Una mamma sorprendente 3

Scritto da , il 2018-02-18, genere incesti

La mattina seguente mi svegliai, mamma dormiva Ancora, così decisi di andare a bere un caffè e a comprare le sigarette,mi alzai, andai in bagno a darmi una sciacquata , c'era in terra ancora il suo costume,pieno di picole chiazze bianche del nostro piacere sorrisi tra me a me.

Senza far rumore mi allontanai dalla nostra stanza.

Scesi giu, c'era un sole bellissimo ero quasi gasato da tutto ciò che stavo vivendo e per quello che avrei ancora voluto godermi.

Dopo aver bevuto il caffè al bar e fumato una sigaretta, mi incamminai verso la nostra stanza per vedere se mamma si era svegliata.

Entrai piano per evitare di svegliarla se ancora non lo era ma mamma era gia in piedi e anche parecchio agitata..

" luca cazzo è successo un casino"

" che c è mamma?"

" papà si è fatto male ad una spalla e sta cercando un volo per tornare"

" e allora?"

" ma come allora luca? Ma sei scemo? Dobbiamo tornare immediatamente , dobbiamo cercare un volo e tornare prima di lui, se no che cazzo gli diciamo?"

" oh mamma, possiamo dire che abbiamo trovato un offerta e siamo partiti"

" no ma tu a volte forse non ragioni, ma che cazzo dici"

La discussione si animo' in pochi secondi mamma  era decisamente in panico , e io di certo non volevo sentire ragione di tornare..

" cazzo ma che palle possibile che ce né sempre una, e ogni volta sembra una tragedia e che cazzo!!!"

Me ne andai sbattendo la porta, ero fuori di me, non volevo sentire ragione non potevo credere che davvero dovevamo andare via, fino a qualche secondo prima era tutto perfetto e poi una catastrofe..

Passai quasi tutto il giorno per i fatti miei, rientrai in camera che era quasi ora di cena, non salutai nemmeno mamma, ma lei aveva decisamente altri pensieri e si vedeva  e questo mi faceva arrabbiare di piu' ancora di quello che ero gia.

La sera cenammo al ristorante che c'era nel residence , non ci scambiammo nemmeno una parola, lei aveva quasi le lacrime agli occhi, e a me iniziava a dispiacere parecchio, per la situazione , per la reazione che avevo avuto , per come stava lei.

Andai a dormire, non e che mi era passata, ma di certo la rabbia furiosa mi era passata , mamma invece se ne stava sul balcone , mi addormentai e non mi accorsi nemmeno di quando lei venne a letto.

Quando mi svegliai mamma non c'era potevo immaginare che era andata a vedere per quando potevamo tornare, sbuffai nervosamente.

Ero sdraiato sul letto, guardavo il soffitto con le braccia larghe, cercavo di vedere il punto di vista di mamma, aveva ragione in fondo, ed anche la sua reazionie era comprensibile , ma lo era anche la mia, insomma non era colpa di nessuno ma a me giravano le palle.

Sentii la porta aprirsi, era mamma che mi guardò con il viso ancora un po triste ma un poco piu rilassato..

" luca ho parlato con papà, tutto ciò che è riuscito a fare per fortuna e di ritornare dopo domani in serata, noi purtroppo domani pomeriggio tardi abbiamo l' aereo per ritornare"

" va bene mamma"

" luca sei ancora arrabbiato?"

" no mamma anzi scusa, ho reagito male, volevo godermi questi giorni e invece una sfiga assurda"

" lo so luca non sai quanto mi spiace, ma non voglio litigare con te"

" mamma non é colpa tua però davvero non è possibile non voglio crederci"

" tesoro andiamo a fare colazione e poi andiamo in spiaggia? Abbiamo tutto oggi, e qualche ora domani vogliamo goderceli?"

" boh mi sembra che a te non dipiace neanche più di tanto"

" ma luca certo che mi spiace davvero.. cosa posso fare per fartelo capire?"

