Sverginata dallo zio

Scritto da , il 2020-01-24, genere incesti


Lui e lei sembravano padre e figlia per come si stavano accanto l’un l’altra e per i momenti che condividevano insieme. Si somigliavano:nel comportamento,nel modo di fare... in realtà si trattava di un vecchio e lontano zio e nipote.
Milena era una ragazza di 22 anni, una seconda di seno, un culo sodo e tondo ma...vergine! Lo zio invece era un uomo di 70 anni, classico fisico di uomini cui tempi d’oro erano finiti da un pezzo, ma...una grande passione per il sesso e per le donne!
Milena si trovava spesso con suo zio, durante la sua infanzia era cresciuta con i nonni, i genitori sempre troppo impegnati con il lavoro e in seguito divorziati. Il padre di lei dopo il divorzio si era trasferito all’estero, la madre invece si era rifatta una vita. Milena dunque era spesso sola e lo zio era l’unica persona che si era sempre e spesso preso cura di lei;trattandola come una figlia e a volte come un amante, dandole spesso dei lunghi e appassionati baci sul collo, che lasciavano turbata la ragazza.
Un giorno Milena si trovava in casa dello zio e a causa dell’essersi sporcata i vestiti e avendo sudato dopo alcune attività svolte durante la mattina, gli chiese se poteva farsi una doccia. Lo zio annuì, dicendole che doveva sentirsi come a casa sua. Milena entrò in bagno ,dunque, si spogliò totalmente e tirò un sospiro di sollievo vedendo l’acqua calda che avrebbe avvolto il suo piccolo ma grazioso corpo. Così prese ad insaponarsi e farsi lo shampoo...si sciacquò e prosegui. Ad un certo punto si aprì la porta,gli occhi di Milena si sbarrarono.
Non ebbe il tempo di proferire parola che senti la serratura chiudersi e la tenda della doccia aprirsi violentemente. Era lo zio, nudo! Milena spaventata cacciò un urlo, ma il risultato fu uno schiaffo dallo zio che le disse “amore mio stai zitta! Non urlare! Sono qui per te, il mio pene pensandoti sotto la doccia, magicamente si è messo in tiro!” Milena allora cerco di rispondere con le lacrime che le rigavano il viso “ ma... ma... cosa dici....zio...?! Ti prego fammi fare la doccia e non farmi del male!” Mentre pronunciava queste parole tento di sfuggire allo zio, ma lui la prese per i capelli mettendola con le spalle poggiate alla porta, la guardò fissa negli occhi e le disse “ piccola mia,guardami negli occhi! Io ti ho cresciuta, e tu a me non puoi sfuggire. Adesso stai buona e zitta, altrimenti ti punirò!” Milena allora chiuse gli occhi aspettando che questo brutto momento passasse. Lo zio cominciò a mordergli e leccargli dapprima l’orecchio destro, poi il collo, scendendo piano piano fino ai seni che cominciò a succhiare e mordicchiare come un neonato allattato al seno, nel frattempo inserii un dito nella vagina di Milena che per il dolore urlò! “Sono vergine! Ti prego, mi fai male!”
“Stai zitta ho detto!” E le mollò un ulteriore schiaffo sul viso. “ vergine... hai detto?!” Fece un ghigno e prosegui “ allora sei carne tenera, nettare dei miei sogni, tesoro prezioso che avrò l’onore di chiavare io per primo!” E una grossa risata riecheggiò nel bagno, contrapposta alle lacrime di Milena che lo supplicava di lasciarla andare. Lo zio allora infuriato da queste continue lagne, la prese con violenza dai capelli, apri la porta e la trascinò con se fino in camera da letto, dove la buttò sul letto come se fosse un sacco. Milena cadde a faccia in giù e il suo culo era esposto e alla mercè dello zio che penso bene di punirla prima di tutto! Non aveva rispettato il silenzio e aveva pianto troppo! Milena era ancora con i capelli e il corpo bagnati d’acqua, quale occasione migliore allora per non sculacciarla?! Lo zio prese la ragazza la posizionò sulle ginocchia e alternò sculacciate e piccole frustate sulla schiena, grazie all’ausilio di un frustino a coda multipla che con il corpo bagnato di Milena le avrebbero dovuto regalare il giusto dolore per una punizione esemplare. Milena continuava a piangere ma non disse una parola. Dopo averla punita lo zio le accarezzò il volto leccandogli le lacrime, e la lascio cadere sul letto a peso morto. Le aprii le gambe e la penetrò brutalmente, uno, due, tre colpi secchi,decisi e profondi. Milena non era più vergine e un po’ di sangue iniziò a colare fra le sue gambe. Lo zio sorrise di questo e continuò a penetrarla con colpi più lenti, quasi dolci, fin quando non le sborrò letteralmente dentro...anche l’anima! Non contento, lo zio, prese la ragazza gli legò i polsi e la girò su se stessa. Mise un cuscino sotto la sua pancia per sollevare per bene le natiche e la penetrò in culo. Milena che fino ad ora era stata zitta, ma in lacrime, comincio ad urlare per il forte dolore. Era stretta, troppo! Ma lo zio godeva e ansimava così tanto che non tenne più conto della sua nipotina che stava soffrendo. Più Milena urlava, più i colpi si facevano decisi, profondi e veloci! Lo zio non seppe trattenersi e un fiotto di sperma caldo lo riversò anche nel suo ano... sperma che cominciò a fuoriuscire e a colare lungo le gambe di Milena. Lo zio allora,lasciando il suo pene ancora dentro il culo, si sdraiò sopra la schiena di Milena e gli fece sentire i suoi sospiri sul collo.Quel collo... quanto lo faceva impazzire! Non poteva non leccarlo e mordicchiarlo...E così,intenerito da Milena che le aveva regalato la gioia del suo pene ancora funzionante e in tiro... la prese,gli slegò i polsi e la girò in modo tale che potesse osservarla. Era soddisfatto, e le baciò delicatamente le labbra forzandola ad accogliere la sua lingua che non era sazia ancora. Le baciò ogni punto che gli aveva dato piacere, il pube ricevette miliardi di baci e una lunga e appassionata leccata sulle grandi labbra, quasi come a voler chiudere quelle porte che gli avevano dato un piacere senza freni. Milena era lì, distesa sul letto, in lacrime, bagnata d’acqua, di sudore, di sangue e di sperma. Ma lo zio era soddisfatto del trofeo che aveva conquistato: la verginità di sua nipote! E se fosse rimasta incinta?! Sarebbe stato il frutto di questo grande ed intenso amore che lo zio provava per lei.

