Fidanzate - Grappa

Scritto da , il 2020-01-12, genere etero

E’ andata a finire che in albergo da sola ci sono rimasta per davvero. Ma non la sera in cui Martina deve decidersi a uscire con Bruno o con Peter. No, non quella. La sera prima!

Che cazzo ne so che down mi ha preso. Sta di fatto che, nonostante tutte le insistenze e la promessa di tornare presto, ho lasciato che Martina e i due bulgari se ne andassero per conto loro. In città, figurarsi. Un’ora ad andare e un’ora a tornare, se va bene.

Sarà stata la sciata, che oggi sembrava non finire mai, sarà stato il secondo massaggio per due giorni fila, che mi ha rilassata, stesa. Sarà stata la sauna, dove mi sono lasciata trascinare da Martina sperando che Ivan e Rada ci seguissero (soprattutto Ivan, ok, lo ammetto, una certa voglia di vedere come sta senza costume ce l’avevo). Niente, eh? Va bene, come volete. Però intanto a sbuffare lì dentro un quarto d’ora ci sono stata io, con mia sorella che ripeteva “e non rompere il cazzo, che ti sciogli un po’ e poi andiamo a farci un tuffo”. Beh, per sciogliermi mi sono sciolta, ma non in quel senso. Per fortuna siamo scappate un po’ prima di squagliarmi in una pozzanghera. O meglio, immediatamente dopo che uno dei tedeschi dell’orda selvaggia che infesta l’albergo – nudo, panzone e irsuto – ha fatto il suo ingresso mormorando “guten abend”. La odio, la sauna.

Quando mia sorella e i bulgari partono, dopo cena, vado ad occupare la postazione più strategica dell’albergo, ossia la poltrona accanto al camino nella sala grande. Penso che potrei anche salire a prendere il libro e ripassare un po’. Ma non mi va. Gli indirizzo idealmente un saluto: “Vabbè, sei venuto a cambiare aria pure tu”.

Si avvicina Osvaldo, il mio cameriere-barman di riferimento e mi domanda se voglio bere qualcosa. “Lo puoi fare un mojito, Osvà?”. “No, Osvà non può fare il mojito perché non ha la menta – sorride facendomi il verso – non le andrebbe qualcosa di appena appena più forte, signorina?”. Gli domando “tipo?” e lui mi propone una grappa alla quale hanno fatto non so cosa (me lo spiega, ma non ci capisco un cazzo). Gliene hanno appena portato cinque bottiglie da non-so-dove e, secondo lui, è la migliore del mondo. Obietto che la grappa non la conosco, non la bevo, non l’ho mai bevuta… una vodka magari? Risponde “basta con questa vodka, lasci fare a me”. E come sempre, decide lui. Però, poiché in effetti una sòla non ce l’ha mai data, lascio fare.

E faccio bene, raramente ho bevuto una cosa così buona. La assaggio e poi la butto giù quasi di colpo, perché tanto ho già deciso che mi godrò il prossimo bicchiere. Strabuzza gli occhi e mi fa “ma così non se la gode”. “Me la godo, me la godo, Osvà, me ne porti un’altra, le prometto che la centellinerò”. Scoppia a ridere dicendo “chi lo immaginava?” e va a prendermene un’altra.

Una buona mezz’ora la passo proprio così, a centellinare, a uscire fuori a fumare e a smessaggiare con le mie amiche Trilli e Stefania. E con Fabrizio. No, niente sexting, anche se alla fine, quando mi ricorda che mancano dieci giorni al suo ritorno, un brivido me lo dà. Ce lo siamo promessi, no? All nite long. In realtà mi chiede se posso fargli il favore di passare a prendere le chiavi di casa da un suo amico e attendere l’idraulico, perché l’amministratore del condominio gli ha telefonato e gli ha detto che forse si è rotto un tubo da lui. “Giovedì puoi? Il mio amico non può, scusa”. “Mi libero, non ti preoccupare”.

