Un metro 16 - Sperma e tequila

Scritto da , il 2019-07-25, genere orge

Non c’è bisogno di dire nulla. E’ la scena che parla da sola. Ermanno si è già tolto scarpe e calzini, si è sfilato la giacca. Sta allentando la cravatta senza fretta. Ai suoi piedi, come se fosse a cuccia, Giovanna. Carponi sulla moquette, la testa china e le tette che pendono verso il basso, il culo nudo. Il body blu scuro che ormai le copre le reni e poco altro. Dietro di lei, Pino. Lui non ha ancora avuto modo di spogliarsi, quel poco di tempo che ha avuto da quando è entrato lo ha utilizzato per infilare un dito nei buchi di Giovanna. Il terzo è dietro di me, che mi palpa il sedere e si è accorto che non ho le mutandine.

“No, dico davvero, sta troia sotto non ha nulla”. Mi alza la gonna del tubino e mi mostra agli altri. Vedo gli occhi di Ermanno e Pino dirigersi sul mio sesso, mentre il dito dell’altro scivola lungo tutta la mia fessura. Lentamente, sfiorandola, fino a risalire su per tutto il solco tra le natiche. Leggera e lenta anche la pressione sul buchino. Non sono certa che il brivido che il suo dito mi provoca sia propriamente un brivido di eccitazione.

Inizia ad abbassarmi la zip del vestito, ma Ermanno lo ferma. Gli fa segno di aspettare. Finisce di togliersi la cravatta e dice agli altri che c’è qualcosa di divertente che debbono sapere. “Voi non avete idea del motivo per cui questa zoccoletta è qui”. Pino e quell’altro si guardano, gli fanno la stessa identica smorfia. Come a dire che non c’è bisogno di avere molta fantasia per farsene un’idea. E invece no, risponde Ermanno. E gli racconta la storia della gara tra me e Serena, una gara a chi prende più centimetri di cazzo uno dopo l’altro, fino ad arrivare a un metro. Pino sghignazza rumorosamente, l’altro da dietro aumenta la pressione sulle mie chiappe e dice agli altri: “Che era una puttana si era capito, ma questa non me la sarei mai immaginata…”. Poi mi infila un dito della vagina. Sono umida, è vero, ma nemmeno tanto. E l’intrusione mi dà più che altro fastidio, e il fastidio mi fa squittire. Ermanno se ne accorge e gli fa segno di fermarsi.

– Un attimo, lei non è come sta vacca qui – dice indicando Giovanna ai suoi piedi – ci sono delle regole. La prima regola, ovviamente, è che dobbiamo farci misurare il cazzo… La seconda è che possiamo farle solo quello che vuole lei, vero?

Annuisco, anche se mi rendo conto solo un attimo dopo che la domanda era rivolta a me. L’altro uomo allenta la presa sulle mie natiche e lascia scendere la gonna del mio tubino.

– La terza regola – prosegue Ermanno avvicinandosi a un palmo dal mio viso e guardandomi negli occhi – è che quello che vuoi ce lo devi chiedere. Chiedere, non farcelo capire. Devi dircelo esplicitamente, intesi? Da quel momento in poi saremo liberi di farlo.

Annuisco ancora, senza fiatare.

– La quarta e ultima regola è che quando te lo chiedo devi giocare con Giovanna, anche se lei dice no.

Pino si lascia andare a un “ehiehiehi… spettacolino lesbo, stasera”. Io penso a Giovanna, che solo pochi minuti fa mi ha confidato, rassegnata, il disgusto che le provoca la sola idea di essere toccata da una ragazza.

– Quest’ultima cosa è proprio necessaria? – domando a Ermanno.

