Nonne troie parte 10

Scritto da , il 2020-01-19, genere incesti

La sera, prima di andare a letto con una camicia da notte bianca che non nasconde quasi nulla mi sussurra “se vuoi farne una veloce prima di dormire vieni in camera mia”.
Io non me lo faccio ripetere due volte. Lascio zia a guardare la tv, vado in bagno a farmi il bidet e subito salgo la scala.
Nonna mi aspetta tutta nuda sul letto con le gambe larghe e la figa oscenamente esibita in tutta la sua bellezza. Chiudo la porta, mi levo le braghe del pigiama e il cazzo è già pronto a lavorare.
Mi avvicino, lei avvicina la testa e lo prende in bocca senza tante difficoltà.
In piedi, tenendole saldo i capelli grigi, guido il movimento del pompino fin che nonna non mugugna chiedendo pietà...
“C’è l'hai troppo grosso dopo un po’ mi manca il fiato” dice.
Scivolo sul letto accanto a lei, le accarezzo il viso grato per il lavoretto di bocca e quindi le scivolo accanto accarezzandole le cosce.
Le sono sopra e il cazzo le entra dentro quasi senza aiuto. Comincio a prendere confidenza con il gioco e la porto più volte all’orgasmo, la scopo sul fianco, la faccio di nuove mettere a pecora e alla fine sborro ancora una volta.
Mi sdraio accanto a lei col fiato corto e nonna mi accarezza asciugandomi il sudore con una salvietta umidificata. Poi me la passa anche sul cazzo dandomi un po’ di torpore e pulendomi allo stesso tempo.
“Sei stato bravissimo” dice dandomi un bacio sulla cappella.
Esco dalla stanza e vado di sotto perché ho una sete da cammello. Ho il cazzo a ciondoloni ma poco importa. Scesa la scala mi accorgo che la tv è spenta e non c’è nessuno. La zia deve essere andata a nanna. Per un attimo penso che se ha salito la scala ci ha probabilmente sentito.
La cosa, lo ammetto mi eccita molto tanto più dopo che nonna mi ha raccontato le strane storie della nostra famiglia.

La mattina dopo cerco solo l’occasione per stare solo con nonna a le sue vecchie stanno cucinando di gran lena per me e per gli ospiti e pare non abbiamo tempo.
Come tutte le domeniche le sorelle Maria e Mariuccia verranno a pranzo. È una cosa che fanno ogni domenica e a turno cucinano un pranzo di sette portate che alla fine ci fa crollare per tutto il pomeriggio.
Zia è ai fornelli mentre nonna si da da fare con la pasta fresca sul tavolo. Ho dormito parecchio e devo ancora fare colazione mentre le fisso.
“Ti faccio subito il caffè” dice nonna Norma.
“E tu intanto mettiti addosso qualcosa -aggiunge zia notando che sono ancora nudo- lo sai che oggi non siamo soli”.
“Si scusa. Mi lavo e mi vesto subito” dico.
“Ti porto sopra il caffè intanto” dice nonna.

Mi lavo ma è anche un’occasione per segarmi sotto alla doccia. Il cazzo è duro come ogni mattina e ho bisogno di una sontuosa sega.
Esco dal bagno in accappatoio lindo e pinto mentre nonna sale le scale. Entriamo in camera mia e la studio guardando le sue belle gambe fasciate nel nylon nero, la gonna come al solito è molto corta. Non posso resistere, mi avvicino, la spingo verso il letto.
“Heyyyyy” si agita lei.
“Dai nonna solo una sveltina di prego”.
Scuote la testa “accidenti che porcello” ma lo dice ridendo e ha già sollevato la gonna sulla schiena.
Oggi ha le mutande. Nere, di pizzo. Le cala fino all’età ginocchia e mi offre la sua bella pelosa già umida e pronta.
La prendo con un unico colpo, mi attacco ai suoi fianchi e pompo a tutta forza. Cinque minuti da toro fin che non le faccio una lavanda vaginale di sperma svuotandomi le palle.
Ci ricomponiamo, bevo il caffè e scendiamo di sotto. Nonna si è tirata su le mutande che ora saranno belle unte del mio seme ma la cosa non pare dargli fastidio.
Zia continua a darsi da fare ai fornelli e sbuffa quando ci vede arrivare “era ora”.
“Cosa cucini di buono zia?” dico cambiando discorso.
“Spaghetti alla puttanesca!” mi ghiaccia lei.
“Ma no dai” sorride nonna “sono tagliatelle al sugo di Cervo”.
“Però forse la puttanesca sarebbe stata più in tema no?” scuote la testa zia.
Io non so cosa rispondere. Nonna mi fa l’occhiolino come a farmi intendere che va tutto bene. Zia si fa una grassa risata per quella che lei ritiene sia una bella battuta di spirito.