Serena, invece, è l’unica che manca all’appello. Non risponde. Cioè, per meglio dire, risponde dopo un po’. Però, accidenti a lei, che cazzo di messaggio: “Sto con Lapo, stanotte dormo da lui. E ci piacerebbe tanto che ci fossi anche tu, ti ricordi?”. Mi ricordo? Certo che mi ricordo, non sono mica cretina. Sono più che altro intorpidita, per questo mi limito a rispondere “una volta o l’altra dobbiamo rifarlo, ahahahah”. Insiste, mi dice che lui, Lapo, vuole sapere se preferirei succhiare prima lui o leccare prima lei. Mi sta provocando, sta troia, si stanno divertendo alle mie spalle. Rispondo “a porci, non attacca, qui è la pace dei sensi”. Prima mi arriva un “seeee”, poi un altro messaggio dove c’è scritto “Lapo verrebbe sapere se ti risveglierebbe i sensi succhiarglielo mentre io ti lecco”. “Che stronzi, volete farmi eccitare?”, chiedo condendo la frase con uno smile. Il ding immediatamente successivo annuncia un vocale che fa “siiiiiì” in coro da tutti e due, seguito da una risata. Ripeto “stronzi”, ma senza smile, stavolta. Il vocale successivo invece è solo di Lapo, con una voce che un po’ mi scuote. La voce, più che le parole, anche se le parole sono oscene: “Va bene, se proprio non vuoi venire a questa qui ci penso da solo, è già in ginocchio eh?”. Sul finire del messaggio, la voce più lontana di Serena che gli ride addosso “bastardo”. Non rispondo. E un minuto dopo arriva il video, brevissimo, di Serena che gli sta facendo un pompino. Scrivo “Ragazzi, stacco. Andatevene affanculo tutti e due. Smiley”. Invio. Immediatamente dopo ho voglia di salire in camera e farmi quel ditalino che volevo farmi ieri sera, pensando al bel Bruno che mi tratta come merito di essere trattata. Anzi no, meglio: Bruno che mi tratta come merito di essere trattata mentre faccio un pompino a Ivan e gli dico di non essere timido e di farmi vedere che è un uomo, mentre proprio in quel momento Lapo, Serena e Chris Hemsworth entrano, completamente nudi, nella stanza. Penso a questo, penso al mio imminente ditalino e penso anche che mi metterò un dito dietro mentre sto per venire. Un po’ perché mi piace e un po’ in omaggio a Serena, quella troia.

Valuto se salire subito o aspettare qualche minuto per farmi crescere ancora di più la voglia. Ma proprio in quel momento l’orda tedesca fa irruzione, occupando tutti gli altri posti, parlando ad alta voce, sghignazzando. Tra loro, con mio sommo rammarico, anche il sosia di Chris Hemsworth con una felpa Adidas colore granata. Lo osservo e immagino come sarebbe leccargli quella parte scoperta di collo e risalire su fino all’orecchio. Appena lo vede, la strafiga che ieri era con lui in piscina si alza e avanza sorridente. Ha un bicchere di birra in mano e gliene offre un sorso, lui accetta. Da come si comportano, è molto chiaro che non stanno insieme. Ma è altrettanto chiaro che questa ci sta provando come una mignotta. E se lui non è totalmente scemo la ragazza stanotte si becca una castigata fantastica. Logistica delle camere permettendo, ovvio. Quanto vorrei essere al posto di questa troia non riesco neppure a descrivervelo.

Ingelosita e infastidita dall’orda, mi sposto nella stube più piccola, bicchiere e telefono in mano. Mi dico ok, finisco sta cazzo di grappa e poi vado. E proprio sull’ingresso vado quasi a sbattere contro il papà di Rachele.

– Ohi!

– Scusa, stavo scappando da questi – gli dico indicando i tedeschi.

– No, che palle… Sei sola? Tua sorella?

– E’ uscita con quei due ragazzi bulgari – rispondo quasi sovrappensiero cercando di individuare l’angolino della stube più lontano dal fracasso – e Rachele?

– Ha la febbre, è in camera con la mamma.

– Ah cavolo, alta?

– mmm… un po’, speriamo sia solo una passata… poverina, era così capricciosa stasera… la stavo per mettere in punizione, pensa te… e invece era l’annuncio della febbre… che fai?

– Finisco questo bicchiere e vado a letto. Perché la stavi per mettere in castigo? Come ti viene in mente di metterla in castigo? Che faceva?

– Ma no, nulla. Cosa è? – domanda indicando il bicchiere.

– Grappa. Buonissima, mai bevuta prima la grappa ma questa è fantastica. Se vuoi un consiglio fattela portare da Osvaldo.

Sparisce per un po’ e torna con il bicchiere pieno, mi raggiunge e si mette al mio tavolo. Cosa che francamente mi scassa il cazzo. Un po’ perché non chiede il permesso e un po’ perché ho voglia di starmene da sola a pensare a quei due, Serena e Lapo, che in questo momento se la stanno spassando. Se davvero gli manco o se mi stessero prendendo per il culo non mi è ben chiaro. Ma chissenefrega, voglio mantenermi concentrata su quel pensiero che mi ha eccitata, magari rivedermi quei pochi secondi di video. Peccato non si vedesse tantissimo, i capelli neri di Serena coprivano tutto. C’è stato solo un istante in cui si è visto bene il cazzo di Lapo, prima che lei riscendesse a imboccarglielo. Uao. Vorrei tendere la corda quasi al massimo e poi correre su a soddisfarmi. Penso proprio che mi spoglierò completamente, mi stenderò sul letto e spalancherò le gambe davanti allo specchio. Mi piace la mia fica. Ho voglia di guardarmela mentre la sento gonfia, pulsante. Di aspettare tanto, di toccarmi solo le tette fino a che non ce la faccio più. Di immaginare Fabrizio che mi sta davanti con il cazzo duro e mi dice ridacchiando “tanto stasera non ti scopo” mentre io invece lo supplico, lo imploro di darmelo tutto anche se sono stata appena sbattuta da tre ragazzi. Si chiama delirio autoerotico, se ci tenete a saperlo.