Ma un attimo dopo me ne pento. Perché è stata la stessa Giovanna a dirmi “se ti chiede di fare qualcosa a me, falla”. E comunque Ermanno risponde, semplicemente, “sì”, e chiude la questione. Poi finisce di sbottonarsi la camicia e si toglie calzoni e boxer, rimanendo nudo di fronte a me. Ha un corpo normale, di colorito normale, ricoperto da una peluria normale. Non c’è nulla di lui che mi attragga particolarmente, non c’è nulla di lui che mi respinga. Mi domanda cosa voglio fare, se voglio restare per un po’ a guardare loro tre che si prendono cura di Giovanna. Dice proprio così, “prendersi cura”. Mentre ci penso un attimo, sento Pino domandargli se ha portato qualcosa. La risposta è “no, solo questa”. Ermanno va a prendere la giacca e tira fuori qualcosa che potrebbe essere una benda. Pino inizia a spogliarsi anche lui, il più giovane – ancora alle mie spalle – chiede “nemmeno il flogger?” e Ermanno gli dice di no, poi aggiunge: “L’ultima volta hai esagerato”. Chiedo cosa cazzo sia un flogger, lui mi risponde che è un frustino con tante code di pelle.

Non so spiegare bene perché, ma è proprio questa risposta che mi spinge a farmi avanti, come se volessi proteggere Giovanna, in qualche modo. Anche se a mente fredda, è chiaro, dovrei rendermi conto che né per me né per lei cambierà nulla. Ma forse non ho più la mente tanto fredda.

– No, ok – dico – voglio misurare i vostri cazzi, iniziamo?

L’ho detto tutto d’un fiato, come quelle cose che prima di dirle bisogna trovare il coraggio e prendere un bel respiro.

– Cosa hai per misurarli? – domanda Ermanno.

Mi volto e vado a prendere il telefono nella borsa. Glielo mostro dicendo “questo”, da dove sono adesso vedo che gli altri due sono quasi nudi anche loro. Il più giovane indossa solo degli slip blu, già gonfi.

Ermanno mi dice “forse ti converrebbe misurarli in condizioni un po’ diverse da queste”. Ha un tono ironico, irridente quasi. Capisco cosa intende e gli dico “sì, certo”. Abbasso un po’ lo sguardo, non riesco a sostenere il suo.

– E quindi, piccoletta – mi incalza – cosa vuoi fare?

Credo di avere fatto centinaia di pompini, anche a ragazzi o uomini appena conosciuti. Ma una cosa è dire a un tipo, a tu per tu, “voglio farti un pompino”, un’altra è dire a tre uomini che si stanno spogliando (anzi, Ermanno si è già spogliato del tutto) che voglio prendere i loro affari in bocca per farli diventare duri e misurarli. Sapendo bene, allo stesso tempo, che quegli affari poi me li dovrò prendere dentro. Tre uomini sposati, tra l’altro. Scusate, me ne sono dimenticata, ma le fedi alle dita sono una delle prime cose che ho notato di loro.

– Voglio… prendervi in bocca, farvi indurire e misurarvi – dico a fatica.

– Cosa vuoi prendere in bocca e misurare, di noi? – domanda Ermanno.

– Ok… ok, i vostri cazzi.

– Vuoi cominciare dal mio? – chiede ancora, compiaciuto della mia resa.

– Sì… – sospiro.

– Inginocchiati.

Si sposta quasi davanti a Giovanna, le mie ginocchia finiscono sul morbido della moquette. Inizio a baciare, leccare, succhiare. E’ il mio regno, ma mi sento tesa, qualcosa non va. Non lui, lui è pulito e ha un buon sapore di maschio. Sono io che, a questo punto, dovrei essere già partita. Ma non lo sono. Ermanno ha un bel cazzo, non lunghissimo ma grosso, di quelli che ti riempiono. E anche se io non sono proprio al massimo, è un cazzo che fa il suo dovere. Mentre lo spompino sento la sua voce che fa “guarda vacca, guarda la tua amica come mi succhia l’uccello”. Giovanna rialza la testa e vede il suo amante fottermi in bocca, il suo sguardo e il mio si incrociano per un momento. La sua espressione è indecifrabile, come al solito. Ma io sono certa che, se potesse, mi ammazzerebbe. Chiudo gli occhi e afferro Ermanno per le cosce, mi spingo il suo cazzo fino in gola per dimenticare lo sguardo di Giovanna. Lo faccio rantolare dal piacere e dalla sorpresa: fino a quel momento non era stato un gran pompino, ma adesso sì. Sembra quasi che sia lui, non io, a strozzarsi. “Che puttana”, esala prima di sfilarmelo per farselo misurare.