" dai niente mamma non é colpa tua ma non  ho più voglia di parlare, andiamo a fare colazione e basta"

Mi tirai su , ma il mio morale era a terra, mamma faceva di tutto per rallegrarmi, ma io non ne volevo sapere, come se fossi un bambino capriccioso.

Andammo al bar, stavamo facendo colazione, io non tirai fuori una parola, mamma di conseguenza fece lo stesso , si vedeva chiaramente che era dispiaciuta ma  non riuscivo davvero a far finta di nulla.

Mentre eravamo al tavolino del bar arrivò stefano, il ragazzo che avevamo conosciuto in spiaggia , il tizio che si occupava degli eventi della zona..

" ciao ragazzi tutto bene? Ieri sera che avete fatto di bello?"

Il mio linguaggio del corpo era piu chiaro di ogni parola, feci quasi fatica a salutarlo, mentre mamma gli rispose..

" ciao ste, no ieri sera nulla di che.."

" hi capito , ma stasera ci sono un sacco di cose da scegliere, dopo se siete in spiaggia passo da voi e vi do il programma , ora devo scappare.."

" certo siamo li ti aspettiamo.."

Appena si allontanò un po' mamma mi disse..

" certo che puoi essere anche un po' più simpatico"

La guardai con segno di disapprovazione, lei sbuffo e si alzò per andare a pagare.

Ci recammo in spiaggia, mi misi sul mio lettino, mamma sistemo' la borsa vicino all' ombrellone, si mise un po' di crema..

" luca mi sono abbronzata un pochino o niente?"

Cercava chiaramente di attirare la mia attenzione..

" speriamo di no , se no cosa gli dici a papà?"

Mi rigirai subito, la mia risposta fu decisamente provocatoria, mamma mi guardò perplessa , non mi rispose nemmeno e si sdraio' per prendere il sole.

Passò circa mezz'ora, e si avvicinò di nuovo stefano..

" ragazzi posso offrirvi un caffè, cosi vi spiego per la serata?"

Io d' istinto gli dissi...

" no grazie sono apposto"

Ero stato Ancora un po freddo, a mamma quasi le diede fastsdio..

" io grazie lo bevo volentieri.."

Si alzò dal lettino..

" prendo i soldi.."

Stefano fece in tempo a dire..

Ma.no figurati lascia stare.."

Che mamma si piegò per cercare moneta nella borsa con un movimento da chi voleva farsi notare, Si piego'lentamente, con le gambe dritte, il culo rovolto verso  Stefano che era a circa un metro da  lei, anche lui di certo non se lo aspetto' , feci finta di nulla, guardavo sotto i miei occhiali da sole, la faccia di lui, e lei piegata, per farsi guardare il culo, solo che quella volta non ero io ad averla spinta in qualcosa, ma era stata lei di sua spontanea volontà..

" ma no caro ho la moneta figurati..."

Mamma prese i soldi, si girò gli sorrise..

" eccomi.. andiamo.."

Si allontanarano verso il bar, feci l' indifferente, ma in realtà non lo ero affatto, ero convinto che mamma lo aveva fatto apposta per provocarmi, ma non volevo dargliela vinta, li vedevo in lontananza seduti su due sgabelli al bancone del bar che parlavano ,starono li circa dieci minuti, poi appena vidi che erano di ritorno mi misi di nuovo sul lettino facendo finta di nulla..

" luca .. luca..." 

Mi chiamò mamma..

"Stefano ci ha chiesto se vogliamo fare un giro con lui su una barchetta.."

Stefano subito si intromise..

" e una barca di quelle che si guida senza patente nulla di che luca, se avete voglia facciamo un giro ,li affittano li.., ma naturalmente non ci farebbero pagare a noi.. ripeto niente di che ma in là il mare è bello solo un po più freddo.."

Non è che non avevo voglia , ma e come se non volessi darla vinta a mamma,anzi volevo farle quasi un torto, il fatto che lei era tranquilla dopo tutto non mi andava giù, ma non volevo nemmeno essere maleducato con Stefano che in realtà era molto gentile.

" Stefano ti ringrazio ma ho un po di mal di testa, preferisco stare qui.."