Distratta, per così dire, da questi pensieri, neanche mi accorgo di Osvaldo che arriva con una bottiglia intonsa e un’espressione perplessa. Mi fa “signorina guardi che non è tanto leggera”. Sulle prime non capisco, poi gli dico “no, ma io non bevo più”, e poggio anche la mano sul bicchiere per tapparlo. Non è tanto per la grappa, è che voglio andare di sopra il prima possibile. Naturalmente, appena Osvaldo si allontana, il papà di Rachele mi dice “dai, l’ultimo, fammi compagnia”. Ma è chiaro che non è la mia compagnia che vuole, vuole farmi il terzo grado su mia sorella. E ti pareva. Quanti anni ha, cosa fa, da quanto tempo lavora, se vive ancora a casa con i miei, se va spesso sulla neve. E’ il centro esclusivo del suo interesse. Quando, per esempio, gli dico “sì a lei piace molto sciare, a me non tanto” è evidente che del fatto che a me non piaccia sciare non gliene frega un cazzo. Lo trovo anche un po’ maleducato, a dire il vero. Si interessa solo di lei e chiede di tutto. Tutto tranne la domanda principe: ce l’ha il fidanzato? Ma sono certa che arriverà anche quella. E tra me e me sto quasi per decidere che quando me la farà gli risponderò che ne ha tre e che sperimenta le meraviglie del sesso di gruppo. Poi mi rendo conto che sono arrivata al quinto bicchiere di grappa e che forse è stata una esagerazione, lascio perdere.

– Chissà quanti le girano attorno – dice avvicinandosi al punto.

– Non lo so – rispondo – abbiamo giri diversi.

– Ci credo, c’è una bella differenza di età – commenta – tu quanti anni hai?

– Quasi venti.

– Ahahahahah… seeee…

Cioè, che cazzo devo fare, tirare fuori un documento? Ti rendi conto che se fossi minorenne avresti appena commesso un reato dandomi da bere? Ma che cazzo di modi sono? Non solo fai il cafone parlando solo di Martina, ma sfotti pure? Perché non mi versi un altro bicchiere?

A parte le parole “mi versi un altro bicchiere?” tutto il resto lo tengo per me. Mi limito a guardarlo con una espressione che vorrebbe essere incazzata, ma non so se mi riesce bene. Mi sa di no, a giudicare da come va avanti.

– Anche tu sei molto carina, per carità. Però tua sorella è proprio una bellissima ragazza. Ma sono sicuro che tra qualche anno sarai bella come lei. E anche intelligente, si vede proprio che siete due ragazze intelligenti…

La sua accondiscendenza non so se mi faccia più ridere o più incazzare. Gli ripeto che ho quasi venti anni e poi, visto che come spesso accade l’alcol mi scioglie la lingua, gli dico senza tanti giri di parole che mi sono accorta che è dal primo giorno che la guarda in un certo modo. Soprattutto in piscina. Risponde prima “in che modo?”, sulla difensiva, e immediatamente dopo però “e chi non la guarderebbe?”. Obietto “beh, magari, non proprio il sedere e le tette in quel modo, davanti a tua moglie”. Ok, per parlare così a uno sconosciuto son proprio partita, me ne rendo conto un secondo dopo che gliel’ho detto. Lui scoppia a ridere e mi chiede se per caso sono gelosa. Mi ripete di avere pazienza ancora qualche anno, che a tette no ma che ho un bel sederino pure io. Anche se, e come ti sbagli?, quello di Martina “sembra fatto per giocarci tutta la notte”. “Ehi!”, protesto indignata, e lui sorridendo mi dice che scherzava.

A me però già girano i coglioni. Non tollero l’andazzo della conversazione e, men che meno visto l’argomento, che venga messa in discussione la primazia del mio culo. Martina ce l’ha bellissimo, eh? Sia chiaro. Ma non voglio sentire storie sul mio culo. Diciamo che… uh, almeno nell’emisfero boreale, non accetto contronti.

In più, sento la testa pesante anche se per me lui sta messo peggio. Va avanti, vuole sapere come mai siamo qui noi due, senza genitori, senza il ragazzo di lei. Sta cosa che sia lei a dovere avere il ragazzo e io no, peggiora le cose.

