Week-end con la schiava – La prima notte

Scritto da , il 2019-10-06, genere saffico

Erano già le 21:15 e non era ancora arrivata. Che mi fossi sbagliata, possibile?. Me ne stavo seduta sul mio divano in short e camicia da notte.
Il citofono suonò qualche minuto dopo – “quarto piano, l’ascensore è sulla destra”
Qualche secondo e suonò pure il campanello e aprii, agitata, la porta. Apparse con un vestito smanicato, attilatissimo e bianco; si vedevano i capezzoli dritti. Quindi mi aveva dato retta e non indossava l’intimo.
La feci accomodare con freddezza – “Sei in ritardo”
“Mi scusi” – Cosa era quel lei formale – “Non trovavo la sua casa”.
“Va Bene” – La baciai – “Sei perdonata”
Le fissavo il vestito – “Allora lei hai indossate”
Si alzò il vestito e vidi le mie mutandine. Erano così stropicciate che immaginai che non le avesse ancora lavate.
“Non sono una brava cuoca, quindi ho ordinato dal rosticcere. Spero che ti piace il pollo fritto”
Lei come al solito era silenziosa.
Ci sedemmo una davanti all’altra.
“Sai, mi sento un po’ stupida” – Non trovavo le parole giuste – “Mi sono fatta leccare da te e praticamente non so nulla di te, Monica”
Lei si stupì che ricordassi ancora il suo nome.
“Che le posso dire. Lavoro in quel supermercato da qualche anno, è molto noioso” – Faticava a parlare – “Da qualche anno non riesco a uscire con i maschi, dopo che mi è successo una determinata cosa” – Sovrappose le labbra – “Pero non lo voglio dire, mi scusi”
Le presi le mani, gli le baciai – “Non ti preoccupare”
La cena mi sorprese, era più interessante del previsto. Ogni tanto mi divertivo a infilare la mia gamba tra le sue cosce. Lei si faceva fare tutto.
Finimmo il pollo e le patatine in venti minuti. Mi alzai per sistemare i piatti.
“Lasci fare a me”
“Ma sei mia ospite”
“Per me sarebbe un onore” – E si mise a pulirmi i piatti.
Mi sedetti comoda ad assorvarla. Trovavo molto seducente il tutto e mi infilai la mano negli short.
“Alzati il vestito” – Ora era molto piu sciolta, forse perché era a casa mia e se lo alzò subito.
Le mie piccole mutandine le stavano d’incanto.
Mi alzai le accarezzai il sedere, mi chinai e gli lo leccai. Intanto lei continuava imperterrita a lavara i piatti.
Tornai in piedi, le diedi una pacca sul culo. Infilai le mani nel lavabo e gli afferrai il seno da dietro, mordendogli il collo. Dove appoggiai le mani, il vestito diventò trasparente, si intravedeva il suo seno.
“Lascia perdere i piatti” – La condussi sul divano – “Oggi sei stata molto gentile con me”
CI sedemmo una accanto all’altra e le infilai le mani nelle mutandine. Era la prima volta che ero in contatto con la sua passera. Senza dire nulla, lei introdusse le sue nei miei short.
“Tutto per la mia signora”
La guardai – “Qui non c’è nessuna signora”
Non rispose e mi prese il clito tra le dita. Gli leccati le tette da sopra il vestito. Ero affascinata da quel davanzale.
Le tolsi le mutandine e, non sapendo dove metterle, gli le infiali nella bocca. Appoggiai la bocca sul suo clito e lo strinsi tra le labbra. Le mie mutandine le soffocavano i versi.
La mia lingua scavava all’interno della sua passera. La sua mano si agitava il piu possibile dentro i miei short, la posizione non era comoda. Quindi me li sfilai e cercai una cosa improbabile, un anomalo 69.
Come ho detto prima lei era seduta sul mio divano. Appoggiai le mie gambe sullo schienale, per fortuna non era appoggiato al muro, lasciando la sua testa in mezzo. Il mio corpo scorreva lungo il suo. Mi tenevo in equilibrio, tenendomi per le sue gambe. Lei sputò le mutandine e annuso la mia passera. Ormai conosceva bene il mio sapore. Sentivo le sue tettone sulla mia pancia. Non smettevo mai di leccarla.
Ero determinata di farle avere un orgasmo, ma dovevo scegliere io come e quando.
Mi misi più comoda e le infilai tre dita nel culo, ovviamente lei urlò, ma non protestò.
Dato che stavo per cadere, mi rialzai. Questa volta mi misi in piedi sul divano e gli la sbettei in faccia. Poverina aveva passato tutto il giorno a leccarmela. Mi afferrò il culo con le mani.
Dentro di me sapevo che con lei potevo fare tutto quello che volevo.
“Signora, le piace la mia lingua vero”
Mi stavo annoiando di quella signora, ma lasciai perdere.
Di sicuro era esperta a leccarla, giocava con maestria con le mie labbra e con il mio clito. Urlavo con piacere.
Senza dire nulla, scesi dal divano e mi precipitai sul letto, che era appena dietro. Mi tolsi tutto e mi masturbai. E le intimai – “spogliati per me, tesoro”
Si vedeva che non sapeva che fare, ma vedevo nei suoi occhi che voleva soddisfarmi.
Si sfilò il vestito lentamente, le sue tette spiccarono.
“Monica sei bellissima”
Si palpò le tette e si avvicino i capezzoli alla bocca. Io era nella posizione del ponte e mi infilavo le dita in ogni foro. Due dietro e due davanti. Era incredibile che avessi sedotto una donna simile.
“Puttana che aspetti di mettermi la figa in faccia”
“Ma io, forse”
“Muoviti”
Si inginocchio sopra la mia faccia e le accarei li clito. Notai la sua passera consumata, non me lo sarei mai immaginato.
Gli la baciai subito. Mi spruzzava umori in ogni dove. Infilai due dita dentro di lei. Stava tremando.
Volevo vedere quanto era espansa e introdussi un altro dito. La sua schiena si raddrizzò.
“Cosa mi stai facendo”
“Nulla Monique”
Le infilai tutta la mano. Bestemmio. I muri tremarono.
“Per favore, no” – Ovviamente non l’ascoltai.
Il mio pugno le esplorava la cavita; eccole erano tornate le lacrime. Si chinà all’indietro, probabilmente cosi le faceva meno male, e se la godeva di più.
Gli la sfilai e lei cadde di peso sul letto. Mi buttai sopra di lei, mi sentivo in colpa e ancora una volta mi ritrovari a leccargli le lacrime.
“Toccami” – Mi accarezzò la passera.
La baciavo e mi strusciavo sulla sua mano. Affondai il viso nelle sue tette. Lei mi accarezzò i capelli, gesto insolito da parte sua. Le urlai che lei fosse mia. Spinsi il mio bacino verso il suo seno, e mi feci scopare dal suo seno.
“Ora ti sbatto” – Il mio io interiore era in fiamme.
Le alzai la gambe destra, le appoggiai la figa sulla sua e spinsi come se fossi stata posseduta da un demone.
Non sapevo chi avesse le figa più bagnata ma so di certo che raggiunse l’orgasmo per prima. Io.
Avevo dato tutto quello che avevo, ma ero pronta a farle avere un orgasmo, scesi sulla sua passera.
“No, signora non serve”
“Sei sicura”
“Si piuttosto, posso avere l’onore di abbracciarla”
Mi faceva così tenerezza che l’accontentai. La abbracciai e ci addormentammo così.