Sentivo gia quasi la mia vittoria e invece ..

" va bene luca noi un oretta e torniamo.."

La risposta di mamma fu una fucilata, questa davvero non me l' aspettavo, pensavo che se non fossi andato io non andava nemmeno lei, che per di più non era nemmeno capace di nuotare , avrei voluto dirgli che ci avevo ripensato, ma sarebbe stato troppo strano mi passarono mille cose in testa , quasi non mi accorgevo nemmeno che mamma disse..

" ste, posso prendere il telefono che magari faccio qualche foto?"

" ma certo puoi portare anche la borsa se vuoi"

Dovevo assaporare la mia piccola vittoria, invece neanche il tempo di renderne conto vedevo mamma allontanarsi vicino alle barche, rimasi a bocca aperta, mi sentivo un demente.

Era la prima volta che mi sentivo piu geloso che eccitato,passavano i minuti che loro si erano allontanati e capivo che non avere la situazione sotto controllo mi ingelosiva,non era tanto se lei avesse fatto qualcosa con lui, ma era il fatto che io non ero lì, che io ne ero fuori, questo era che mi ingelosiva incredibilmente, dopo circa una mezz'mezz'ora mi arrivo' un messaggio da mamma che mise il coltello nella piaga..

" peccato che non sei venuto..."

Um messaggio che poteva dire qualsiasi cosa, poteva essere un messaggio anche normale, ma la mia agitazione mi portava a fare infiniti film mentali, e peggioro' quando dopo un ora non li vidi arrivare, nonriuscivo a gestire la situazione e questo mi innervosiva.

Passò circa un ora mezza, poi vidi mamma che si avvicinava da sola verso il nostro ombrellone, feci finta di nulla e mi sdraiai sul lettino mamma mi passò a fianco , avevo un sorriso malizioso, ma non mi disse nulla , ma il fatto che fosse tornata almeno un po' mi tranquillizzo.

Avrei voluto farle delle domande per sapere come era andata ma non riuscivo ad attaccare il discorso, anche lei si sdraio sul lettino per prendere il sole , era tranquilla , rilassata al contrario di me che ancora non lo ero del tutto.

Cosi ad un certo punto le dissi.

" mamma vado a fare un bagno vieni anche tu?"

Mi guardò e mi disse..

" no luca ho mal di testa preferisco stare qui"

Avevo capito bene che la sua risposta fu per ripicca, il gioco si era rovesciato , da essere arrabbiato per tutta la situazione ed avere le mie ragioni , ad essere io a dover chiedere scusa , ma ero orgoglioso ..

" fai come vuoi io vado.."

Mi feci una nuotata, poi rimasi un po nell' acqua ero abbastanza vicino alla riva, la guardavo, sdraiata sul lettino, mi piaceva, guardavo il suo corpo, il suo modo di metterlo in mostra, di metterlo in risalto, mamma mi aveva completamente preso,a livello fisico, a livello mentale mi bastava guardarla un attimo che mi arrappava, un attimo mi bastava per eccitarmi e dimenticarmi di tutto..

Mi avvicinai a lei..

" come è andato il giro in barca.."

" se ti interessava potevi venire.."

Era fredda, ma si vedeva che non lo faceva perché era davvero arrabbiata, anzi voleva fare arrabbiare me piu che altro, ma io non mi facevo cascavo nella sua provocazione..

" ti sei divertita mamma?"

" non te lo dico.. "

" dai mamma... E' stato gentile Stefano"

" si molto gentile.."

Ci scambiammo uno sguardo, poi per farmi l' ennesimo sgarbo..

" vado a farmi un bagno che ho caldo.."

Non le dissi nulla , mi misi a ridere a tornai sul lettino, ma finalmente mi sorrise anche lei, mentre camminava  verso il mare le guardavo il culo, e come se lei se ne accorse si girò e mi fece la linguaccia...

Nel pomerggio , mentre eravamo entrambi sdraiati a prendere il sole mamma mi disse..

" luca ci facciamo due passi sulla spiaggia.."