– E’ un periodo che ha qualche problema con il fidanzato, e così ha chiesto a me di accompagnarla – gli rispondo senza rendermi conto che la domanda principe, quella sul fidanzato, me l’ha appena fatta e io gli ho pure risposto.

– Ma se ha qualche problema magari cerca anche qualche svago… – risponde sarcastico, allusivo e, nel tono, abbastanza volgare.

Guardo la bottiglia di grappa, l’abbiamo quasi finita. Ma mi sembra impossibile che quello ubriaco sia lui. Io, nella mia testolina idiota, tutto sommato mi considero ancora abbastanza sobria… Sì, insomma, non proprio sobria ma ci siamo capiti, no?

– Non penso proprio – gli faccio con la voce gelida e un sorrisetto che dice “toglitelo dalla testa”.

– Perché?

– Eh, perché… perché la conosco, uno come te nemmeno lo considera…

– Come sarebbe a dire? – domanda fingendosi offeso. Anche se per me un po’ offeso lo è davvero e a questo punto la cosa ci sta tutta. Ma ovviamente sticazzi.

– Tanto per cominciare – gli dico guardandogli il cranio rasato – a lei piacciono i ragazzi con i capelli lunghi ahahahah… No, scherzo… e poi sei sposato, hai una bambina… lei non è il tipo, manco ti pensa…

– Bisognerebbe sentire il suo parere, che ne sai? Avete parlato di me?

– …mmm, un po’ – mento ridacchiando e assumendo, facendolo apposta, un’aria da ochetta iper-deficiente.

Nel mio delirio alcolico sto pensando di provocarlo, fino a fargli male. Di raccontargli di Martina che va in una disco di Milano e si fa rimorchiare da un ragazzo meraviglioso che la sbatte tutta la notte fino a farle dimenticare la tabellina del due. E che la sera dopo spompina un avvocato mentre questo telefona alla moglie. Per fortuna, poiché anche l’angelo custode di Martina deve essere rimasto in albergo, non faccio niente di tutto questo.

– E cosa vi siete dette? – chiede intanto il papà di Rachele cercando di mettere su un fare distaccato.

Ma che ti distacchi, a bello, penso mentre lo osservo per un po’ in silenzio, stai a morì sui carboni ardenti…

– Ci siamo dette cheeeee… ci siamo dette… Guarda che tra noi due quella che ti osserva sono io, eh? Cioè, almeno per un momento ieri è stato così. Non farti idee strane, è stato solo un attimo. Ma sono io quella che ti ha visto ieri che salivi in camera con tua moglie, dopo che ci avete lasciato Rachele… ricordi? Mi sa di sì – gli dico abbassando la voce ma tirando fuori allo stesso tempo una risatina che per me significa una sola cosa: strafatta di grappa. Per lui invece deve significare qualcosa tipo “ochetta invidiosa”. Se prima non ci credevo e pensavo di essere sobria questa risatina invece mi dice il contrario, la riconosco. Cazzo, dovrei alzare delle difese, no?

– E cosa hai pensato?

– Cosa devo avere pensato? Ho visto i vostri occhi…

– Sei troppo una ragazzina per fare questi pensieri.

– Troppo piccola?

– Troppo piccola.

– Impertinente?

– Molto di più.

– Cosa di più?

– Lascia perdere…

– Indecorosa? Sfacciata?

– Un po’ ridicola. In cerca di cose più grandi di lei. Dalle parti mie si dice che si ‘na cimbraccola…

– Forse allora il castigo adesso me lo merito io – dico mettendogli improvvisamente una mano sul ginocchio e guardandolo negli occhi mentre la faccio strusciare lungo tutta la coscia. Di colpo mi rendo conto che la domanda giusta da fargli sarebbe stata “sono troppo idiota?”. Ma ormai non posso farci niente. Davanti al suo sguardo che si è fatto feroce dovrei dirgli che lo stavo sfottendo, che è colpa della grappa e di due miei amici che mi hanno fatta uscire fuori giri via iPhone. Quello che invece faccio, senza quasi rendermene conto, è mostrargli il video di Serena che succhia il cazzo a Lapo: “Vuoi vedere una cosa? Questa è una mia amica, me l’ha appena mandato…”. “Lui chi è? Il suo ragazzo?” domanda cercando di dissimulare una certa agitazione, senza riuscirci molto. “Nooo… è uno che ogni tanto ci scopa, una volta anche insieme”, rispondo accentuando la pressione sulla sua coscia.

