MIlena 2

Scritto da , il 2020-01-21, genere incesti

L'aria che tirava nella stanza era di forte imbarazzo.
Era la prima volta che ci ritrovavamo soli io, Carlo e sua madre. E c'erano delle domande rimaste in sospeso, dal giorno in cui Carlo mi aveva chiesto di essere sua moglie. Sua madre cercava di ostentare una sicurezza che non aveva, mentre Carlo ed io neanche provavamo a mascherare l'ansia. Lo feci io: ruppi il silenzio fatto di sguardi, velati da bicchieri che scivolavano nella testa, ancor prima di essere passati dalla bocca.
“Come lo hai accettato?” avevamo preso a darci del tu, non senza qualche difficoltà da parte mia.
“Accettato cosa?” il suo sguardo sfuggevole rivelava che aveva capito benissimo.
“Non fare la gnorri, mamma! Come hai accettato il tradimento di papà?” intervenne Carlo.
“Ma anche come hai potuto accettare che mia madre ed io vivessimo sotto lo stesso tetto tuo e di tuo marito, sapendo quello che c'era stato tra loro?” completai io.
Lei girò il bicchiere nel palmo della mano, volse il capo all'insù, come cercasse in qualcosa di escatologico le parole giuste da pronunciare. Poi, i suoi occhi tornarono su di noi. Era la donna che conoscevo da sempre: altera, ma non presuntuosa. Non c'era acredine, né superiorità nel suo sguardo, come nella sua voce, quando cominciò a parlare.
“Tu, anzi entrambi sapete che non sono del tutto convenzionale, vero?” tacque, soppesando la nostra reazione. “So benissimo che mi guardavi quando lasciavo la porta aperta. E la lasciavo aperta per te, perché tu mi vedessi nuda: se dopo la prima volta non fossi tornato, avrebbe significato che non ti interessavo come donna. Invece sei tornato tante volte. Ed alla fine hai voluto mostrarmi anche a lei. Anche tu hai le tue stranezze.”
“A cosa ti riferisci?” la incalzò Carlo.
“Sei un cuckold, vero? Lo so da sempre. Ed hai trovato una donna che ti asseconda. E la vostra vita e non sarò certo io ad interferire.”
“Stai evitando di rispondere!” subentrai: l'argomento toccato mi metteva in crisi.
“Stavo solo cercando di dare una cornice ai fatti!”
“Vuoi dire che hai lasciato che papà avesse un'amante per... per... sì, insomma! Per ricompensarlo delle tue depravazioni!”
“Io le chiamo inclinazioni naturali: la mia, la tua... Ma non è quello. Tuo padre mi ha accettato sempre per quel che sono e non ha mai chiesto niente in cambio.”
“Allora?”
“Ma davvero non capite? Quando Milena è stata concepita, eravamo in tre nello stesso letto. Sua madre era la mia amante, non quella di tuo padre. Io ero incinta, ma volevo che anche io e lei avessimo un figlio. Abbiamo chiesto a tuo padre di ingravidarla ed è nata lei! È stato tuo padre a dover accettare tutto, non io!”
D'improvviso tornò il silenzio. La verità si era rivelata più traumatica di quanto non ce la aspettassimo. Riempimmo di nuovo i bicchieri, ognuno per suo conto, come volessimo annegarci quello stato di incredulità, di incapacità ad elaborare correttamente l'evoluzione di un rapporto.
Fui io a rompere ancora il silenzio.
“E perché ti facevi vedere nuda da lui?”
“Sei gelosa?”
“No, non credo! Il nostro è un rapporto aperto!”
“Più o meno quanto le tue gambe! Scusami, non ti offendere, volevo solo scherzare e so bene che è soprattutto lui a volere che tu le tenga bene aperte. Se vi diverte, perché rinunciare. A me diverte l'idea di potermi gustare mio figlio: il fatto che sia sempre pronto a guardarmi è un chiaro indizio che mi desidera. Speravo facesse il primo passo, ma pare che debba farlo io.”
“Se è per questo, ne hai fatto più d'uno, stasera!” mi sembrò di restituire pan per focaccia, ma, ancora una volta, avevo sottovalutato la sua troiaggine, che non era certo inferiore alla mia.
“Giusto! In una sola volta, ho fatto i miei passi, verso i miei figli, perché, come ti ho detto, anche tu sei mia figlia. In più sei anche mia nuora: mi piacerebbe scopare con tutti e due voi!”
“Mi vorresti per amante al posto di mia madre?” finsi di scandalizzarmi.
“Sostituire tua madre? Impossibile! La amo più di me stessa. Ho detto solo che mi piacerebbe scoparti. Che c'è di strano?”
“Già! Cosa c'è di strano a volersi scopare la figlia della propria amante? Cosa c'è di strano a volersi scopare la figlia del marito? Cosa c'è di strano se io scopo mio fratello e tra qualche mese me lo sposo pure? O che lui mi faccia scopare dai suoi amici? Cosa c'è di strano che tu voglia scoparti tuo figlio e che lui voglia scopare te? Perché tu vuoi scopartela, vero? Sapete cosa vi dico? Io scelgo di fottermene delle convenzioni, delle regole del perbenismo e, se vi va di scopare, io sono pronta!”
Carlo mi guardò inebetito, poi si fece vicino e mi sussurrò nell'orecchio:
“Sei sicura!”
Gli risposi con un bacio, che gli fece scivolare tra le labbra una lingua carica di lussuria. Quando ci staccammo, sua madre aveva già sbottonato la camicetta e ci presentava uno splendido seno, una terza che risaltava come anche più grande sul suo corpo esile ed elegante. Carlo si staccò da me, quasi con violenza, per catapultarsi su sua madre. Provai un brivido di gelosia irrefrenabile, quando le loro labbra si congiunsero e le loro lingue saettarono una incontro all'altra. Fu solo un attimo, perché Dorotea mi fece segno di avvicinarmi a loro. Mi mossi lentamente, quasi con timore, continuando a fissare la sua mano tesa, verso cui si mosse la mia. Quando si sfiorarono, capii che anch'io lo volevo: lasciai che mi attirasse verso di loro ed unii la mia lingua alle loro, in una battaglia altamente eccitante. La mia mano si mosse verso il suo culo: lo trovai sodo, nonostante l'età non più verdissima. Ma su quel culo anche un'altra mano si muoveva bramosa: le nostre dita si sfiorarono, si intrecciarono, mentre continuavamo a limonare con sua madre. Condussi la mano di Carlo fino al ferretto del reggiseno, in un invito esplicito he lui non lasciò disatteso: la sua bocca si fiondò famelica sul seno materno, appena liberato ed io non trovai di meglio da fare che imboccarmi il capezzolo lasciato libero da lui. Le mani di Dorotea si muovevano febbrili sui nostri corpi.
“Ma voi siete ancora vestiti!” ci fece notare e noi mettemmo rimedio in un batter d'occhio, mentre lei sfilava il poco che le era rimasto addosso. I nostri corpi, ora, si esploravano, soffermandosi su quelle parti che più attiravano il nostro interesse. Mentre Carlo le leccava la fica, accovacciato ai suoi piedi, io facevo altrettanto con il suo orifizio anale, inginocchiata dietro i suoi talloni. La sentivo mugolare e sapevo che stava davvero godendo: una donna sa distinguere quando un'altra finge. Aiutai Carlo a stendersi su un tappeto e lei fu lesta a salirgli sopra e ad infilarsi il cazzo nella fica, mentre io mi sedevo letteralmente sulla sua faccia, dandogli da leccare la fica ed il culo. Dorotea si muoveva sinuosa, alternando un movimento sussultorio, con un altro ondulatorio; le labbra fremevano di piacere, i capezzoli ritti e duri e i suoi umori che si spargevano sulle cosce di Carlo. Si fermò, alzandosi.
“Vieni, piccola! Ora tocca a te!”
Ci invertimmo, ma io mi infilai il cazzo nel culo, imitando, per il resto, i movimenti. Le sue labbra cercarono le mie e di nuovo sentii la sua lingua duellare con la mia. Godevo come poche volte mi era capitato: forse era anche la situazione ad eccitarmi.
“Fermati!” mi intimò lei “Riposiamoci. Non voglio che mio figlio venga senza averci fatto godere.”
Obbedì, stendendomi accanto a Carlo, mentre sua madre si sistemava sull'altro fianco. Entrambe con il capo sul petto di lui, tormentavamo di leccate e piccoli morsi i suoi capezzoli, mentre con le mani continuavamo a massaggiargli i coglioni. Restammo una decina di minuti a giocare così, poi ricominciammo come se non avessimo goduto per niente. Il cazzo di Carlo scivolò nella mia fica, mentre sua madre mi leccava il culo ed in quel mentre si aprii la porta.
“Vieni, tesoro! Carlo è quasi pronto a sborrare e voglio che tu assaggi il suo seme!” disse Dorote, invitando mia madre ad unirsi a noi.

