Siamo pari con l'affitto?

Scritto da , il 2020-01-23, genere incesti

Ultime dieci ripetizioni. Quarta ed ultima serie di addominali, per completare la mia seduta odierna in palestra. Non vedevo l’ora di fiondarmi sotto la doccia, preludio di quella che sarebbe dovuta essere una serata all’insegna del totale relax. Appunto, “sarebbe dovuta” … ma procederei per ordine.
La settimana lavorativa mi aveva dato filo da torcere fino alle 17 di quel venerdì sera, orario in cui fui in grado di abbandonare l’ufficio, dopo un pomeriggio trascorso a trattare con un cliente a dir poco impossibile. Sono un agente di vendita, in forza ad un’azienda leader nel settore dell’arredamento.
Mi chiamo Alex, 52 anni, sposato da 25 con Natalia, russa di Ekaterinburg, ma residente nel Belpaese da un quarto di secolo. Esattamente. Quando le feci la proposta, ero in viaggio di lavoro proprio nell’ex Unione Sovietica. Lei lavorava come assistente di Bogdan, nostro agente di riferimento, con il quale collaboravamo per la gestione della clientela in loco. La frequenza dei miei spostamenti all’estero si è molto ridotta, da allora; al contrario, al quel tempo, gli appuntamenti con il nostro agente avevano cadenza mensile, se non ancora maggiore. Conobbi Natalia durante il mio terzo viaggio. Aspettavo all’ingresso dell’agenzia, quando la vidi: rimasi impietrito dalla luminosità che emanava quella bionda stratosferica dagli occhi celesti. Alta 1.75, curve da paura, con lato A leggermente in vantaggio rispetto al B. La mia aria da interdetto, la fecero sorridere, tanto devo esserle sembrato goffo. Goffo quanto sfacciato. Non attesi il secondo viaggio per invitarla ad uscire. Prendemmo un drink assieme la sera stessa. La baciai, promettendole che sarei tornato al più presto. Dopo nemmeno due anni, mi trovai ad avere la moglie di gran lunga più fica del quartiere dove abitavamo. Ne passarono altri due, ed ecco venire al mondo Victoria, la luce dei miei occhi, che da alcuni mesi, conviveva con Fabrizio, il suo ragazzo dai tempi del liceo. Nonostante i 30 anni suonati, quel tipo era affetto dalla sindrome di Peter Pan, della serie: crescere? Maturare? Naaahh! Non capivo cosa Vic ci trovasse in lui. Rimasi sorpreso alla notizia di una loro futura convivenza. A giudicare l’elemento, non avrei scommesso un euro falso. Ma più forte di questa mia diffidenza, fu l’amore per mia figlia. Ricordai la sua espressione felice quando mi informò che avrebbero tentato quest’esperienza. “Sai come la penso, Vic” le dissi “ma se rende felice te, rende felice me”. Su quelle parole, ci abbracciammo. Un abbraccio per certi versi malinconico. Stavo realizzando che un altro capitolo delle nostre vite, si stava concludendo. La mia piccola avrebbe lasciato il nido per volare via e crearne uno suo.

