Romina 1997

Scritto da , il 2020-01-25, genere incesti

Quando Romina aprì la porta non riuscì a crederci.
Giulia, sua madre, una cinquantenne bionda ancora giovanile e piacente se ne stava chinata sul tavolo della cucina con la gonna sollevata in capo. Sotto non indossava nulla e le sue chiappe sode dondolavano ad ogni colpo.
L'uomo che la stava inculando con una foga inimmaginabile era Mario, il suo ragazzo.
Nudo dalla testa ai piedi, sudatissimo se ne stava avvinghiato ai fianchi della donna pompando a tutto spiano.
Era così preso dal fottersi la futura suocera che neanche si era accorto di Romina.
“Porco bastardo!” urlò la ragazza con tutta la voce che aveva e solo allora lui voltò la testa e la guardò.
Certo era in forte imbarazzo ma il suo uccello era così preso a fottere il culo di Giulia che il bacino continuava ad ondeggiare avanti ed indietro e ciò proseguì finchè, pur mascherandolo, non sentì il cazzo che si svuotava nel culo della donna.
Solo allora i due porci si ricomposero e si voltarono a fissare la ragazza. Mario nudo con l'uccello mogio mogio e la madre con la sborra che colava da sotto la gonna erano lì dritti come due bambini
“Ma che cazzo vi è venuto in mente a voi due... Tu, bastardo che non sei altro. Ti faccio chiavare tre volte al giorno cos'è non ti basta ancora che mi devi proprio fottere la madre?”.
“E tu vecchia baldracca. Mi dovevi proprio scopare il fidanzato...”.
Mario non aveva parole così fu Giulia ad intervenire “Tesoro mio, bella di mamma non ci vedere cose più grosse del dovuto. Tuo padre, forse tu non lo sai ma da quando ha avuto quell'incidente d'auto sei anni fa...”.
“Quando si è rotto la gamba...” annuì Romina.
“Fosse solo la gamba -sospirò la madre- gli è partita una palla tesoro mio. Tuo padre ha perso la sua virilità. Non gli si alza neanche con un argano te lo giuro”.
“Non lo sapevo”.
“Non lo sa nessuno. Solo voi due. E non ditelo in giro per favore che già così la situazione è difficile. Ma tu lo sai Romina cosa vuol dire scopare con l'uccello molle. Se lo tiene in mano e me lo infila piano piano tanto per fare il gesto ma io non sento un bel nulla di nulla. Lui mi palpa un pochino, me lo sfrega sul senno e poi se lo mena un po' tanto per fare lo schizzo e togliersi la voglia... Questo è scopare per tua madre!”.
Mario le fissava in silenzio seduto nudo sul divano sperando che a lui e al suo anguillone non accadesse mai nulla di simile.
“Sei anni di grilletti chiusa in bagno col dito, con la zucchina... una volta con una carota. Non credi che avessi voglia di un cazzo vero?”.
“E ti dovevi prendere proprio quello del mio ragazzo”.
“Non è stato voluto, te lo giuro. Ero venuta a portarvi la spesa a casa e sono entrata con le mie chiavi. Mario non mi ha sentita e io non sapevo fosse in casa”.
“Ero sotto la doccia” disse lui.
“Infatti è arrivato qui tutto nudo con quel coso duro e io non ho resistito. Era così bello, così dritto. Mi sono tuffata. Gliel'ho preso in mano prima ancora di pensarci e quando ho capito cosa stavamo facendo gli stavo già tirando un pompino”.
Mario annuì in silenzio mettendosi le mani a coppa sull'uccello. L'idea di quanto raccontava Giulia, di lei sulla tazza del cesso con la zucchina lo aveva eccitato di nuovo.
“E tu porco non hai resistito vero?” scattò Romina.
“Bhe lei... La sua lingua... E poi mi ha detto di prenderla, che mi dava tutto... Tutto capisci!”.
“Offrire il culo stimola sempre” annuì la madre.
“Si è un grosso incentivo” annuì Mario.
“Quindi .concluse Romina- solo perchè io non ti ho ancora dato il culo tu ti sei preso quello di mia madre”.
“E' stato una tantum Romina, dai non farla così grossa”.
“Ma si dai -ammiccò la madre- finchè resta in famiglia non è poi grave”.
“Quindi io cosa dovrei fare?” chiese la ragazza.
“Questo devi dircelo tu” annuì la madre.
“Se ascoltassi la voglia taglierei il cazzo a lui e metterei un tappo tra le gambe a te!” scattò la ragazza furiosa.
“Guadagneresti poco. Tu avresti un marito inutile come il mio, e io dovrei imparare a far pipì col sedere” rise la madre per sdrammatizzare.
“Magari potresti capirci” suggerì Mario.
“Capirvi?”.
“Tollerare la cosa...” annuì la madre facendole intendere che non voleva certo limitarsi a quell'unica volta.
“Insomma voi due vorreste che io voltassi la schiena ogni tanto e vi lasciassi scopare....”.