Io sorrisi, non aspettavo altro, e subito mi alzai, andai verso , mi abbassai e le diedi un bacio sulle labbra..

" certo mamma ..ma me lo fai un favore?"

" dimmi luca"

" anzi più che un favore un regalo...te lo togli questo costume e lasci libere queste tettone..."

La sua risposta accese in me un fuoco, con un tono malizioso,addirittura basso, ormai lo conoscevo bene quel tono e lei lo sapeva, e sapeva cosa mi provocava...

" uff ma ché è oggi tutti che mi chiedono di togliermi il costume..."

Rimasi con occhi e bocca spalancati, ci misi qualche attimo prima di rispondere..

" dio mamma te lo sei tolto con Stefano?mi stai dicendo che eravate in barca e sei rimasta con le tette di fuori.."

" amore se lo volevi sapere dovevi venire..."

" no mamma non fare cosi perché lo sai che impazzisco..." 

Ero sempre abbassato verso di lei , poi mi sedetti sul suo lettino mentre lei rimase sdraita..

" mamma mi puoi rispondere?"

" prima ci facciamo un giro poi vediamo se ti rispondo...almeno magari calmi i bollenti spiriti.."

Si alzò dal lettino, io rimasi un ottimo ancora seduto..

" dai mamma toglilo..."

Ma mamma era una continua provocazione, voleva farmela pagare e sapeva benissimo come fare, comandava lei il gioco..., si abbassò verso di me , si piegò sempre con il suo fare da porca, mi diede un bacio sulle labbra..

" e ma luca , io volevo guardare anche le bancarelle sulla spiaggia..."

" e allora mamma?"

" dici di impazzire se sono rimasta senza costume sulla barca con Stefano, e se tua mamma guarda le bancarelle di quei ragazzi di colore con le tette di fuori che faresti..?io penso che farebbero di tutto dopo per vedermi qualcosa, e non vorrei che dopo trovassero anche il modo per farmi lo sconto..."

Sorrise , mi diede un altro bacio sulle labbra , io ascoltavo incredulo senza dire nulla ..e lei Continuò..

" quindi forse è meglio di no luca .. andiamo"

Camminavamo sulla spiaggia, di tanto in tanto guardavano qualche bancarella per pura curiosità, era pazzesco come mamma riuscisse ad entrare ed uscire da quel gioco, quando voleva provocarmi sapeva benissimo come fare, e sapeva benissimo la mia reazione, quello che era un gioco che pensavo che ero io di governare , stavo capendo che in realtà chi guidava era lei, ogni tanto mi dava la mano , anche questo per me era terribilmente eccitante..

Stavamo rientrando in camera, ero perso nei miei pensieri , non vedevo l' ora di rifare a mamma la domanda che le avevo già fatto, il tempo di rietrare..

" allora mamma... "

" che c è luca?"

" sono curioso..."

" un po troppo mi sembra"

" dai dimmi mamma... ti prego.."

Ero seduto su una piccola poltrona, mamma dopo essersi avvicinata..

" vuoi saperlo amore?"

" non desidero altro.."

Mamma si si allontanò qualche passo..

" se mi porti fuori a cena te lo dico.."

" quello che vuoi mamma"

" allora vai a prepararti..."

" ma mamma..."

Si avvicinò di nuovo..

" al momento giusto... promesso.."

" crudele..."

Mi alzai per andare a prepararmi, appena entrato in bagno mi spogliai, mi guardai allo specchio,feci scivolare la mia mano sul mio cazzo eccitato, mi sentivo caldo, mi chiedevo se c'era un limite alla mia eccitazione, non riuscivo a controllarmi..

" mmmm mamma... sono convinto che ti sarebbe piaciuto farti vedere senza costume in spiaggia...mmmmm ohhh siii "

Entrai in doccia, mi lavai e mi preparai velocemente, non vedevo l'ora di uscire.

Poi entro'mamma e quando uscii fu quslcosa di pazzesco..

"Come sto luca?"