Arrivano zia Maria, la più alta è più giovane delle quattro sorelle. Sempre con gonne davvero corte sopra al ginocchio e con la grossa latteria trattenuta a stento dalla camicetta.
Per un po’ la studio e mi chiedo se sia vero che è ancora vergine in figa. So che è una donna molto pia: va sempre in chiesa, fa molte opere di carità con le suore e devo dire non l’ho mai davvero vista come una porca anche se le gambe gliele ho studiate parecchio. Porta i collant perché li ho visti stesi ad asciugare a casa sua e a dirla tutta li ho anche annusati e strusciati sul cazzo. Seduto davanti a lei per il pranzo le vedo così tanto nella scollatura che temo quasi se ne accorga.
Deve avere i capezzoli duri perché pulsano sotto alla camicetta facendomi notare che non porta il reggiseno.
A un certo punto è zia Olga a capire cosa succede perché mi soffia in un orecchio “smettila di guardarle le tette che poi ti viene duro”.
Da quel momento cerco di fare il bravo per quanto posso. A tavola ci sono anche zia Mariuccia e la figlia trentenne, mia cugina, Simona. Una specie di frigorifero più grassa della madre ancora da sposare e non posso fare a meno di chiedermi se sia golosa di cazzo.
Comunque dopo la doccia fredda di zia faccio il bravo. Non fisso più i particolari anatomici delle mie parenti e mi concentro sul cibo.

Le parenti ci lasciano verso le cinque e siamo tutti esausti anche per l’abbondante mangiata. Ci sediamo tutti sul divano e zia esclama “fatemi mettere un po’ comoda che sono tutta sudata. Ho messo questo bustino nuovo che mi stringe da matti”.
Inizia a spogliarsi e toglie davvero tutto a parte le mutande azzurrine che oggi, stranamente, ha messo e toglie anche le calze purtroppo.
Io seduto accanto a lei non posso fare a meno di fissarla e me lo tiro fuori con la massima naturalezza. C’è lho durissimo.
Nonna però scuote la testa “sono troppo stanca per fare sesso caro”.
La cosa mi lascia basito visto che lo ha detto a tutta vice davanti alla sorella che non ha battuto ciglia.
“Quando si è Stan che nulla di meglio che un buon ditale” dice zia e come nulla fosse si ficca la mano nelle mutande e inizia a darsi da fare.
Eccitato lo faccio anche io e me lo sego di gusto guardandola. Nonna invece deve essere davvero esausta perché appoggia la testa di fianco e dopo un po’ russa come un trattore.

Zia ci da di mano, io più di lei sempre con gli occhi sulle sue poppe che ciondolano ritmicamente mentre la mano munge la sua patata a tutta forza.
Alla fine un urlo appena soffocato e una grossa macchia sulle mutandine mi fa capire che è venuta.
Si ferma con la mano ancora nelle mutande e mi fissa. “Tu ne hai per tanto?” dice seria.
“Quasi fatto zia” annuisco io deciso a farle vedere quanto sono bravo.
Lei in un colpo solo si sfila le mutande e me le tira.
“Tieni, schizza qui che non ho asciugamani”.
Neanche a dirlo, fissando la sua figa pelosa che ora è in bella vista, con le mutande appallottolate sulla cappella e umide dei suoi umori mi faccio una sborrata da idrante...

Questo racconto di è stato letto 3 8 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


masturbarsi con spazzolino elettricoincesti freestorie erotiche incestigenere racconti eroticiracconti e storie eroticheracconti la prima volta nel culoracconti porno zoostorie di milule tette di mia cuginaracconti erotici caneracconti porno milfracc eroticiracconti erotici zoofiliracconti di sesso al cinemaerotici racconti 69racconti erotici diracconti porno fantasieracconti erotici mia sorellaracconti peggingstorieroticheracconti eros gratisstorie porniracconti sesso analeracconti erotic iraccinti eroticilesbica raccontitrans sborronistorie erotiche piediracconti zozzimilu racconti eroticiracconti erotici violentataeacconti eroticiincesto storieracconti erotici annunci 69moglie esibizionista raccontiracconti erotici fotoincesto annunci 69erotici racconti incestipiaceri analiracconyi pornoracconti veri incestistorie di sesso con animaliracconti zie troieraconti xxxstorie incestuosemarito cornuto raccontiracconto erotstorie bsxracconti sesso con animaliscambisti raccontiracconti sesso oraleracconti erotici e videoracconti sesso veriracconti erotiiciracconti.eroticiannunci69 incestocane incula ragazzaracconti erotici mutandinestorie gay erotichestorie fetishraconti eroticocerca racconti eroticisesso incestcornuti e guardonizia raccontoracconti milunudastorie feticismo piedigeneri racconti eroticiracconti poscanbio coppiesrorie pornoerotci raccontiracconti erotici esibizionismoracconti ertoticiracconti erotici haremincesti storieerotici raccovicina inculataraccnti eroticiracconti di coppie con transho messo incinta mia cognataracconti milu.comracconti erotici cuckracconti erotici i generisuocera troiaracconti erotickracoonti eroticiracconti incesto annunci 69racconti 69 tradimentiraconti eroticoracconti erotici da leggere gratisracconti porno tettoneprimo ditalino