Fu proprio lei, quella sera, a suonare il campanello di casa nostra. Mi alzai dal divano, sorpreso. Certamente, non mi aspettavo visite a quell’ora. Natalia era da poco uscita, diretta in ospedale per il turno di notte al pronto soccorso. Sbirciai dalla finestra. La vidi. Mia figlia. Di venerdì, alle ore 21.45.
È successo qualcosa, mi dissi, e andai ad aprirle, aspettandola sull’uscio. Quando mi arrivò appresso, riconobbi la sua espressione tipica del dopo litigio. Gli occhi erano gonfi e arrossati. Doveva aver pianto, lungo il tragitto.
“Ciao papà…” mi salutò, avvilita.
“Vic! Piccola, cos’è successo?” le chiesi.
Non rispose, gettandosi tra le mie braccia. Iniziò a piangere. Nuovamente.
“Fabri…” disse, mentre singhiozzava.
“Ti ha fatto qualcosa?” le chiesi immediatamente.
“Abbiamo litigato…” continuò. Fece una pausa per ricomporsi. “Dopo 3 anni assieme ed 8 mesi di convivenza, vengo a sapere che non ha nessuna intenzione di avere figli, in futuro!” esclamò. Il tono ora era perlopiù furioso.
“Quel coglione! Non era il caso, forse, di metterlo in chiaro da subito? Moccioso del cazzo!”
“Papà, ti prego…”
“No, piccola, non devi difenderlo. Non hai fatto altro che prendere le sue difese, da quando state assieme. Non ha mai mostrato un minimo di maturità mentale! A 30 anni, ancora a bazzicare come fuoricorso all’università, spesato da papino! Mi viene da vomitare!” sbottai furente. Non potevo sopportare quel genere di comportamento, men che meno quand’era mia figlia a farne le spese.
“Ti dispiace se resto qui stanotte?” fu la sua richiesta.
“Ehi, che domande sono?! Puoi stare qui quando e quanto vuoi ok?” la rassicurai, carezzandole dolcemente il viso “ricorda solamente di lasciarmi un contributo per l’affitto, domattina prima di uscire. Come saprai, preferisco i contanti!” la presi in giro poi, facendola sorridere. Amavo il sorriso della mia Vic. L’ho sempre amato, dal primo momento che lo vidi, mentre si trovava rannicchiata nella sua culla.
“Dai, vieni in salotto. Stavo guardando un film” le proposi, abbracciandola in vita.
“Grazie papà…” disse lei, ancora visibilmente rattristata dagli eventi.
“Ehi, ora non pensarci” le dissi. Poi rivolsi l’attenzione alla tv “ti andrebbe questo capolavoro action?”
“Ma certo! Non vedevo l’ora di vedere un film degli anni 80!” esclamò lei, vagamente ironica.
“Qualcosa in contrario” risposi, fingendomi serio.
“Nulla papà, figurati! Dopotutto, è l’unico modo per ricordarti di quando eri giovane!” mi provocò.
“Insolente che non sei altro!” esclamai, scattando verso di lei e punzecchiandole i fianchi. Improvvisammo una piccola lotta di solletico sul divano, proprio come quando era bambina, pensai. Mi fece piacere vederle tornare il sorriso.
“Ti va’ qualcosa da bere? Un birretta? Ho le tue preferite in frigo” le dissi.
“Mah… ti andrebbe di aprire una bottiglia di rosso, invece?” chiese lei di rimando.
La richiesta mi prese alla sprovvista. Mia figlia non era mai stata una gran bevitrice di vino, pensai. Magari era una novità dell’ultimo periodo. Trovai un’ottima bottiglia di cabernet, regalatami da un cliente qualche tempo prima. La conservavo per un’occasione speciale, ma se questo avesse aiutato l’umore di mia figlia, nient’altro avrebbe avuto più importanza.
Chiacchierammo e bevemmo per un paio d’ore, talvolta seguendo il film, altre volte utilizzandolo solamente come sottofondo alla nostra conversazione. Alquanto alticci, viaggiammo tra i ricordi di Vic da bambina, focalizzandoci su aneddoti divertenti ed altre situazioni alquanto imbarazzanti.
“Ahahah!! E ti ricordi quell’anno al mare, a Rimini?” domandò lei, tra una risata e l’altra.
“Oh cazzo! Ahah! Che figura di merda, ho fatto! Quel tipo sembrava veramente ti stesse baciando! La mia bambina, a 14 anni!” risposi io, ridendo a mia volta.
Avevamo iscritto Vic ad un corso di Windsurf. Al termine della lezione, l’istruttore l’aiuto a liberarsi della muta ed io, complice l’ambiguo punto di osservazione, scattai verso di loro, afferrandolo e gettandolo a terra. Piuttosto imbarazzante.
“Non sapevo più come chiedergli scusa! Avevo usato tutti i sinonimi che conoscevo” finii di raccontare. Terminai anche l’ultimo sorso del mio calice, rimanendo ad osservarne il fondo.
Con la coda dell’occhio, notai su di me lo sguardo sorridente di Vic.
“Che c’è? A cosa stai pensando?” le chiesi.
Lei si avvicinò a me, arrivandomi quasi in grembo.
“Pensavo…” mi disse, mentre con la mano sinistra iniziò a carezzarmi i capelli, guardandoli mentre lo faceva “…sì, pensavo al fatto di aver frequentato tanti ragazzi, diversi tra loro ma…” s’interruppe, quasi fosse in difficoltà “…mai nessuno come te, papà”. Io la guardai, senza proferire parola.
“Insomma… nessuno mi ha mai amata come fai tu!”
“Piccola, ma tu sei mia figlia. La faccenda è diversa…”
“Non intendevo questo…” mi bloccò “…quello che voglio dire è che…sei l’unico uomo che io abbia mai veramente amato! Penso che la mamma sia davvero fortunata ad avere te accanto!” disse infine.
Le vidi negli occhi un vago senso di malinconia. La strinsi tra le mie braccia a lungo, baciandole la fronte. Fu allora che successe qualcosa di inaspettato. Non capii se fosse voluto, ma sentii la sua mano sfiorarmi le parti intime. Mi trovai ad avere un’importante erezione. Speravo che mia figlia non ci facesse caso. Sbagliavo. La sua mano tornò lì. Questa volta era intenzionale, lo percepii dal tocco più deciso.