Una camicia viola lucida,con i primi bottoni aperti, era gia più che visibile lo spacco delle sue tettone,già quando camminava verso di me erano fantastiche come ballavano dentro quella camicetta, ma il sotto fu qualcosa che andò oltre, una mini gonna nera, svolazzante, ma era davvero al limite del culo, con delle scarpe con il tacco che la slanciavano, che esaltavano le sue cosce e il suo culo tondo..

" allora luca...ti piace come regalo?"

Allargai le braccia compiaciuto..

"Mamma... sembri uscita da un film porno.."

" oh luca..lo sai che quando ho comprato questa gonnelina ..."

" cosa mamma.."

"Eh sai .. mi sono fatta consigliare.."

" mamma giuro che se inizi cosi non ci arriviamo a cena..chi ti ha consigliato.."

"Luca... mi sono fatta consigliare dal commesso del negozio.."

"Mmmmmmm mamma...cazzo.."

" amore non avevo queste scarpe ma quando gli ho chiesto come mi stava ho visto il suo viso che parlava chiaro.."

" mamma fidati che ti credo..vieni qui.."

La tirai verso di me, seduti sul letto, lei a cavalcioni su di me, le mie mani finirono subito prima sulle sue cosce, poi sul suo culo... ci guardavamo..

" allora mamma... e tutto il giorno che ci penso, te lo sei tolto il costume con ste?"

Eravamo tutti e due eccitati..

" secondo te luca"

Sorrise..

" secondo me si..mmmmm"

Sorrise Ancora...

" mi spiace deluderti tesoro.."

" mi racconti che è successo allora..mmmmm ohhh mamma..."

" andiamo a cena luca.."

Si alzò e si ricompose...

" mamma.."

" dai luca andiamo.."

Mi alzai, la guardai e gli sbottonoai un altro bottone della camica..

" luca un altro bottone e ho le tette di fuori.."

Già cosi si vedeva il suo reggiseno di pizzo nero, era un contrasto perfetto con la sua camicia viola..

" così sei perfetta.."

" aspetta luca.."

Apri un casetto, tirò fuori una costudia, dove c'erano dentro un paio di occhiali da vista , li mise, fu un tocco in più non da poco..

' e così luca?"

" mamma è meglio che non te li dico..."

" scemo ...andiamo va"

Da quando uscimmo dalla nostra stanza non ci fu un momento dovevo non ero adrenalinico ed eccitato,camminavano tra i lunghi viali del paese, a tratti mano nella mano, ed era impossibile nn dare nell'occhio, uno pur se mamma non dimostrava la sua età la differenza con me comunque si notava,due per come era vestita, diciamola tutta mamma aveva esagerato, il fatto che quella era  l' ultima sera e che eravamo lontani e che non eravamo riusciti a goderci tutte le vacanze aveva contribuito ad andare addirittura oltre, gli sguardi dei passanti, compagnie di giovani che ci squadravano, faccie di disapprovazione di altre donne, ma sopratutto molti uomini che se la scopavano con gli occhi mi facevano eccitare, e mi facevano eccitare anche quelli che potevano essere i commenti, mamma quella sera era donna più che mai irresistibile, piena di lussuria, più volgare che elegante, ma straordinariamente eccitante..

Al ristorante le cose furono assolutamente uguali, i camerieri , gli altri clienti, sembrava ci fosse una calamita su di noi..

" forse luca ho esagerato un po'.."

" mamma domani torniamo a casa, già con parecchi rimpianti, non ne voglio altri..sei favolosa.."

" beh certo luca di certo cosi non potrò mai più vestirmi..a meno che qualche volta saremo a casa da soli.."

Ci scambiammo uno sorriso..

Poi per scherzare mi disse..

" oppure magari se devo andare dal commercialista..."

" mmmm magari mamma...".

" allora luca dopo dove andiamo..?"

" non lo so mamma, ma io sto aspettando che mi dici qualcosa.."

" luca va che non è successo nulla di che non pensare.."

" andiamo a pagare mamma vieni..."

Ci alzammo per andare a pagare, presi mamma per mano avevo una camminata un po' accelerata..

" luca tesoro non correre non riesco con i tacchi..ma dove andiamo?"