Questo racconto di è stato letto 4 6 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di sessracconti porno suocereracconti erotici zio nipoteracconti erotici iniziazioneracconti erotici in autobusavventure eroticheracconti di figasega a mio figliopiedi di mia ziaracconti annunci69storir pornoiomilu raccontiraccontierotiracconti di mistressgiocare con la sexy sorellastraracconti nonnaamoreinfamiglia.blogspot.it.sorie pornoracconti incestuosi realistorie erotgeniv storieeroticiracracconti porno con fotoincestoxxx.comracconti porno di incestoerotiraccontiraccconti gayracconti di sesso in vacanzaracconti erotici i generiracconti di scopateracconti erotici dal dottoreracoonti eroticiracconti erotici inculatestorie a treracconti massaggiracconti eroticjracconti erotracconti di mariti cornutiesperienza safficaeacconti eroticimorenasex coppielibri eros da leggere online gratisracconti erotici dottoreraccontu pornocougar raccontierotciraccontiracconti erotici dominazionesexo con animaliracconti/eroticicognata porcellaincesto storieraccont eroticiracconti solleticoracconti erotici annunci 69racconti porno a scuolaputtana raccontifoto racconti hardstorie incestracconti erotici animalstore pornoracconti maturi gayracconti erotici filmracconto incestoxnxx fratello e sorellastorie erotichgay raccontistorie suocereracc er 69racconti porno breviracconti di zoofiliaescort raccontiinculo mia cognataracconti troieracconti moglie al cinema