Milena 1

Scritto da , il 2020-01-21, genere incesti

Io e mio marito siamo cresciuti nella stessa casa, anche se i nostri avrebbero dovuto essere due mondi inconciliabili. Lui era il figlio dei padroni: il commendator Stefazzi Giulio e sua moglie, la signora Dorotea. Io la figlia della domestica: Laura.
Siamo cresciuti uno accanto all'altra: devo ammettere che i genitori di lui, del mio Carlo, non erano particolarmente attenti a mantenerci separati, anche se venivamo destinati a studiare in ambienti diversi.
Carlo era un ragazzino bellissimo, con i lunghi capelli biondi e gli occhi azzurri. Il suo fisico si sviluppava e modellava giorno dopo giorno, grazie all'intensa attività fisica. Io... Beh, anch'io ero una bella ragazza: crescevo alta più della media, bionda e occhi verdi. Andavamo molto d'accordo, noi due e spesso ne combinavamo qualcuna insieme. Ma gli anni passano e ci ritrovammo a non essere più bambini; i giochi persero la loro innocenza per cedere il passo a quelle ricerche che l'istinto ci comandava. Il primo bacio per me e per lui; poi carezze sempre più spinte, sempre più audaci, ma non mi chiedeva mai di essere la sua ragazza. Ed io non mi sentivo tale, anche se lo desideravo. Poi, un pomeriggio che giocavamo nel grande parco della villa con i suoi amici, mi dice:
“Milena, perché non fai vedere a Giorgio come baci bene?”
Mi si gelò il sangue nelle vene; lo guardai, ma la sua faccia non tradiva alcuna emozione- mi avvicinai a Giorgio e lo tirai a me, incollando le mie labbra alle sue e facendo saettare la mia lingua nella sua bocca. Feci durare a lungo quel bacio, poi, staccandomi gli chiesi se gli fosse piaciuto.
“Wow!” fu la sua unica risposta.
“Ma non vorrai che gli altri pensino che hai una preferenza per lui?” insistette Carlo.
“Cosa vuoi che faccia?” gli chiesi.
“Bacia anche gli altri, dai?”
Non me lo feci ripetere e baciai gli altri tre, uno alla volta.
“Brava!” mi disse lui, venendomi vicino ed abbracciandomi. Cercò di baciarmi, ma io non glielo permisi. Nella mia mente si materializzava il ruolo che potevo avere con lui: sarei stata la sua puttana.
Così arrivò anche il primo pompino, la prima scopata. Ed ogni volta, poi, lui mi offriva agli altri. Per quanto mi sforzassi di uscire da quel ruolo, per quanto mi ripetessi che non meritavo di essere trattata così, lo amavo e lo assecondavo. Per dirla tutta, non è che mi dispiacesse scopare, ma speravo, volevo qualcosa di più dalla mia storia con lui.
Arrivò la maturità e l'università: tutti e due a Milano. Lui alla Bocconi, io alla statale, ma abitavamo nello stesso appartamento, pagato dai suoi. Più di uno ci chiedeva se stessimo insieme ed io mi affrettavo a negare: non volevo dargli la soddisfazione di farlo lui.
Una volta, durante le vacanze di Natale, mi chiamò:
“Vieni! Ti faccio vedere una cosa.”
Lo seguii fino alla camera dei suoi: la porta era aperta. Sua madre uscii dal bagno, con indosso l'accappatoio. Aveva appena fatto la doccia. Si mise di fronte allo specchio e lasciò che sciviolasse a terra.
“Che fai? Spii tua madre? Se ci vede siamo fritti.”
“Credo che sappia che sono qui, che lasci la porta aperta di proposito.”
Lei, completamente nuda, si specchiava, carezzandosi il corpo con movenze studiate, che mi fecero pensare che lui avesse ragione. Si passava le mani sui capezzoli, stringendoli tra le dita, poi scendeva ad accarezzarsi il pelo curatissimo della fica, infine si infilava due dita e si masturbava, fino a godere. Poi, infilò di nuovo l'accappatoio, mentre noi ci allontanavamo, e venne a chiudere la porta.