“Papà” mi sussurrò con fare piuttosto provocante “non sapevo di farti questo effetto!”
La staccai subito da me. “Ma che stai facendo?!” la rimproverai. Ma il mio tono non sortì alcun effetto. Anzi, sembro dare a Vic ancora più entusiasmo.
“Ehi, non ti scaldare, dai…” mi disse. Il suo viso era a pochi centimetri da me.
“Vic…” le dissi guardandola negli, facendole intendere che la questione stava prendendo una piega sbagliata, sbagliatissima. Ma lei non se ne curò. Si fece più vicina, fino a quando le sue labbra sfiorarono le mie.
“Vic… Vic, per favore… ma che ti prende? Smettila, dai…” le ripetei con relativa convinzione.
Ero brillo, certo. Ma ancora conscio di quello che stava succedendo. Non potevo permetterlo. Ma non mi capacitavo per la scarsa forza mentale che mi trovai ad avere in quel momento.
Mia figlia ora sedeva a cavalcioni sopra di me, baciandomi dolcemente sul labbra e viso.
Un feroce conflitto interiore mi pervase. Da una parte, la responsabilità del mio ruolo di padre, che mi spingeva a scoraggiare quella situazione; dall’altra, il mio istinto maschile, orientato ad abbandonarsi a quella follia. Ed infine, cedetti.
Risposi al bacio di Vic, assaporandone ogni minima sensazione percepita. La frenesia crebbe. Eravamo partiti come due timidi amanti, ma ora era la passione a guidare ogni nostra mossa. Le cinsi i fianchi, cercando di infilare le mani sotto la t-shirt. Tastai quel fisico scolpito, delimitando gli addominali obliqui e salii, portandomi con sé la magliettina di mia figlia. Le sfilai il reggiseno e subito affondai la bocca su quei piccoli capezzoli turgidi. Vic non aveva un seno esagerato, forse una terza scarsa, ma lo adoravo. La sentii gemere, nell’attimo in cui presi a succhiare con veemenza. Stava sempre sopra di me, con la testa capovolta all’indietro. Ne approfittai per azzannarle il collo, riempiendolo di baci.
Decise, poi, di prendere l’iniziativa. In men che non si dica, mi ritrovai sdraiato supino sul divano, completamente nudo. Mia figlia si stese sopra di me, regalandomi un altro incontro con la sua bocca. Si staccò lentamente, scendendo verso il mio basso ventre.
Ero al culmine dell’eccitazione, alimentata dal fatto che fosse sbagliato e che avrebbero potuto scoprirci. Sperai che Natalia non avesse qualche intoppo che la costringesse a rientrare in anticipo.
Mentre divagavo, sentivo il mio membro scomparire all’interno della bocca di Vic. Sussultai. Un brivido assoluto mi percorse dalla testa ai piedi. Stavo per ricevere un pompino mia figlia. E che pompino. Non ci volle molto per capire che avrei raggiunto l’orgasmo a breve. La fermai, per poi portarla a sdraiarsi sopra di me. La baciai nuovamente, ormai dipendevo dalle sue labbra, e ansimando, le chiesi:
“Avvicinati… sali e avvicinala verso la mia bocca…” le sussurrai.
Lo fece, e meno di un minuto dopo, dei forti mugolii presero ad uscire ritmicamente dalla sua bocca, mentre le leccavo quel suo clitoride rigido e bramoso di attenzioni.
Vic era bagnatissima. Urlava, implorandomi di non smettere. Non potevo certo deludere la mia piccola, specialmente ora che attraversava un momento difficile. Ero conscio di quanto fosse sbagliato, ma il gusto di quei suoi umori che mi finivano in bocca, fungevano da elisir per la mia libidine, scacciando anche l’ultimo dei sensi di colpa. Scopai mia figlia con la lingua, senza esitazione, fino a riempirmi la bocca di tutto quello che ne uscì, trasalendo nell’udirla strillare un’ossessa, mentre raggiungeva l’acme del piacere.
“Scopami, papà!” strepitò poi, nel bel mezzo del turbine sessuale che la avvolgeva “voglio che mi scopi! Voglio te!”
Non ci fu bisogno di aggiungere altro. Oramai, qualsiasi limite morale od emotivo, erano stati spazzati via con violenza, travolti dal fiume in piena della passione che scorreva tra di noi. Fu come se fosse la prima volta, solamente più elettrizzante: il fatto che fosse umanamente sbagliato, ne aumentava la dose di adrenalina, la quale veniva convertita in pura estasi sessuale.
Presi la mia Vic e la feci stendere supina sul divano. Mi fiondai sopra di lei, penetrandola con un movimento deciso ed improvviso, movimento che le strappò un altro verso di approvazione.
“Sì! Sì!! Continua, Alex continua!”. Alex, mi aveva chiamata con il mio nome. Non più papi o papà. La cosa mi piacque. Nel frattempo, proseguivo senza sosta, su e giù all’interno della sua vagina. Avevo le mani intrecciate con le sue, la mia bocca riversata sul suo piccolo e dolce seno. Sentivo il calore e l’energia della sua giovinezza, mentre i nostri ventri, si strusciavano tra di loro.
“Papi… faresti una cosina che mi facevi quand’ero piccola…?” mi domandò, tra un respiro e l’altro.
“Tutto quello che desideri, piccola mia!” le risposi, ansante a mia volta.
“Ti ricordi, da bambina… quando ero triste e volevi…” s’interruppe per emettere un altro mugolio “… volevi che mi tornasse il sorriso …?” mi chiese.
“Certo, piccola…” le sorrisi.
“Ti andrebbe, finché scopiamo?”
“È quello che vuoi, amore mio?”
“Ti prego… voglio provarlo!” mi implorò lei.