“Bhe no -propose il ragazzo- io pensavo che in tre è anche meglio che in due amore mio”.
“Sei solo un porco!” scattò lei.
Poi li fissò. Lo nascondeva bene ma si era eccitata a guardarli chiavare e aveva sotto una voglia assurda e incontenibile.
“Allora facciamo così. Facciamo che adesso vi punisco. Vi perdono ma prima vi punisco”.
“Che vuoi fare?” si preoccupò Mario temendo chissà cosa.
“Voglio farti provare quel che ho provato io dieci minuti fa. Guardare il tuo compagno che si scopa tua madre. Ora tu ti metti lì sul divano imbalsamato, immobile e stai zitto.
Mentre lo diceva si stava già calando la gonna bianca restando in calze autoreggenti e perizoma nero.
“Ora ti guardi la mogliettina che si toglie le voglie alle tue spalle” sorrise Romina togliendo anche camicetta e reggiseno.
Con le sue tettine sode e i grossi capezzoli duri fissò il ragazzo con aria di sfida e sedette sul tavolo a gambe larghe sfilandosi anche gli slip.
“E tu vacca. Vieni qui. Vediamo che piacere ti fa sapere che tua figlia è più porca di te”.
Giulia era basita e stupefatta... ma anche tremendamnete eccitata.
Si avvicinò chinandosi appena tra le gambe della ragazza “Forza ficca la testa dentro vaccona, senti come sa di buono la tua figliola”.
Era quella la punizione? Pensò stupito Mario eccitato come un cavallo da monta.....

2
Sotto gli occhi incerti di Mario, Romina fece sdraiare a terra sua madre e le si accucciò sopra a gambe larghe.
Mario poteva vedere bene la lingua di Giulia leccare la patata della figlia a tutto spiano.
Si vedeva bene che la vecchia non lo faceva per forza ma perchè le piaceva.
Le due ci stavano prendendo gusto.
Rimaste quasi nude scivolarono lentamente in un 69 eccitantissimo, tanto più se compiuto da madre e figlia.
Mario non ne poteva più. Aveva il cazzo di marmo.
Quando vide la sua ragazza gemere in un orgasmo che le fece colare sbroda sulle gambe era così arrapato che gli partì uno schizzo di sborra da paura.
Eppure non gli calò la voglia, ne l'erezione. Fu istintivo avvicinarsi alle due che incuranti di lui continuavano a darci a tutto spiano e porgere il cazzo alla bocca della suocera.
Giulia infatti, chinata a pecorina con la figlia sdraiata fra le gambe a sgrilletarle la fica fu subito tentata di inghiottire quella trave di carne per raddoppiare il proprio piacere.
Aveva appena iniziato a lavorare di lingua sulla sua cappella quando Romina sbucata dalle sue gambe scattò di colpo “Toglile quell'uccello dalla bocca!”.
Mario non capì. La fissava col cazzo duro poggiato alle labbra di sua madre incerto sul da farsi.
“Tu non sei ancora stato perdonato. La scopata con mia madre te la sei già fatta...”.
“Romina ma io...Mi fate venire una voglia”.
“Bravo. Allora sfogati con una sega. Tanto finchè non sarai perdonato puoi farti solo quelle”.
“Amore ti ho chiesto scusa”.
“Non basta. Dovrai essere punito in qualche modo. Una punizione per espiare le tue colpe”.
“In che senso scusa?”.
“Bhe per adesso non ci ho ancora pensato. Finchè non mi verrà in mente fai pure conto che tra le gambe ho un cartellino di chiuso per ferie”.
“E io solo seghe?”.
“puoi sempre scoparti mia madre. Ormai l'avete fatto, lo so, fatte al pure”.
Mario si illuminò. Era ancora col cazzo accanto alla suocera e la fissava. Quelle parole di Romina lo incentivarono a spingere un pochino il cazzo in avanti verso la sua bocca... L'orgia madre-figlia era il suo sogno. Ma ancora una volta la ragazza lo bloccò.
“No. Non adesso. Ora me la faccio io. Tu aspetti il tuo turno capito”.
“Non molto?”.
“E' la punizione che ho scelto per questa porcona. Sbattercela a turno come una troia. Prima lesbica con me, poi si fa montare da te, poi di nuovo da me.. La nostra troia capito?”.
Un ottima idea pensò Mario senza dirlo.
Giulia provò ad obiettare ma lesta Romina la bloccò “Zitta porca. Tu hai perso ogni diritto a dire qualsiasi cosa. L'hai detto tu che sei una troia vogliosa no? Bene sarai accontentata”.
“Romina ma da quando sei diventata così cattiva e perversa?” chiese la donna.
“Da sempre” sorrise la figlia e tanto per chiarire la situazione le ficcò due dita nel culo...
Mario restò a fissare la sua ragazza mentre ficcava dita nel culo e nella fica alla madre facendola crogiolare sbroda come una fontana. C'era qualcosa che andava oltre alla vendetta. Qualcosa che la ragazza desiderava fare da tempo e non aveva mai osato chiedere.