Questo racconto di è stato letto 5 9 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raconti eroticisiti erotici italianigenere dei racconti eroticicornuto e sottomessostorie porniracconti porno hardracconti erotici ragazzi gayracconti hard con animalistorie di sculacciateracconti mikuracconti erotici fotograforacconti porno incestiracconti cuginafaccio sesso con mia cuginarocconti eroticiraccontipornograficieroticiracracconti erotici di incestoracconticuckoldstorie sesso gratisracconti erotickpornoinfamigliaracconto incestiracconti hard gratuitistorieroticheracconti piccanti vericon mia moglie al cinema pornobestialita con la ragazza e il cavallostorie eccitantistorir pornostorir pornoracconti cucoldracconti la ziaracconti erotici in palestraninfomane raccontieroti raccontistorie di coppie scambistestorie pornpracconti porno ragazzistorie fetishstorie eroticirracconti eroticiquella troia di mia sorellaracconti erotici violentiracconti mia moglieracconti erotricimigliori racconti eroticiporno miluraccont 69geniv raccontiracconti iomilùraccontiermoglie scopata dal ginecologoracconty gayracconti erotici zoofiliracconti erotici tra fratellistorie fetisheroticiraccracoonti eroticistorie potnoconfessioni pornoracconti erotriciracconti erotici zoofiliaracconti erotici.itracconti di donne troieracconti eoriticiracconti eoriticistori pornoracconti erotivistorielle erotichemoglie ricattataraccontisessomoglie ricattata