Improvvisamente, mi tornò alla mente quel tipo di episodi. Non potevo sopportare di vedere mia figlia triste, una così bella bambina, sorridente, allegra. Ricordai i miei vani tentativi per farla tornare a sorridere, con buffe storie e battute, ma nulla. Era pure testarda, a volte. Si impuntava a non darmi soddisfazione.
“Mi dispiace, piccola Vic” le dicevo “ma non mi lasci altra scelta: arriva il mostro del solletico!!” esclamavo, imitando un’improbabile vocione di uomo cattivo. E così, la stringevo a me, facendole il solletico.

“D’accordo, cara… ma sappi che l’hai voluto tu!” la minacciai con fare alquanto provocante.
Immobilizzai entrambe le sue mani con la mia destra, mentre con la sinistra, iniziai a grattarle con decisione sotto le ascelle.
“Ahahahahahahahahah!!!!” strillo improvvisamente.
Non mi fermai, anzi. La bellissima risata della mia Vic, incentivò il mio operato. Mi spostai sull’ombelico, facendo danzare le dita sul tutta la parete addominale.
Vic si stava sgolando dalle risa. Io la penetravo e la solleticavo. Ero vicino, molto vicino ad avere un orgasmo gigantesco. Mi parve di sentirlo mentre pian piano cresceva nei miei testicoli.
Preda di svariate sensazioni, le sollevai le gambe per aria, cercai i piedi e le feci nuovamente il solletico.
Le mie dita scorrevano sotto le sue piante morbide; il mio pene le martellava il sesso.
Ero quasi al culmine della mia esaltazione erotica. Ed infine, lo raggiunsi.
Venni. Gridai. Mi contorsi, a furia di spasmi, urlando tutta la mia gioia. Fu indescrivibile. Se avessero pronosticato une epilogo simile della mia serata…