Si interruppero solo quando sarebbe diventato rischioso continuare. Giusto il tempo di fare una bella doccia e farsi trovare puliti e vestiti al rientro di nonna Mara.
La signora, una sessantottenne molto formosa e ancora piacente usciva ogni pomeriggio per andare al circolo anziani dalle amiche e tornava puntualmente alle sei ogni sera.
Quando arrivò non sembrava sospettasse di nulla.
Mangiarono tranquillamente e Mario si stupì di come Romina davanti a sua nonna fingesse la più totale indifferenza chiacchierando amabilmente con lui e sua madre come nulla fosse.
Pareva quasi che l'episodio del pomeriggio non fosse successo. Dopo cena erano tutti tranquilli in salotto a guardare la tv, Romina abbracciata a a lui, Giulia tranquilla in poltrona come nulla fosse. Mancava solo il padre di Romina che era fuori per qualche giorno con alcuni amici.
Forse si era davvero sognato tutto cominciò a pensare.
Ma l'illusione durò solo fino alla fine del film quando nonna Mara salutò tutti e andò a letto.
Appena il tempo di farle salire le scale e Romina sorprendendolo ancora una volta si alzò, andò di fronte alla poltrona dove era seduta sua madre e si sollevò la gonna.
Sotto non aveva nulla.
Mise una mano sulla nuca a Giulia e la attirò a se guidandosela fra le gambe.
La madre iniziò a leccarla.
Romina prese a gemere di piacere.
La ragazza si voltò a guardare Mario tutta seria. “Tu vai pure di sopra, mi faccio dare una ripassata e poi te la mando. Mettiti nel suo letto e aspetta il tuo turno”.
“Vuoi dire che vado a letto con lei?”.
“Si. Passerete la notte assieme anche perchè io con te a letto non ti ci voglio per un po'. Quindi vedi tu. O dormi da solo a vai a letto con questa bagasciona” ridacchiò Romina.
Obbedì.
Salì in camera di Giulia e prese a denudarsi.
Era combattuto tra la rabbia per quanto stava accadendo di sotto e l'eccitazione per quanto avrebbe avuto dopo da Giulia. E la rabbia glielo faceva diventare ancora più duro.
Completamente nudo abbassò le lenzuola per sdraiarsi al posto del suo futuro suocero e fottergli la moglie.
Sperando che Romina si decidesse a perdonarlo consolarsi con Giulia non gli dispiaceva affatto.
Sentì la porta che si apriva. Eccola. Era lei, la matura porcellona pronta al bis.
Si voltò a fissare la porta sorridendo “Avete già finito...” disse ridendo prima che le parole gli morissero in bocca.
C'era si una donna sulla porta ma non quella che lui aspettava.
“Mario cosa fai nudo in camera di mia figlia?” sbottò la vecchia restando a fissarlo.
“Mara io... Io...” balbettò lui.
“Lascia stare -scosse la testa la nonnina- mi sa che ho già capito tutto”...

2
Dopo essersi fatto scoprire da Romina a fottergli la madre ora la nonna lo beccava nudo nel letto della suocera.
Decisamente una giornata imbarazzante pensò Mario
E ora che altro gli sarebbe successo, dopo che Romina gli aveva chiaramente detto che per un po' non gli si sarebbe più concessa che poteva fare la nonna?
Urlare? Cacciarlo da casa? Picchiarlo?
Niente di tutto ciò.
Quando la vecchia, senza esitazioni si calò i pantaloni elastici del pigiama capì cosa aveva in mente.
Nuda dalla vita in giù mostrava una patatona ancora pelosa anche se ingrigita e, soprattutto, appena tolto il resto del pigiama apparvero due borracce di tette grosse come angurie.
Mario aveva sempre adorato le tettone. Quelle belle perone gonfie e traboccanti dondolanti sul petto.
Neanche ne avesse avuto bisogno l'uccello gli si rizzò come un missile pronto al lancio.
Nonna Mara andò dritto al sodo. L'età faceva questo effetto. Poche chiacchiere e tanto sesso.
In un attimo erano sul letto e la vecchia si era sdraiata di fianco a lui col culone burroso piazzato accanto al suo viso e la bocca sul suo cazzo.
Ci dava di brutto la nonna.
Un pompino da favola che lo convinse a ficcarle una mano fra le gambe iniziando a sgrillettarle la vecchia patatona grigia.
Gemeva, gemeva come una ragazzina.
“Lo sai che sono quindici anni che non prendo un cazzo vero?” disse tra una leccata di uccello e l'altra.
“Allora direi che non c'è tempo da perdere” suggerì lui e facendola sdraiare a gambe larghe le si sdraiò sopra e la penetrò con decisone.
Era bella calda in grado di rivaleggiare con quella di figlia e nipote. Mario se la spassava da morire con quei tettoni fra le mani e quella ficona in calore si stava facendo una scopata abissale.