Quello che succede dopo che mi ha tirata su dalla panchetta è che andiamo in giro un po’ alla cieca. Questa è la verità, o almeno quella che mi ricordo. Perché dopo avergli detto “no, in camera mia no, mia sorella può tornare da un momento all’altro” non abbiamo proprio idea di quale sia il posto adatto. Mi trascina di sotto, per la scala che da dietro il bancone scende proprio nel punto in cui iniziano a dipanarsi i corridoi che portano alla spa, al kinder club, a chissà dove. A metà scala si ferma, mi bacia, mi stringe il culo. Mi appiccico contro di lui per sentire la pressione del suo cazzo. Ma anche schiantarsi contro il suo petto e sentirsi stritolare da quelle braccia vi assicuro che non è male. Cioè, a freddo direi che è uno che non mi piace molto, ma adesso non sono più tanto fredda e nemmeno tanto lucida. Sa molto di alcol, anche se non so bene come faccia a capirlo visto che io stessa devo sapere molto di alcol. In più, da quando ci siamo fermati qui sulla scala, mi gira tutto e mi sento molto vicina a non capire più un cazzo. Gli sfioro il pacco ed è già abbastanza duro. “Te lo guardavo in piscina – gli sussurro – guardavo la forma sotto il costume, mi sono venuti dei pensieri…”. “Che pensieri?”, domanda inorgoglito. Lo so cosa gli piacerebbe sentirsi dire, ma a me improvvisamente va di tenerlo sulla corda. Giusto un po’. “Ho pensato chissà se lo sa usare…”, bisbiglio ancora. Per meglio dire, biascico.

Ora, non è che non sia in grado di dire certe cose per eccitare ed eccitarmi. Posso essere molto indecente, se voglio. Posso dirle anche a freddo certe cose, se voglio. Mica penserete che mi vergogni, no? Eppure devo confessarvi che non è per questo che gliel’ho detto. All’ottanta per cento sarà la grappa, d’accordo. E poi la voglia, certo. Ma mi sono anche un po’ rotta il cazzo di questa storia della sorellina al seguito della bella figa. Mica ce l’ho con Martina, eh? Però sono abituata al fatto che la gente indirizzi i suoi pensieri osceni verso di me, non verso di lei. Io li adoro i pensieri osceni che la gente fa su di me. Indispettita? Ebbene sì, è da quando Chris Hemsworth si è messo a parlare con quella che sono indispettita. E inoltre, vaffanculo, zoccola sì ma “un po’ ridicola” non me l’ha mai detto nessuno. E’ per questo che comincio a fare la stronza. Talmente stronza che spero proprio che qualcuno mi metta al mio posto, mi dia una bella sistemata. Non è che ho proprio un piano preciso, anzi ve l’ho detto che sono anche abbastanza confusa. E’ più una sensazione. Ma fortissima.

Per questo, dopo che lui mi risponde che lo sa usare benissimo, mi metto a fargli la lagna e a sfotterlo dicendo “ti tira talmente il cazzo che adesso ti vuoi fare la ragazzina, eh?”. Oppure “ma non ti è bastato ieri con tua moglie? Se ti vedesse con una troietta come me sai che casino…”. Proprio perché lo sento irrigidirsi decido di continuare a battere sul tasto “moglie”. Lo so che lo mette in difficoltà, alimenta i suoi sensi di colpa, lo fa incazzare. E io spero proprio che si incazzi moltissimo, a questo punto. Gli sussurro “porco, maiale” ma un attimo dopo gli piagnucolo anche “oddio come ti è venuto duro” mentre gli stampo la mano sul pacco. Parlo e rido mentre mi trascina di qua e di là nel sotterraneo, senza un’idea precisa. Imbocca il piccolo tunnel che porta al garage e andare lì deve proprio sembrargli un’idea geniale. Invece a mente lucida sarebbe una stronzata, visto che se qualcuno deve rientrare è abbastanza probabile che rientri proprio dal garage. Ma chi ce l’ha la mente lucida in questo momento. Anche perché se ce l’avessi, diciamo le cose come stanno, darei le capocciate sul muro piuttosto che farmi scopare da uno che nemmeno mi piace tanto giusto per dimostrargli che tra me e Martina la mignotta sono io.

E quindi? Quindi niente, ha deciso di portarmi nel garage per scoparmi e mi ci sta portando, stop. Prima di arrivare lì, però, vede una porta. Abbassa la maniglia, la apre. E’ uno stanzino illuminato solo dalla poca luce che arriva dalla finestra, è la rimessa dove tengono le biciclette a disposizione dei clienti durante l’estate, più un sacco di altra roba accatastata. Mi lascio trascinare lì dentro, il mio corpo non fa proprio nessuna opposizione. Ma intanto continuo a sfotterlo, a provocarlo e a fare la ritrosa. Gli dico “no, dai, basta… torna da tua moglie… magari Rachele dorme e lei ti aspetta come ieri… magari ha già aperto le gambe…”. “Piantala!”, mi intima, ma io continuo, non me ne frega un cazzo. “Oppure vuole stare sopra? O invece a te piace metterla a novanta e fotterla così?”. “Piantala!!!”. “Che fai? La porti al bagno? Te la scopi sul lavandino? Mica lo farete accanto a Rachele, no? E come fate quando dorme? Le tappi la bocca per non farla urlare? O è una che non urla? Io strillo, lo sai che quando mi infilano il cazzo dentro strillo come una matta?”. Lui perde la pazienza e mi prende il mento tra le dita: “Stai zitta, devi stare zitta, capito? Ivana non la devi nemmeno nominare… e nemmeno la bambina…” mi intima scuotendomi la testa. “Disse il marito integerrimo che voleva inchiappettarsi mia sorella ahahahah” gli rispondo ridendo istericamente appena mi libero. “Tappati questa bocca, troia!”.