Mi abbandonai, stremato, sul corpo di mia figlia. Entrambi ansanti, entrambi paghi, ci scambiammo piccole effusioni sdraiati sul divano, nudi, aggrovigliati in un unico corpo.

“Papà?” disse Vic, poco più tardi.
“Dimmi, piccola”
“Ti è piaciuto?”
“Forse non dovrei…ma sì! È stato unico!” le confessai
“Ne sei pentito?”
Mi fermai un secondo a pensare. “Quello che abbiamo fatto è sbagliato” le risposi. Feci una pausa.
“Ma…?” incalzò lei.
La guardai. Penso che me lo leggesse negli occhi, ma glielo dissi comunque: “Lo rifarei altre cento volte!”
Vic sorrise, distogliendo lo sguardo. Poi tornò improvvisamente seria.
“Questo cambierà qualcosa tra di noi?”
Avvertii un vago tono di preoccupazione.
“No, Vic. Non cambierà nulla. Sei e sarai sempre la mia piccolina!” le risposi, strizzandole l’occhio.
Mi abbracciò, baciandomi ripetutamente sulla fronte.
“Un’altra cosa” disse poi.
“Sì?”
“Che ne dici, siamo pari con l’affitto?”

Questo racconto di è stato letto 7 3 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


pipparoloblog marito cornutoracconti porboracconti gay fistingstorie hot gaystorie erotiche per donneracconti erotici suocera e generostorie pornile seghe della nonnaraccontieroticowww.racconti-erotici.itracconti erotici ragazzi gayracconti straponho scopato mia sorellaracconti wroticiwww.eroticiraccontiavventure gayracconti erotici 1945storie sesso con animalircconti gaya69 raccontiracconti scambi coppiaracconti con transracconti erotici tradimentiracconti hard incestifilm scambio di mogliracconti erotici a69porno storieracconti di camionistiraccontiincestiincest raccontiracconti erotickdonne incestuoseracconti sesso gratisraccontizoofiliaracconti veri cuckoldmamma ti sborro dentrostorie hot gratisracconti lussuriosiporno storie di cornastoriw pornoracconti erotici infermieraracconti erotici in ufficioracconti incentuosiracc gayracconti di suocere troieho scopato mio figlioerotici racconti gratisprima volta nel culo raccontiracconti incesto milurac erotracconti efoticimoglie troia storieracconti 69 annunciracconti erotici lunghieroticoraccontizia porcellinaio milùsissy raccontiincesti nonneracconti di una ninfomaneracconti donne con transi racconti pornowww.racconti-erotici.itsverginato da transa69 raccontiracconti etoticiracconti rapporti analiracconti di sesso gratiswww.incesti.comstorie di corna e tradimentiincesto raccontiracconti sesso genivracconti erotici genereporno lettureracconti hotracconti lesbicamia zia è una porcaracconti eropticiracconti porno incestracconto eroticoputtanonastorie eritichemia suocera e una troiamigliori racconti eroticiracc sessraconti sexracconti erotici zoofili