“oddio eccolo eccolo... arriva... non smettere ti prego non smettere... ti do quel che vuoi ma non smettere” lo implorò la vecchia che dopo tanto tempo stava godendo un orgasmo impagabile.
Lui non smise. Trattenne la sborrata e la fece godere.
Mara cacciò un urlo di soddisfazione, quasi pianse dalla gioia per quanto la sua vagina aveva goduto.
Ormai al culmine Mario glielo tirò fuori dalle gambe, puntò sulle grosse tettone e concluse con uno schizzo di fuoco che firmo la bella chiavata con la nonnina.
“Sei stato fantastico” gli sussurrò mentre riprendeva fiato.
Era tutta rossa per l'amplesso tanto che per un attimo, vista l'età, Mario dubitò persino che le stesse per venire un infarto.
Invece bastarono pochi minuti e già era pimpante come prima.
Si alzò dal letto “Chissà dove è finito il mio pigiama” disse chinandosi a guardare sul pavimento.
Mario ancora sdraiato sul letto la sbirciò e, (folgorazione!) appena si chinò in avanti gli prese l'irresistibile voglia di quel grosso culone burroso.
Si alzò, le si adagiò dietro e iniziò a palparla. “Mario ma che stai facendo?”.
“Avevi detto fammi venire e ti do quel che vuoi no”.
“e tu vorresti.....” sussurrò la nonnina.
Un dito ficcato tra le chiappe chiarì il concetto meglio di mille parole.
“Poggia le mani sul muro e chinati un pochino in avanti” le disse.
Mara non fece resistenza, evidentemente le piaceva più di qunato volesse fargli intendere. “Fai piano però che lì non ci entra nulla da un bel po' di tempo”.
“Tranquilla apro io la strada” e sputandosi sulle dita si inumidì bene la cappella.
TROMB! Fece il culone appena il cazzo le entrò dentro.
“AIA” urlò Mara per il dolore.
Non era andato tanto per il sottile. Un colpo secco e già le aveva spalancato il culo.
Restò fermo un attimo per farlo assestare in modo che la vecchia si abituasse a quell'uccello nel culo e poi riprese a pompare più di prima.
“Oooo.... Adesso si... Si! Siiii!” mugugnò la tardona mentre lui pompava a tutto spiano.
“Ti rompo il culo” ringhiò Mario con tutta la rabbia che aveva in corpo.
“Si sfondami, sfondami” lo incitava la vecchia.
“Ti faccio un clistere di sborra troiona”.
“Si si sono la tua troia” annuiva lei godendo di brutto.
“Troiaaaaaaaaaaaa” ansimò lui sentendo che stava per sborrare.
“Bravi, molto bravi” li interruppe una voce.
Mario voltò la testa spaventato.
“O cazzo Giulia!” esclamò mentre per reazione lo sfilava dal culo della vecchia.
“Pensavo aspettassi mè ragazzo” disse la donna che era ancora completamente nuda ed invitante.
“Sei arrivata tardi bella mia -aggiunse la vecchia mentre dal culo le colava una cascata di sperma caldo -il tuo futuro genero mi ha già fatto il pieno davanti e dietro”.
Mario era ancora basito “Intendi dire che a te la cosa non dispiace?”.
“E perchè dovrebbe -disse Giulia- io e la nonna abbiamo lo stesso problema da qualche anno. Come è venuto in mente a me di sedurti è ovvio che sia venuto anche a lei ti pare?”.
“Quindi volete farmi capire che...” sbottò il ragazzo.
“Che ci siamo fiondate addosso a te come due troie” rise Mara.
“Tu e Romina scopate sempre con la porta aperta. Potevate davvero credere che non vi vedessimo” gli fece notare Giulia.
“Visti e ammirati” annuì la nonna.
“Ci siamo dette. Se ha così tanta energia forse non ne negherà un po' alla suocera e alla nonna” sorrise Giulia.
“E mi avete sedotto” concluse lui.
“Abbiamo solo lasciato che le cose facessero il loro corso naturale. Quando mi hai trovata nel tuo salotto potevi coprirti e correre a vestirti oppure....”.
“Scopartela come pensavo io” annuì la vecchia.
“E lo stesso vale per lei. Ti ha offerto la mercanzia ma se non la volevi bastava dire no”.
“Non ho mai pensato di dirvi no” disse lui.
“Buon per te così almeno la smettiamo di consumare le punte ai cetrioli” disse la nonna e dal cassetto del comodino prese un grosso zucchino su cui era stato messo un preservativo. Era grosso come il suo cazzo. “Tuo?” chiese a Giulia.
“Lo usiamo un po' per una” rise la nonna.
“Assieme?”.
“Bhe ci si aiuta no...” ammiccò Giulia.
“Si capisco...”.
“Allora cosa vuoi fare? Puoi ancora uscire dalla stanza e noi dimenticheremo tutto. Fra qualche giorno a Romina sarà passata la rabbia e tutto tornerà come prima” suggerì Giulia
“Oppure resti e ti assumi tutto l'onere della tua scelta” propose la nonna sfiorandogli delicatamente il cazzo.