" vieni non ti preoccupare.."

Andammo in spiaggia ma mamma appena arrivati mi disse..

" Luca ma che vuoi fare?"

" nulla mamma, sedermi su una sdraio con te e parlare un po'.."

" luca ma qui?"

" mamma giuro voglio solo parlare dai togliti le scarpe e vieni.."

Mamma per nulla tranquilla..

" luca scusa ma non mi piace molto"

" mamma volevo solo stare un po' tranquillo con te.."

" luca.. io sono più tranquilla dove c' e gente, come dici tu tesoro domani non li rivedremo mai più..quindi se ti devo dare un bacio te lo do non preoccuparti.."

" mamma ma se poi mi viene voglia di mettere una mano sulle cosce?"

" luca..."

" mamma se poi mi vien voglia di sbottonarti un altro bottone della camicia?"

Mi avvicinai, le diedi un bacio..

" luca..."

" mamma e se poi mi vien voglia di metterti una mano qui...?"

Le misi una mano sulla figa, la gonna era talmente corta che non facevo fatica, mamma si morse subito le labbra..

" mmmm tesoro ma non dovevi solo parlarmi.."

" dai mamma vieni stai tranquilla, togli le scarpe.."

Si piegò per toglierle, la spiaggia era immensa , piena di ombrelloni e lettini chiusi, andammo proprio in mezzo.

" vieni qua mamma siedeti.."

Mamma si guardò in giro, si tranquillizzo subito c'era molta calma e tutto era  tranquillo..

Mi accesi una sigaretta, eravamo seduti tutti e due sullo stesso lettino ci guardammo poi mi avvicinai al suo collo,lo baciavo, lo leccavo fino all' orecchio, poi la mia mano finì di nuovo in mezzo alle sue gambe, mamma tirò indetro la testa...

" mmmmmm luca...e tu parli cosi?"

Giocavo con la sua figa, un dito , poi due, lentamente..

" che bella figa bagnata che hai mamma..., "

"Mmmmm luca...sai che ho dovuto dire stefano che siamo amanti..."

" si mamma continua..."

" ohhh si amore ma ti prego tu non smettere con quella mano...mmmmm"

" no mamma non mi fermo ..."

" eh luca, mi ha visto la fede, mi ha detto che non pensava che fossimo sposati, io d'istinto gli ho detto che sono sposata e che tu sei il mio amante...ohh ohhh ohhhh ohhh"

" ummmm mamma... e cosa avrà pensato?"

" mmmmmmm luca amore quella mano ...cosa vuoi che abbia pensato, lo conoscevo da un giorno e gli ho detto di essere al mare con il mio amante più giovane di me di vent'anni.."

Mentre parlavamo ci baciavamo ed il nostro dialogo si spinse ancora..

" lo voglio sapere da te mamma.."

" luca..mmmmm ohhh ohhh, avrà pensato che sono troia..."

" ohhh si mamma..."

"Mmmm e che magari un cazzo non mi basta più"

" mmmmm ohhh si...e non  ci ha provato?"

" eravamo sul bordo della barchetta si é buttato x fare il bagno, mi ha detto di buttarmi anche a me, ma gli ho detto che non ero capace di nuotare, mi schizzava con l'acqua poi mi ha preso le gambe, mi ha tirato giù, avevo una paura incredibile, ma mi diceva di stare aggrappato a lui...avevo le gambe e le braccia intorno a lui..."

Mi immaginanvo la scena...ero talmente eccitato che non riuscivo più a muovere la mia mano dentro le sue mutandine, mamma se ne accorse, mi fece sdraiare sul lettino, lei si mise a pecorina davanti a me, mi tirò giu i pantaloni, poi i boxer..vedere il suo viso eccitato, la camicia sbottonaata, le tette praticamente di fuori, coperte sono dal reggiseno...

" mmmmmmm brava mamma...segami..."

" luca ... quando ero abbracciata a lui Stefano mi teneva le mani sul culo..."

" ohhhhhhhhhhhhhhhh....."