Sedici centimetri. Mi sono infilata tutto in bocca un cazzo di sedici centimetri, e bello largo. Ma non c’è problema, ho fatto di peggio, molto peggio.

Gli altri due non sono alla stessa altezza. Pino mi attende seduto sul letto. Non ha solo la faccia flaccida, diciamo che è generalmente flaccido. Inizio a succhiarlo osservando Ermanno che si dirige verso Giovanna, si inginocchia dietro di lei e la fotte. La sento mugolare mentre il rumore delle mie succhiate comincia a far godere Pino. Lo lascio, lo misuro: quattordici centimetri. Non esattamente un superdotato, ma sono quasi felice di passare al terzo.

Giovanna geme a ritmo sotto le spinte lente di Ermanno. Mi volto verso il ragazzo e lo vedo già in tiro. Non mi sembra un granché nemmeno lui, ma almeno ha un bel corpo. Ha gli addominali molto pronunciati e un sacco di tatuaggi. Uno è il disegno di un paracadute, su un fianco. L’altro è visibile solo perché ha il pube completamente depilato. Anzi, ora che ci faccio caso non ha proprio un pelo in tutto il corpo, deve essere un fissato.

Giovanna è alle mie spalle, non la vedo. Ha cambiato modo di gemere, ora mugola. Probabilmente, mentre Ermanno se la scopa, Pino le ha infilato il cazzo in bocca. Sì, giusto, le ha infilato il cazzo in bocca perché le dice “succhia, vacca”. Ma la mia attenzione è distratta dalla scritta che il giovane ha proprio sopra il cazzo. La scritta è “Luna Park”, con una freccia che punta verso il basso. Guardo il suo arnese e mi viene da ridere. Lo so, sono una cretina, soprattutto in questi momenti. Ma confronto il suo cazzo con quello di Sven e penso che se quello è un Luna Park allora io ieri sono stata a Eurodisney. Lui equivoca e mi chiede “ti piace, eh?”. Io devo fare uno sforzo per non ridere e inizio a leccarlo. Anche lui sa di buono e di pulito. Come quello di Ermanno, come quello di Pino. Da questo punto di vista non posso proprio lamentarmi.

– Sì, mi piace – gli dico segandolo un pochino – ma tu come cazzo ti chiami?

– Succhiamelo che poi te lo dico – risponde con un’aria un po’ spavalda.

– Sei un parà? – gli domando. Non so proprio cosa cazzo me ne possa fregare in questo momento, ma glielo chiedo lo stesso.

– Sì – sussurra mentre me lo infilo tutto in bocca. E’ facile, non è grande. Io lo succhio meglio che posso, davvero. Ma più di quattordici centimetri, anche lui, non riesce a tirare fuori.

“Comunque io mi chiamo Sergio, tu?”, mi fa mentre comincia a scartare un preservativo. Gli rispondo che mi chiamo Annalisa e subito dopo gli dico “aspetta, voglio mettertelo io”. E poiché ho imparato a farlo con la bocca, è così che lo faccio. Quasi ridendo, commenta che a vedermi non se lo sarebbe mai aspettato, che ha una sorella che ha quindici anni e che sembra più grande di me. A me questi paragoni danno sempre un po’ fastidio, mi hanno sempre dato fastidio. In questo caso anche di più. La sorella di quindici anni, cazzo. Gli do una leccata alle palle e gli domando “ma perché, questo te lo faresti fare da tua sorella?”. Glielo dico perché voglio che almeno un po’ si vergogni, ma dal suo ghigno mi sa che non gliene frega proprio un cazzo. Missione fallita. Mi scosta e va a prendere il posto di Ermanno dietro Giovanna. Ora la vedo. E’ sempre in ginocchio a quattro zampe che spompina il flaccido mentre Sergio se la scopa. Piano, anche lui. E’ un’immagine che dura poco, perché Ermanno mi si piazza davanti offrendomi il cazzo e quasi ringhiando “succhia, troietta, senti di che sa la fregna della tua amica”. Proprio mentre penso che il sapore è un po’ acido, il suono dirompente di uno sganassone, probabilmente sul culo di Giovanna, il mugolio di lei. Poi un altro e un altro ancora, più forti. Anche i mugolii si fanno più acuti.