A Mario la sola idea di scopare assieme quelle due vaccone lo fece diventare più duro di prima. “Guarda -rise Mara- il tuo uccellone dice che è d'accordo con me”.
Il ragazzo si guardò tra le gambe. L'indurimento glielo faceva ondeggiare avanti e indietro. Sembrava davvero una segno d'assenso.
Non potè fare a meno di ridere anche lui...poi si tuffò a letto in mezzo alle due tardone.

3
Fu una notte di perdizione assoluta.
La madre ultrasessantenne e la figlia cinquantenne si davano da fare meglio di due porno-star.
Non era la prima volta che le due si davano da fare. Come gli avevano confessato erano maestre di lesbismo da anni.
Ora con una sincronia perfetta gli leccavano il cazzo lingua contro lingua o si facevano fottere mentre l'altra maliziosamente passava a Steve la lingua nel culo per prolungargli l'erezione.
Non aveva mai scopato così tanto e solo molte sborrate più tardi quando prese fiato un attimo si rese conto che Romina era rimasta di sotto da sola.
“Ma Romina?” chiese temendo solo in quel momento che piombasse a rovinargli la festa.
Mara, che nella pausa, si era ficcata un cazzo di lattice grosso come un palo nella fica e lo muoveva con grande maestria lo fissò senza capire.
“Se sale e ci becca così è finita”.
“Non ti preoccupare -disse Giulia che si stava passando una crema sulle labbra rosse della vulva- non credo sentirà la nostra mancanza”.
“Cosa vuoi dire!” si agitò lui.
“Diciamo che sta provvedendo alla tua punizione” ammiccò la madre.
“Vuoi dire che...” temette lui.
“Le è bastata una telefonata. Per questo mi ha mandata via lo voleva tutto per lui”.
Mario agitatissimo, senza neanche rivestirsi scese le scale a piombò in salotto.
Giulia non aveva mentito.
Romina era con un altro uomo.
La guardò. Aveva persino trovato il tempo di vestirsi da troia con un body di pizzo che le spingeva in fuori il seno e lasciava in bella mostra la fica. calze nere a rete e tacchi a spillo vertiginosi.
Non ricordava di aver mai visto quei vestiti. Se non fosse che li indossava per un altro uomo la cosa lo avrebbe persino arrapato.
Ma ciò che era più sconvolgente era il ragazzo che la stava scopando. Alto, atletico, moro e, lo vide quando lo tirò fuori dalla fica di Romina per ficcarglielo in bocca, con un tronco lungo come un trave.
Lui stava lì a guardare. All'inizio solo imbarazzato ma pian piano quella scena degna di un film porno finì per arraparlo.
Romina lo vide perchè blocco il pompino e lo fissò “Lui è il mio ragazzo Mario” disse.
“Ciao io sono George” disse educatamente il super dotato porgendogli la mano come nulla fosse.
Che Romina fosse chinata a succhiargli il cazzo non pareva dargli alcun disagio.
Un po' a disagio Mario gli strinse la mano.
Proprio in quel momento Romina accelerò il ritmo.
“Urk...” esclamò George e ancora mano nella mano sparò uno schizzo che gli arrivò addosso per quanto era lungo e fluente.
Sembrava un rubinetto aperto. Non un unica sparata ma una serie di sei, sette fiotti ad ogni colpo che Romina dava al suo cazzo.
Alla fine la ragazza aveva sborra ovunque.
Si alzò in piedi, li guardò entrambi e disse tranquillamente “Vado a lavarmi via la sborra e poi continuiamo”.
“Nessun problema” sorrise George.
Restarono soli.
“Sigaretta?” disse George estraendo il pacchetto dai suoi vestiti. Pareva del tutto a suo agio a muoversi nudo con quel randello a ciondoloni tra le gambe incurante di essersi appena scopato la sua ragazza.
“Si forse una mi farà bene “ annuì Steve e la accese nervosamente pentendosi ancora una volta di essere sceso nudo.
“Allora grazie di tutto” disse George sventolandogli il cazzo davanti ancora una volta.
“Grazie di cosa scusa?”.
“Bhe dell'invito no. Sono anni che volevo farmi Romina ma non ho mai avuto l'occasione. Adesso però che tu sei consenziente....”.
“Consenziente?” sbottò Mario.
“Si, così mi ha detto. Che tu ci stavi a farlo in tre assieme. Che volevi fare un orgia...”.
“No io...” balbettò.
“Ha detto che mi scaldava lei e poi tu scendevi dopo per la seconda parte”.
“Guarda che io non ne so nulla”.
George parve stupito. “Vuoi dirmi che non sei consenziente?”.
“Assolutamente no”.
“Occavoli, allora mi sa che ci sei rimasto male a trovarci così. Senti amico io non volevo farti torto. Non lo sapevo”.