– Conosco solo un modo per farmi tappare la bocca adesso – gli sussurro prima di mordermi un labbro e tornare a tastargli il pacco.

Lo fa lui o devo fare da sola? Avete presente quell’istante di indecisione, quell’attimo sospeso? Lo fa lui. Mi spinge giù mentre sto cercando di slacciargli la cintura. Mi inginocchio, probabilmente mi graffio anche attraverso il taglio dei jeggings. Ricomincio la mia manovra e gli tiro giù tutto, fino alle caviglie. Porto verso l’alto la sua t-shirt e la sua camicia. Ho assolutamente bisogno di vedere la più ampia porzione possibile del suo corpo senza che niente la nasconda. E’ una cosa tutta mia. Seguo pensieri miei, miei desideri e mie strategie. Non è che lui abbia sta grande attrezzatura, e se volessi fare davvero la stronza potrei anche trovare il modo di farglielo notare. Duro ok, odore di cazzo ok, ma da quel punto di vista… Comunque lascio perdere. Voglio godermela e condurre il gioco finché mi sarà possibile, finché perderò la testa. Per questo, quando cerca di spingermelo subito in bocca, lo fermo, lo sfotto ancora una volta. “Quanta fretta, non sai che noi ragazzine siamo delicate?”. Bacio, succhio, lecco. Soprattutto i testicoli. Tutto molto piano, lo attiro nella mia trappola. Poi la saliva lungo tutta l’asta. E’ una cosa che li fa uscire fuori di cervello tutti, i maschi. Soprattutto quelli più grandi. Forse perché da una ragazzetta non se l’aspettano, boh. E infine l’affondo. Lo slurp di quando lo prendo tutto, lo smack di quando lo lascio con un bacio in punta. Il suo respiro accelerato, il mio sguardo verso i suoi occhi. “Sfacciata, vero? O proprio troia? Me lo dici che sono una troia?”. Ma no, niente. Non mi dice niente. E’ come se fosse paralizzato dalla sorpresa e dal piacere che gli sto dando. Fanculo. Succhio e risucchio lo stesso. Chiudo gli occhi e immagino Lapo che si chiava Serena sul tavolo della cucina, proprio come ha chiavato me. Li riapro e vedo un ombelico a due millimetri dalle mie ciglia. Li richiudo e vedo Lapo che, mentre succhio Ivan e mi impalo su Bruno, mi indica Chris Hemsworth e mi dice “vuoi provare la doppia penetrazione?”. E Serena che si siede sul cazzo del suo amante e, guardandomi con tutta la lascivia di cui è capace, mi fa “non vedo l’ora di leccare tutto quello che ti colerà fuori”. Ok, è il momento delle allucinazioni, ogni tanto mi capita. Ho la voce impastata e la stanza gira tutta.

Mi stacco per dargli modo di vedere la punta del suo cazzo e le mie labbra unite dai fili di bava che poi uso per lubrificarglielo ancora e ricominciare a succhiare, a pompare. Onestamente e senza vanterie, gli sto facendo un megamaxi soffocone. “Dai, dimmelo quanto sono troia”, “Ti eccita?”, “Sì”, “Ragazzina, sei una grandissima zoccola”, “Siiiiì”. Sussurri, succhi, risucchi, conati strozzati. Biciclette e addominali in tensione. Saldatori, mutandine fradice. Rastrelliere e mani che gli abbrancano le natiche di marmo. Sapore di cazzo. C’è un universo in questo stanzino. Se ci fossero anche i suoi insulti sarebbe perfetto. Che cazzo c’è, hai paura di urtare la mia suscettibilità? Quando scopi lo fai in silenzio? O tua moglie è una di quelle che si offendono? Ma che cazzo, te l’ho pure detto che mi eccito…

Però non sarei onesta se dicessi che non mi piace. Mi piace eccome. E anche quando per lui arriva il momento in cui non gliene frega più un cazzo di nulla sulla terra mi piace da morire. Quando mi mette una mano sulla nuca e comincia a scoparmi la testa come se fosse una fregna, quando mi riempie e mi lascia senza aria, quando non mi resta altro da fare che gorgogliare ed attendere il mio premio.