Continua con: la vera natura umana.

Questo racconto di è stato letto 3 8 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti di esibizionismoerotica raccontiraqcconti eroticistorie vere piccantiracconti erotici genivesibizioniste in autoracconti erotici dottorei racconti di milùzia formosaracconti porno sexracconti erotici universitaracconti pronoerotici rccontiracconti porno sexforum zoofiliaracconti dal ginecologoracconti gatstorieroticheraccontini eroticistorie di culistorie di mogli che tradisconofotostorie erotichei generi dei racconti eroticistorie di sesso spintoesibizioniste in luoghi pubblicistorie di sesso veroracconti saunaracconti erotici fetishracconti erotici primo pompinoracconti erotici fetishmia sorella mi da il culomoglie ingravidataracconti mariti guardoniracconti xxstorie di mogli puttaneracconti veri di incestiracconti trasgressioniracconti sex 69mature zoofiliaannuncio 69.itracconti porno+racconti prima esperienza gayracconti segheracconti eroti cidonna si scopa un cavalloracconti nonna nipotearchivio racconti eroticiracconti erotici classicisesso con mio cognatoincesti familiarierotciraccontiracconti eroticviracconti erotici sorellaracconti cuginaraconti eroticiracconti in saunaracconti erotiicstorie eroticimoglie infedele raccontiracconti gairacconti orgestorie eroticaracconti porno+racconti erotici di donne maturestorie sesso gratisquella troia di mia suoceraracconti di mogli troieeracconti eroticieriticiraccontiraccotni eroticiracconti erotici nonna e nipoteracconti porno masturbazionepapà inculamiracconti erotici.comstorie vere pornoracconto porno gratis