“Non preoccuparti -annuì Mario ormai rassegnato a tutto- oggi ho fatto un gran casino. Mi sono scopato mia suocera. La mamma di Romina. Lei mi ha beccato e questa è la seconda parte della punizione temo”.
“Seconda parte?” chiese George.
“Si. La prima è stata vedere Romina che si faceva la madre”.
“Cioè quella che ti sei scopato tu?”.
Mario annuì.
“Alla faccia della mammina” commentò George.
Mario capì di avere davanti un amico, forse un alleato così raccontò tutto. Anche della nonna.
“Porca miseria -concluse alla fine George- io qui pompavo di brutto ma anche tu sopra mica ti sei annoiato”.
“Ho fatto del mio meglio. Ma quelle due penso siano ancora sveglie per il secondo round”.
“Senti amico, se ti va di restare a chiarirti con Romina vado sopra io a sostituirti. Il cannone qui è pronto se serve”.
“Non penso sia il caso” scosse la testa.
“ok, ok era solo una proposta, tanto ho già capito che tu non sei affatto bisex...”.
“Io Bisex?”.
“Così mi ha detto Romina. La seconda parte doveva essere fra noi due se non l'hai capito”.
“Cioè tu vorresti...?” chiese allibito.
“Bhe io sono bisex tesoruccio” ammiccò George.
“E da stasera lo sei anche tu!” subentrò una voce alle loro spalle.
Era Romina, ripulita ma ancora vestita da troia.
“E' questa la tua punizione. Se vuoi che ti perdoni devi sottoporti a questa prova per me?”.
“Romina ma che cazzo stai dicendo?”.
“Dico che se mi ami ora gli prendi il cazzo in bocca e ciucci tesoro mio. Forza datti da fare....”.

4
C'era qualcosa di insano in ciò che stava facendo ma anche di eccitante.
Non aveva mai fatto queste cose ed era certo che gli uomini non lo avessero mai attratto in tal senso eppure quell'uccello grosso e duro lo provocava, lo eccitava, lo attraeva.
Rinunciando a dare una spiegazione logica a quanto gli stava accadendo aprì la bocca e si avventò su quella cappella gonfia.
Per un istante si sentì mancare il fiato tanto era gonfia ma subito fu pervaso da una strana euforia. Il cazzo gli batteva sulla lingua, sulla gola, sul palato e, imprevedibilmente, gli stava facendo indurire il cazzo.
Non aveva mai fatto un pompino ma sapeva bene come li avrebbe voluti così, immaginando fosse il suo, prese a succhiare, a leccare il buchino sopra alla cappella ed ad accarezzargli i coglioni.
George gemeva mostrando di gradire molto quel lavoretto. Anche Romina guardava soddisfatta.
Sentì che si gonfiava diventando sempre più duro e anche il suo altrettanto si induriva attimo dopo attimo.
Così tenendo una mano sul cazzo di George si ficcò l'altra fra le gambe iniziando a masturbarsi vorticosamente per appagare il suo piacere.
A un certo punto George si ritrasse indietro sfilandoglielo di bocca, pensò di aver sbagliato qualcosa ma George non pareva affatto arrabbiato... era solo pronto a passare alla fase due.
“preferisci a pecorina o sdraiato con le gambe in aria?” gli chiese.
“Preferisco cosa?”.
“Prenderlo nel culo cosa sennò” scattò secca Romina che si stava anch'essa godendo lo spettacolo con particolare piacere visto che si stava vistosamente massaggiando la fichetta con due dita.
“Sputati su un dito e ungiti un pochino il buchetto così entra meglio” gli consigliò George dimostrandogli che non era la prima volta che sodomizzava qualcuno.
Quel serpente di carne lo spaventava parecchio. Immaginarselo nel culo faceva male solo a pensarci.
Eppure era così intrigante. L'idea stessa di uscire dagli schemi, di passare la soglia e godere del sesso a 360 gradi.
Cosi prese coraggio e lo fece, ormai aveva superato ogni confine, si era sbattuto una ultra sessantenne godendo come un porco, aveva sodomizzato a ripetizione una porca quarantenne e poi se le era ripassate in coppia come il miglior scopatore di un film porno.
La sua virilità era ai massimi.
Non doveva dimostrare nulla a nessuno e poteva pensare solo a godere.
Si accucciò come un cane “Prendimi forza cosa aspetti...” annuì rivolto a George.
Il nuovo amico non si fece pregare. Sentì il suo fiato sul collo mentre gli si metteva accanto, sentì le sue dita umide di saliva massaggiargli il sedere. Prima vi infilò un dito e Mario sentì una contrazione appena più forte di quando ci si infila una supposta, poi il dolore divenne piacevole. Una scarica di piacere che andava dal culo fino alla punta del cazzo provocandogli forse la più gonfia erezione che avesse a ricordare.
Era così eccitato che mentre dietro George continuava a masturbargli il culo prese a massaggiarsi l'uccello a tutta velocità in cerca di un veloce orgasmo.
Poi avvenne.