" si luca, ti piace?ti piace se tuamamma si fa toccare il culo abbracciarta ad un uomo?"sai poi avevo il suo viso attaccato alle mie tette.."

" ohhhhhhhhhhhh mmmmmm"

"Se c'eri tu magari potevamo fare il bagno in tre.."

" mmmmmm ti sarebbe piaciuto vero...ti ha baciato mamma?...mmmm "

" no luca.."

" ti sarebbe piaciuto...mamma?"

" penso che non mi sarei spostata.. Anche perché luca sentivo il suo cazzo eccitato..."

" mmmmmmm oddio mamma dai prendilo in bocca non resisto più.."

Mamma si abbassò, mi riempiva il cazzo di baci, fece scendere la sua saliva sulla mia cappella...

" mamma ti sarebbe piaciuto farlo a Stefano?"

" a poi luca quando mi ha aiutato a tirarmi su della barca ere dietro di me...mi ha messo le mani sul culo per tirarmi su.."

" mmm devo dire molto gentile... potevi farglielo un pompino.."

" luca mica posso fare un pompino a tutti quelli che sono Gentili con me...o no?"

" mamma ti prego rientriamo..."

"Si amore andiamo in stanza dai...prendiamo un taxi che facciamo prima"

"Va bene mamma...ma la camicia lasciala cosi...mmmmm"

" luca se vuoi mi metto davanti... almeno magari il tassista mi puo guardare.. "

"Mmmm si mamma poi.."

" oddio luca...poi magari mi faccio toccare..."

" mamma ...voglio vederti fare la troia con un altro ...chiama stefano ti prego.."

"Ma luca che gli dico dai.."

" non lo so mamma...inventati qualcosa ma chiamalo..dai"..

"  luca dai chissà dov'è"

" mamma scrivigli che stiamo tornando e che i pullman sono pieni e non troviamo la stazione dei taxi.."

" dio luca .... pensavo che avessimo raggiunto il massimo.. mi stai davvero chiedendo di dividermi con un altro uomo.."

" mamma scrivigli ... tanto è solo un gioco..."

" che gli scrivo..."

" dammi a me mamma.."

Gli scrissi io messaggio, non passò un minuto che stefano rispose..

" luca sta tornando anche lui..amore solo una cosa, se non mi sento a mio agio te lo faccio capire e mi porti via..anche se capiamo che e lui a non trovarsi a suo agio.."

" tranquilla davvero... ci penso io, se viene viene se no fa nulla.. solo un gioco"

Ci eravamo fatti trovare dove ci aveva indicato, arrivati al residence , Stefano parcheggio', quando uscimmo dalla macchina vidi i loro sguardi, ma soprattutto notai come stefano rimase sbalordito dall' abbigliamento di mamma..

" grazie ste, sei stato gentile, ti fermi a bere una birra "

" ma va luca figurati di cosa mi ringrazi, mi fermerei volentieri ma temo che dobbiamo fare domani ora sono chiusi.."

" ti puoi fermare da noi ci mettiamo sul terrazzino"

" va bene dai....una birretta poi vi lascio dormire.."

Salimmo da noi ci accomodammo sulle nostre poltrone, all' inizio vedevo mamma un po ferma, non completamente sciolta, ma poi iniziammo a parlare e la serata era piacevole, ma nel bel mezzo di un discorso gli dissi...

" mi ha detto che è stato bello in barca.."

La sua reazione era chiara nel suo volto era impacciato anche nella risposta..

" ma si un giretto nulla di che.."

" però mi ha detto che sei stato sempre gentile..."

L' atmosfera cambio velocemente, Stefano stava capendo che c'era qualcosa..

" però ste mi ha detto che ad un certo punto mi ha detto che ci è rimasta male..."

Non capì cosa stavo dicendo..

" e perché?"

" perché ad un certo punto mi ha detto che si aspettava un bacio ma tu non glielo hai dato...."

Ci fu silenzio per qualche secondo..

" pensavo non volesse..."

" però mi ha detto che gli hai messo le mani sul culo.."

Il nostro intento era chiaro Anche per lui adesso..