Passò anche il tempo dell'università: lui divenne il vice di suo padre ed io cominciai a lavorare in amministrazione. In realtà, molto più spesso, gli facevo da segretaria e mi portava con lui nei viaggi di lavoro.
Fu al ritorno di uno di questi che successe. Eravamo nel salone della villa: stavo per accomiatarmi, lasciandolo da solo coi suoi genitori.
“No, aspetta! Anzi: vai a chiamare tua madre!” comandò.
Non fu difficile trovarla: era intenta a preparare la cena. Mi seguii con un po' di apprensione, che non riuscivo a capire. Quando fummo riuniti di nuovo, Carlo prese la parola.
“Papà, mamma, io amo Milena e credo che anche lei mi ami. Dico credo, perché in realtà non ce lo siamo mai detto, ma certe cose si capiscono. Ora, mentre lo chiedo a lei, lo dico anche a voi: Milena mi vuoi sposare?”
Cominciai a piangere; anche mia madre cominciò a farlo. Eppure non sembravano così sorpresi.
“Non puoi!” disse il commendatore. Nella sua voce non c'era irritazione, quasi rammarico.
“Perché? Perché non è del mio rango? Hai altri piani per me?” Carlo sì, che era arrabbiato.
“Non è questo!” Continuò suo padre.
“Allora per cosa? Parla!”
“Non puoi e basta!” la voce era quasi incrinata dal pianto.
“Certo che posso e lo farò, anche se questo dovesse significare rinunciare a tutto.”
“Ti dico che non puoi!” provò ad alzare la voce.
“Dimmi perché?” insistette Carlo, sempre più infuriato.
Giulio ristette: aveva l'aspetto provato. Fu sua moglie a parlare, mentre mia madre continuava a singhiozzare.
“Perché è tua sorella! È figlia di tuo padre e di Fernanda. Ora sai perché non puoi sposarla.”
Carlo rimase a guardarla.
“Ma cosa dici? Che cazzo dici?”
Cominciò a vagare per la stanza con passo nervoso, mentre io mi ero inginocchiata, provata da quella notizia, ma ancor più dall'idea di dover rinunciare per sempre a lui.
Poi Carlo si fermò e li affrontò:
“Ascoltatemi bene! Io sposerò Milena, se lei mi vuole. E voi non ci fermerete: nessuno sa nulla e nessuno lo saprà mai. State attenti a non rovinarci la vita, più di quanto non abbiate già fatto!” poi venne da me, mi prese il volto tra le mani e mi aiutò ad alzarmi “Mi vuoi sposare?”
Feci un cenno col capo.
“Mi vuoi sposare?” ripeté.
“Sì!” sussurrai “Sì, sì e sì!” ripetei con tono crescente ed abbracciandolo.

Questo racconto di è stato letto 5 3 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


fumetti porno incestiracconti eroticcistoria porno italianoraccontierotici.itraccoti pornoprima volta scambio di coppiarecconti eroticistorie porno gratisracconti erotici miluracconti di lesbicheerotico raccontiracconti erotici il vecchioracconti cuckold veriracconti gay padreracconti safforacconti zie troieeroticiraraconti picantistorie sesso incestoracconti potnoraccontipornograficiracconti.pornopadrona piscia in boccaraacconti eroticitacconti gayracconti faypaola travracconti lesbicaracconti erotici caniracconto erotico femminileraccontierotiracconti erotici mia suoceraracconti moglie cinemaracconti sesso cognataracconti erotici.racconti di massaggi eroticiracconti-eroticiracconti porno con caniraccontineroticiracconti erotici con cognataincesto suoceraracconti nudisticonfessioni pornoacconti pornoracconti suocera generoracconti di prime esperienze sessualiracc sesserotci raccontifidanzate esibizionistelibri erotici gratisracconti eroticigayracconti porno freeracconti hotracconti xxsesso a tre raccontoho inculato mia cognataerotciraccontiracconti erotici vicina di casaracconti oornoraqcconti eroticiprimo scambio di coppiastorie sesso gratisfeticismo raccontierotici racconti 69incesto racconti verijncestiracconti erotici.www.racconti-erotici.itracconti eorticiracconti erotici coinquilinaracconti pornrqcconti gayincesto tra zia e nipote