Lentamente il dito umido di George gli uscì dalle chiappe e poco dopo qualcosa di grosso, duro e inarrestabile prese a farsi strada nel suo sfintere.
George lo stava penetrando. Lento e delicato ma inarrestabile.
Le pareti delle sue cavità anali si spalancavano ad ogni colpo e faceva un gran male certo ma tutto si compensava da un immenso piacere quasi orgasmico.
Ci mise un mucchio di tempo per non spaccarlo ma alla fine tutta quell'anguilla di carne gli entrò completamente nel culo.
Sentiva i coglioni grossi e gonfi di George poggiati sulle chiappe, godeva il peso del suo corpo sulla schiena.
“Ti faccio male?” gli chiese accarezzandogli i capelli.
“No no mi piace” ansimò.
“Allora sei pronto a far partire la giostra”...
“Ormai sono pronto a tutto” annuì e George senza più censure iniziò a pompare a tutta forza.
Credeva di aver già provato il massimo del piacere ma era ancora nulla rispetto a quando George iniziò a pompare a tutta forza su e giù nel suo culo.
“Oddio ma è fantastico” gemette menandosi il cazzo a tutta forza.
“Si George, si è bellissimo!” ululò.
Stava godendo il suo primo orgasmo anale.
Ma Romina gli rovinò la festa. Ponendosi davanti a lui con la vulva ad altezza dei suoi occhi disse “Direi che hai sofferto abbastanza”.
“Come?” chiese lui.
“La punizione è finita. Ciò che hai fatto a mia madre è perdonato”.
“Non credo sia così facile tesoro. Tua madre è troppo bona e credo continuerò a sbattermela ancora. Non puoi guidare questo gioco amore mio”.
“E quindi che dovrei fare secondo te?”.
“Capirmi. Capire che quello che faccio con lei è solo sesso ma l'amore della mia vita sei solo tu”.
Sul volto di Romina apparvero delle lacrime di commozione “Credi davvero a ciò che stai dicendo?”.
Non poteva mentire. Non con un cazzo nel culo.
“Mario sei il miglior uomo che potessi incontrare. Io ti ho così mal giudicato e tu invece sei disposto anche a farti sodomizzare per me... Questo si che è amore”.
“Si amore... si” annuì lui sempre con quel randello di carne che gli sconquassava le viscere.
“Amore adesso non resisto più” disse Romina e senza indugi si chinò tra le sue gambe.
Mario la prese con un erezione incontenibile fra le gambe e la profanò.
George pompava nel suo culo, Romina gli prosciugava l'uccello con la fica rovente.
Un vero paradiso.
Quando eiaculò fu come un vulcano. Una vera eruzione di rabbia, soddisfazione e liberazione.
“Bellissimo” mormorò lasciandosi cadere sul corpo nudo di Romina stremato.
Lei lo strinse fra le sue braccia accarezzandolo con dolcezza.
“Ti amo” gli sussurrò.
“Ti amo anche io” sospirò Mario.
George intanto aveva ancora la mano sul cazzo e si apprestava a concludere a sua volta. “Toglietevi dalla traiettoria se non volete fare la doccia” sorrise lui maneggiando quell'uccello enorme.
“Amore mio posso bere?” chiese Romina avidamente attratta da George.
“Tesoro mio ormai puoi fare tutto ciò che vuoi. Io posso capirti come tu hai capito me” le disse con dolcezza.
Avida di piacere Romina si avventò su George assetata di sperma.
Erano ancora lì con Romina a succhiargli il pene e Mario nudo accanto a loro quando apparvero le due donne.
“Ma bravi belle cose fate nel mio salotto” commentò Mara con tono di rimprovero.
Una cosa che avrebbe anche potuto esser presa sul serio se la vecchia non fosse stata completamente nuda.
“Che porconi!” aggiunse Giulia accanto a lei a sua volta nudissima e assai poco credibile.
Le due tardone si avvicinarono.
Mara prese in mano il cazzo a Mario “Ummm esaurito. Bisogna farlo riposare qualche ora mi sa”.
Giulia intanto lo sfilò di bocca alla figlia “Urka che bel travone ragazzo”.
“Grazie” annuì George che ormai tratteneva a stento l'eiaculazione.
“Anche questo è alla fine sai” disse Giulia.
E cosi commentando le due tardone si avventarono bocca contro bocca sul cazzone di George.
Se non potevano provarlo per lo meno potevano assaggiarne il sapore....

5
La mattina successiva Mario si svegliò nel letto di sua suocera Giulia. Per un attimo credette di aver sognato tutto ma poi vide George sdraiato accanto a lui nudo come un verme e capì che era tutto vero.
Nel letto c'era anche Romina, anche lei esausta e ancora odorante di sperma e sudore.
Era tutto vero. Si era scopato la fidanzata insieme a quel ragazzo.
Si toccò il culo.
Bruciava ancora un po'.
Anche quella parte del sogno era vera.
E il resto? La nonna, la suocera? Anche quello era vero?
Si, lo era.
