracconto xxxracconti pirnoxnxx fratello e sorellaracconti poenoraconti pornoraccontiincestirqcconti eroticiracconti bdsm gaydonne che si fanno inculare dai caniracconti 69.itmoglie puttana raccontiracconti erotici sottomissioneracconti pronoracconti erotici nuoreracconti lesboracconti gay illustratieroriciraccontinonna eroticamia moglie esibitastorie tramplingracconti rtoticierotico storiestorie hot gratisracconti erotici fotoeroticiraccontisega eroticasculacciate erotichestorie pormostorie di escortracconti amore gayschiava padroneracconti erotici nipoteerotico raccontostorue pornoracconti incentuosiracconti suppostala porcellonaracconti erotici cornaraccpnti pornoracconti cuckoldracconto bdsmracconto schiavaracconti erotici freeracconti erotiistorie erotracconti erotici nonna nipoteincrstiracconti erotici perversiracconti poracconti eroticciracconti di massaggiho scopato la nonnaracconti erotici sui piediracconti amorosiracconto eroticoracconti erotici ziostorie porno italianoannunci69.iystorie porniracconti erotici miluracconti gang bangracvonti pornoracconti mamme incesti