Si vede che scoparsi ieri la dolce Ivana non gli è bastato perché, letteralmente, mi abbevera. Nel suo genere è anche buona, tra l’altro. Ciò che riesco a non deglutire glielo mostro, tirando fuori la lingua. Poi ingoio anche quello. Magari avrebbe voluto dirmelo lui, “non buttare giù, non buttare giù, fammi vedere”. Ma non l’ha fatto e così ci ho pensato io. Mostrargli che sono peggio di quanto potesse immaginare. Sì, è stato un piccolo sfregio anche questo. Poi però lo imbocco di nuovo, ma non per pulirlo. E’ perché anche io, a questo punto, voglio di più. Mi impegno pure, giuro, ma non succede nulla. Mi impegno talmente che mi rialzo e gli miagolo “fottimi”. Forse mi umilio troppo quando aggiungo “ti prego”, ma chissenefrega. E chissenefrega anche della considerazione che lui ha di me. “Fammi riprendere”, mi ansima addosso. “Ti prego”, ripeto umiliandomi peggio di prima, abbassandomi i pantaloni e le mutandine. Avete presente quelli che ti usano come cazzo vogliono loro e poi ti lasciano in un angolo seminuda, tremante e piena di dolori, ma con un insopportabile senso di vuoto in mezzo alle gambe? Ecco, uno stronzo così. Di quello ho voglia adesso.

“Aspetta – ripete stremato, ma con il tono di una minaccia – ma sei davvero così?”. “Così come?”, “Così lercia!”. “Puniscimi davvero, allora! Fammi sentire le mani!”. Mi volto e mi offro a lui, e se vi dovessi dire perché lo faccio, sinceramente, non lo so. Se me lo fanno mentre mi possiedono è un conto, così però è tutta un’altra cosa. Ma è una specie di raptus. Già una volta mi era capitato, con Lapo: “sculacciami”. Chissà che cazzo mi prende quando mi prende così.

Solo che già Lapo, che ha delle mani molto belle ma tutto sommato normali, mi aveva fatto quasi piangere. Qui, con questo energumeno, potete pure togliere il quasi. Quando insieme al secondo schiaffo aggiunge “sei proprio senza vergogna” io sto già lacrimando. E quando dopo sei o sette colpi mi sono stancata di rispondere “sì” ai suoi “ti piace?” mi metto proprio a piangere. Mi metto a supplicare “basta, scopami”. La sua risposta è una mano che mi afferra il collo proprio sotto la nuca e mi fa leggermente piegare in avanti, e due dita che mi penetrano di colpo, senza attrito. Grido, squittisco, la sua stretta sul collo si fa più forte e la sua voce cattiva: “Zitta, troia!”. Spinge, mi scopa con le dita, sciacquetta. Va bene, vorrei il cazzo. Ma arrivati a questo punto mi piace anche così, diosanto se mi piace. Mi piace anche quando mi infila il pollice nel sedere, mi piace lo strillo che tirerei fuori se non mi tappasse la bocca, mi piace lo spregio che sentenzia “cazzo, lo prendi dappertutto, sei sfondata”. Io? Cioè, boh, non lo so se sono sfondata, ma che cazzo di considerazione è? Che devo dire, devo dire di sì? Va bene, te lo dico: “Sì, sì-sì-sì”. Però mica lo so se intendo “sì, sono sfondata” oppure “sì, continua così”. Mi sa che è la seconda che ho detto, però. Perché altrimenti non ti piagnucolerei “non smettere”, non ti supplicherei “fammi godere, sto venendo”. Poi certamente ti dico altre cose, ne sono sicura. Ma non me le ricordo, non le fisso, perché come al solito inizio a disarticolarmi. E molto prima che si disarticoli il mio corpo si disarticola il cervello. Esplosione, scossa, blackout. Fine del blackout, gambe che tremano e lagna senza fine.

E poi ok, lo sento che lo vuoi fare, lo sento che ti sei appoggiato. Non ce ne sarebbe bisogno, tecnicamente, ma mi piace se dici che adesso mi scopi… E quindi sì, ce n’è bisogno. E’ il bisogno del superfluo. Amo il superfluo in questi momenti, il ridondante. Amo il cazzo che mi fa gridare e il suo padrone che mi dice “strilla troia”. Che c’è? Ti è preso di insultarmi tutto d’un tratto, ora? Sono una troia, ora? Ora che mi vuoi sbattere ti è preso di dirmi che ho un culo magnifico? Sì, d’accordo, va bene. Ho un culo magnifico e sono talmente troia che mi dovrei vergognare. Che problema c’è? Se ti torna duro con questo che problema c’è? Basta che mi usi come una puttana, perché ho bisogno di essere usata.