Qualche minuto dopo ne ebbe la conferma vedendo entrare in camera nonna Mara con indosso solo un bustino di pizzo nero che lasciava scoperti seni e fica e calze nere che la facevano sembrare ancor più vacca.
Reggeva un vassoio con due tazze.
“Colazione per i nostri ragazzoni” disse sorridendo.
“Caffè?” chiese.
“Dodici uova sbattute. Colazione da atleti per i miei due bei birilloni” e così dicendo gli accarezzò la cappella.
Mentre si sforzava di mangiare quell'intruglio la vecchia vaccona, ormai senza più ritegno si era piazzata fra lui e George e con un cazzo per mano li stava segando a tutta forza.
Ormai non c'erano più censure.
In pochi minuti i due si trovarono a fottere la vecchia a tutta forza. George la inculava e Mario le apriva la fica a colpi di uccello.
Nemmeno il tempo di inondarle la passera e già la nipotina e la madre si erano aggiunte all'orgia.
Tre porcone, sei buchi da tappare.
Un unica interminabile orgia con pause solo per bere o mangiare e saporiti pompini per rinforzare l'erezione di quei cazzi esausti.
Senza rendersene conto pomparono per due giorni di fila e nessuno pareva essere intenzionato a smettere.
Le tre troie erano troppo vacche per rinunciare a tanto cazzo e i due maschioni troppo arrapati per tirarsi indietro da quell'orgia generazionale.
Ma tutti i giochi hanno una fine e così tutto si bloccò quando arrivò il guastafeste.
Il marito di Giulia e padre di Romina entrò e li beccò proprio sul fatto. Giusto in un momento in cui George era andato a pisciare lasciando Mario a soddisfare tutte e tre le troie.
Per il vecchio fu un bello spettacolo. Suo genero nudo in salotto a inculargli la moglie mentre lei a sua volta slinguava la fica alla figlia e la suocera per contorno passava la lingua sul culo al ragazzo per prolungargli l'erezione.
Restò impietrito a fissare la scena esclamando “Ma che porci del cazzo!”.
I quattro si fermarono a fissarlo senza parole.
Era una situazione alquanto imbarazzante.

Ci pensò George a sbloccare la storia uscendo proprio in quel momento dal bagno col suo banano di carne in bella vista.
L’uomo vedendo quell'attrezzo strabuzzò gli occhi. George elegantemente gli si avvicinò e prima che potesse dire qualcosa gli stava già tastando il culo “Hai davvero un bel culetto sai” gli disse e sopraffacendolo lo cinse con forza portandolo con se in camera da letto al piano di sopra.
Pochi minuti dopo Steve seguito dalle tre porche ancora nude e con le tettone sventolanti andarono a vedere cosa stava succedendo.
Quando videro il padrone di casa nudo a pecorina intento a slinguare quel cazzone si rasserenarono e tornarono di sotto a scopare in allegria.
Mentre Mario inculava un altra volta sua suocera con la benedizione di sua moglie sentì il suocero cavare un urlo “O siiii sfondami! Sfondami come una troia George”.
“Siamo davvero una famiglia di porci” ridacchiò allegramente Romina.
“Si tesoro lo siamo” annuì sua nonna Mara e a conferma le si tuffò fra le gambe a leccarle la fica.... Ancora e ancora e ancora

Questo racconto di è stato letto 8 2 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


al cinema porno con mia moglieracconti di milu dominazioneracconti di casalinghemilù eroticiracconti gangbangmio marito e un cornutoracconti erotici in ufficioracconti erotici cuckoldracconti porno analraccontisessoletture hardracconti hard con animaliracc sessracconti erotickmoglie sodomizza maritoerotici raccontoi racconti di milu incestostorie sexio mia moglie e un transracconti porno zoofiliastorie eritichestorie di sesso con animalidonna scopa con un cavalloerotici racvontistorie cornutoracconto erotracconti eoticiracconti erotici di anzianisesso safficostorie di strapontrio racconticulo rotto raccontiracconto pompinoracconti erotixiracconti erotici figlioracconti erotici.comerotici racstorie erticheracconti erotici garacconti erotici incesto sorellaracconti di esibizionismoracconti di incestoracconto gayracconti erotici nonna e nipoteracconti incestuosi veriracconti piedi femminilifotostorie erotichestorie pompinoracconti padre e figliaracconti erotici pompiniracconti di sesso estremoracconti piedi femminilistorie potnononne incestuoseracconti sul sessolaverr transracconti erpticiracconti porno tradimentoracconti erotici idraulicoracconti porno anzianiracconti erotici incestigenere dei racconti eroticistorie pirnoraccon ti eroticiracconti scambio coppieracconti erotici suoceraculo rotterotismo raccontiracconti eros gratisracconti erotici in famigliaracconti hot gratisracconti erotici vecchiaio milùeacconti eroticiraccontierticiragazze che fanno sesso con animaliracconti pprnosuocera vaccaracconti porno giovanisculacciata raccontiscambio di coppia bisexstorie hot gratisracconti animal sex