Per un po’ ho una sensazione strana. E’ tutto troppo meccanico, artificiale, finto. Anche l’insulto che rivolgono ossessivamente a Giovanna mi suona falso. Ok, l’abbiamo capito, il suo ruolo è quello della vacca, c’è bisogno di ripeterlo sempre? Non avete un po’ più di fantasia? E poi si danno il cambio come se ci fossero dei turni prestabiliti. Chi non sta dentro Giovanna sta dentro la mia bocca. Succhio i cazzi di Pino e di Sergio con i preservativi indosso e non mi piace proprio. Quello di Ermanno è un po’ meglio, ma nemmeno tanto. Mi sembra di stare in una catena di montaggio e comincio a chiedermi se è proprio obbligatorio che io resti qui. Posso scegliere, no? E ho almeno tre possibilità.

1) Alzarmi e andarmene dicendo che ok, mi sono sbagliata, state bene e buon divertimento, è stato bello succhiare i vostri cazzi e vedere la faccia di Giovanna che aspetta a quattrozampe la sua monta, ma dopo un po’ ci si stanca.

2) Ribellarmi e dire basta con queste menate, ma cos’è? Avete timbrato un cartellino? Che cazzo di uomini siete? Sbatteteci come le troie che vogliamo essere stasera per il vostro piacere e per il nostro. Senza tutta questa pantomima del cazzo, gli insulti programmati, portati da casa. Denudateci, desiderateci, prendeteci. Usateci come gli animali che siete e che, in fondo, anche noi due siamo.

3) Restare, perché in fondo tutto questo un po’ mi attira. Non che voi tre mi attiriate particolarmente, questo no. Ermanno che dice in quel modo a Giovanna di mettersi a pecora un brivido me l’ha dato, è vero. E anche quando mi ha detto di inginocchiarmi davanti a lui. Anzi, mi sono eccitata di più eseguire il suo comando che a prenderglielo in bocca, se proprio devo essere onesta. E sì, è vero, un po’ mi sono accesa dentro quando ho intercettato lo sguardo della mia amica mentre spompinavo il suo amante. Non so, devo avere qualcosa di pervertito nel cervello, che appena le difese si abbassano esce allo scoperto e mi travolge, mi fa desiderare di essere una femmina da branco. Non del vostro branco, magari. Non ora però, non qui.

Poi, improvvisamente, tutto cambia. Avviene quando il parà lascia il posto a Ermanno nella fica di Giovanna ma anziché tornare da me va ad aprire il suo zainetto e ne tira fuori due bottiglie. Mi domanda “vuoi bere? Vodka o tequila?”. Non so, magari era programmato anche questo, anche se mi sembrerebbe eccessivo, ma è come un segnale. Mi porto alla bocca la Tierra Noble proprio mentre Ermanno cambia un po’ posizione e sodomizza di colpo Giovanna. Ascolto i grugniti che lei emette sforzandosi di non gridare, guardo la sua espressione che si indurisce, i denti serrati come se mordesse un bite e attraverso i quali inspira l’aria, lo sguardo che si vuota, il corpo che si irrigidisce. Per contrasto, ho l’immediata percezione di me stessa, ancora perfettamente vestita e inginocchiata sulla moquette di una lussuosa stanza d’albergo con una bottiglia di vodka in mano, che osserva una sua amica che viene inculata senza ritegno mentre altri due maschi si segano davanti ai suoi occhi senza espressione. C’è qualcosa di orribile e spettacolare, in questa immagine, ma non riesco a reggerla per molto tempo. Mi attacco alla bottiglia e do un sorso troppo lungo. L’alcol mi esplode nello stomaco proprio mentre Pino esplode in faccia a Giovanna. Poco dopo è il turno del parà. Lo sperma le sporca i capelli, le cola sul volto. La voce affannata di Ermanno mi ordina “valla a leccare, zoccoletta”. E io poso la bottiglia e ci vado. Non so perché mi venga da farlo camminando sulle ginocchia, ma ci vado. Le afferro la faccia tra le mani, la guardo. Lei ha gli occhi chiusi per le botte di cazzo del suo amante, quando li riapre e mi guarda mi sembra rassegnata. Le dico “non preoccuparti di nulla, Gio” e inizio a leccarle via lo sperma dal viso. Lei richiude gli occhi. Ermanno mi dice “baciala, falle sentire la sborra”. Giovanna si irrigidisce, non fa nulla per accogliere la mia lingua che le scivola tra le labbra. Poi però fa un verso strano e apre la bocca, la mia lingua deposita il seme raccolto sulla sua. E’ un istante sospeso, i grugniti di Ermanno che si scarica dentro di lei mi sembrano lontanissimi.