Comunque no. Nonostante provi a spingere e strusciarsi, la sua appendice molliccia non ritorna né maschia né devastante. Si arrende con un “non ce la faccio, ho bevuto troppo” uguale a quello che mi rivolse un mio compagno di classe del liceo una sera che mi ero intestardita a fargli un pompino.. Vabbè, capisco che a volte possa andare così. Quella sera ci rimasi male, mentre adesso… boh, devo essere scema. Adesso accolgo la sua rinuncia con un misto di sollievo e rammarico. Ok, il rammarico me lo spiego. Ma il sollievo? Che cazzo ne so, che vi devo dire… Io appena torno a Roma vado dallo psicanalista, anzi dallo psichiatra.

Di una cosa però gli sono grata. Di ridurre al grado zero il momento del bye-bye. Vi sarà capitato, no? Lo chiedo a quelle sorelle che ogni tanto si lasciano coinvolgere da un pompino o da una scopata senza senso. Avete presente quei secondi di imbarazzo subito dopo, quando le voglie sono state bruciate, quando due stanno lì a guardarsi e non c’è proprio molto altro da fare? E sì, è stato davvero tutto molto veloce, tu mi hai presa e io mi sono data. Ma adesso, in definitiva, che cazzo abbiamo da dirci? Sono stanca, ho sonno e mi gira la testa. Tutto quello che c’era da dire, e non era molto, ce lo siamo detto. Quello che c’era da fare l’abbiamo fatto. Cioè, non tutto, ma a sto punto va bene così.

Di solito, questi momenti io li risolvo con un “beh, io andrei”. Stavolta invece è lui che mi toglie dal disagio: “Devo assolutamente trovare un posto dove lavarmi”, dice. Sì certo, lo capisco. Mica puoi tornare da tua moglie così, con questo odore addosso. Ma non è tanto quello che dice, è come lo dice. Parla a se stesso, come se io non ci fossi, come se non contassi un cazzo.

Lo so, lo so che quando dico queste cose mi prendete per scema, che vi credete? Però a me questa cosa che lui non mi consideri per niente mi fa impazzire. Sbroc-ca-re. Del resto voleva farsi Martina, non me. Io sono stata solo il surrogato di mia sorella, la bocca nella quale scaricare la sua voglia di lei. Niente altro, anche se sono a meno di un metro da lui, nuda dalla vita in giù.

Torno in camera declinando tutti i modi possibili del verbo barcollare. Contrariamente a quello che mi aspetto, trovo Martina che dorme. Ho bisogno di lavarmi anche io. I denti e non solo. La menta del dentifricio e il mughetto del sapone liquido per coprire l’odore dello sperma e del mio succo. Mi stendo al suo fianco, pensando che non so se avrò il coraggio di confessarle che ho provocato sfacciatamente un uomo sposato e che gli ho dato la bocca. Ma sarei stata disposta a lasciare che si prendesse anche il resto. Come lei non sarebbe mai stata capace di fare. Solo per dimostrare a uno che nemmeno mi piace che sono più troia di lei.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 9 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici medicostorie hot gratiszia porcellonaraconti sessostorie di crossdresserracconti oornostorie eroticoerotici racconti 69i generi di racconti eroticiracconti di sesso amatorialiracconti fetishraccomti miluaspirante cornutostorie di mogli puttanelaurax raccontistorie erotiche amatorialiraccontieroticiincesto storieracconti erotici in classeracconti fetishracconto eroticipiedi maschili raccontiraccpnti pornoracconti bisessualiwww.eroticiracconti.itracconti hard con animalii generi dei racconti gayracconti erotici italianoracconti erotici zieraccontieroticracconti poenostorie di adultiincesto annunci 69racconti a69erotici raccpntiracconti veri di tradimenti coniugaliracconti erotici reali gayracconti donne sposatesuocere scopate dai generiracconti incestuosi realiraccontii eroticiracconti erotici caniracconri eroticipompino a mio fratelloracconti di tradimenti in vacanzaracconti hoterositalia raccontitrav raccontiraconti erotici 69racc eroticistorie ornoio milùracconti di tettesi fa inculare dal suo canestorie miluracc sessracconti esperienze erotichecugina porcellinaporno storie realiculo rotto raccontiracconti suoceroracconti porno al femminileracconti erotci 69scopata per scommessamia moglie raccontiporno racconti realierotociraccontiracconti picantistorie erorichepadrone bastardostorie erotic eracconti erotici con neristorie pornoi generi racconti eroticicugina tetteracconti erotuciracconti mariti guardonistorie hard gratisxlatergay porno storieracconti erotici sui piediscambio coppie raccontistorie mogli troieracconti erotivracconti pornograficiracconti erotici cazzo piccoloracconti marito bisexsculacciata raccontiraccontidimiluracconto di un pompinosempretibetracconti erotici madre e figlioracconti rtoticiracconti sexsi