Ma poi la voce dell’uomo mi richiama: “Vieni a leccare anche qui, zoccoletta”. Eseguo, stavolta gattonando accanto al corpo di Giovanna. Vedo il cazzo gocciolante di Ermanno e d’istinto, il mio istinto, vorrei pulirlo. Mi blocco pensando a dove è stato. Osservo i buchi osceni di Giovanna e mi accorgo però che lui deve essersi svuotato nella vagina. Mi avvicino, annuso, ora sì che sono eccitata. Non so bene cosa sia successo, ma lo sono. Un’altra voce però mi ferma. “Aspetta, ti faccio provare questa”. E’ Sergio, che ha preso  la tequila e la versa nel solco delle natiche di Giovanna. Lei ulula, forse è il freddo o forse è l’alcol sulle mucose arrossate. Mi avvicino e lecco, lecco sperma e tequila dalla sua fica, dal suo culo aperto, tenendole spalancate le chiappe. La sento piangere debolmente e dire “no, Annalisa no…”. Vorrei fermarmi, ma la mano di Ermanno mi spinge la testa e la sua voce mi ingiunge di leccarla, e di infilarci la lingua dentro. “In tutti e due i buchi, troia”. Giovanna crolla con la testa e con le spalle sulla moquette, offrendosi ancora meglio. Singhiozza un’altra volta un “no!”. Quando le infilo la lingua nel culo penso che sono matta, perché mi rendo conto che vorrei essere al posto suo.

Mi volto un attimo verso Ermanno e, con una voce che non mi riconosco, gli dico “ti supplico, spogliami e masturbami”.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 3 6 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti feetracconti moglie ninfomanestorie erotivhesesso racconti eroticiracconti hard incestoerotici racontiracconti erotici ewritersracconti annunci 69racconti hard gratisracconti erotici schiavaho sverginato mia figliamature racconti eroticiletture hardracconti erotici freestorie di scambio di coppieguardami cornutoracconti eroticiiracconti gay cinemaracconti di sesso con la nonnaracconti incesto nonnaracconti picantiracconti camionistisesso racconti eroticistorie di sesso analeinculato da mia moglieorgia di piediracontieroticicornuto raccontiracconti hard incestracconti erotici casalingaracc erotsissy maid raccontiracconti donne matureracconti pornograficiiraccontieroticiracconti porno con immaginieracconti eroticischiava cagnai raconti di milumia cognata e una troiaracconti nuoraracconti erotici generoracconti erticiracconto erotico prima voltastorie vere hotstorie69racconti porno stuproracconti erotici con caneerotici raccpntierotici racconti.itraconti eroticeracconti erotuciraccoonti eroticii generi di racconti inceatoannunci69 storieracconti sesso gratispompino ad un cavallomamma guardonaracconti erotici di donne anzianedominazione femminile raccontiraccnti pornostorie porno di tradimentiraconti pornoraccnti eroticistorie erotic ewww.eroticiraccontiesibizionismo eroticoi racconti di minuprimo pompino raccontogay raccontiracconti hot gratisracconti porno verierotoci raccontiracconti erotivdonna scopata dal cavalloracconti sissy maidstorielle pornoracconti gay illustratiracconti erotici di incestoracconti sodomiamogli infedeli raccontivecchie incestuoseracconti icestoracontieroticiio mia moglie e un transano allargato