" luca se vuole posso rimandare..."

" chiedi a lei ste.."

Si alzò , ando da lei... le diede la mano..

" posso rimediare bellissima signora?"

Mamma si alzò, erano in piedi davanti a me, prima lei guardò me poi lui..

" certo tesoro..."

Il fatto che mamma lo chiamava cosi mi eccitava , infuocava un momento gia' bollente, poi iniziarono a baciarsi, aspettai solo qualche secondo poi mi alzai anch'io , mi misi dietro mamma avevo le mani che paspavano le sue cosce, lei poi si girò verso di me, e iniziò a baciare pure me..

" allora ste dici che è piu bella in costume e vestita cosi...?"

Lui fece un passo indietro per guardarla bene...

" è sempre fantastica luca.."

Mamma rise...

" e così ste?"

Avevo la gonna di mamma alzata verso di lui che era incredulo..mamma mi guardò piena di voglia..

" amore..."

Stefano si avvicinò al culo di mamma, inizio'a pasparlo..

" sai luca ci sono rimasto un po male anch'io oggi.."

Rispose mamma..

"Perche stefano..?"

" pensavo che dopo il giretto in barca...mmmm ohhh...un pompino me lo avresti fatto..."

Mamma si girò ancora verso di me mentre eravamo tutti e tre in contatto, iniziavano a toccarla, dal collo, alle tette, al culo..

" mmmmm luca... mi sta chiedendo un pompino...oohhh che faccio  mi abbasso e vediamo se sono brava?"

" mmmmmm oh si dai..."

Mamma prese Stefano , lo fece sedere al bordo del letto, si mise tra le sue gambe..

" adesso mi faccio perdonare ste..."

Gli tolse i pantaloni, poi si alzò'gli sbottono' la camicia, gliela  tolse, si mise a cavalcioni sopra di lui, io dietro qualche metro che guardavo la scena..

Iniziarono a baciarsi, le mani di lui che cercavano di toccarla e spogliarla , prima la camicia poi la gonna..mamma era solo in intimo, nero, di pizzo..e poi tornò tra le sue gambe, gli abbassò anche i boxer, fece passare una mano sul suo cazzo, lui rise..

" dai laura.  Fammela provare anche a me sta bocca..."

Mamma venne verso di me..

" tu guarda amore.."

Mamma tornava da lui, camminava ancora con su  le scarpe , era davanti a lui, si abbassò', era a pecorina, le guardavo il culo, piegata era davvero pazzesca..

Mamma iniziò a segarlo, la sua mano andava lenta, Stefano la guardava negli occhi..

" mmmmm che bel cazzo che hai Stefano.."

Io non riuscivo a non toccarmi, sentire  e vedere mamma così ... era eccitazione, perversione, che non mi bastava mai..

Poi mamma finalmente abbassò la testa, gli stava facendo un pompino, lo stava facendo davanti a me, lo stava facendo per far godere piu me che lui, sapeva cosa volevo, sapeva cosa doveva fare...

Mentre muoveva la bocca sopra il suo cazzo, si spostò le mutandine, iniziò a giocare con la sua figa, sapeva che dietro di lei mi godevo lo spettacolo...mi piaceva sentirla gemere, Stefano iniziava a sciogliersi completamente..

" mmnn luca sai è davvero brava...:

" mmmm ohhhh sono abbastanza porca.... mmmmm.. dai amore vieni qui anche tu.."

Mi alzai, andai verso di loro, ero dietro di lei..

" vai avanti pompinara..."

Gli abbassai le mutandine, gli diedi due sculacciate, gli strusciai il cazzo sulla figa per qualche secondo..

" dai luca... mmmmm scopami... scopami mentre faccio un pompino...sono la vostra troia..."

" mmmmm ohhhhh siiiii....che brava che sei con due cazzi..."

" mmmmmmm ohhhh siiiii  ohhh ohh ohhhh......"

" mmmm luca dai fammela scopare anche a me....mmmmm"

Mamma si tirò su...si mise sopra di lui, che gli tolse il reggiseno...

"Cazzo Laura, che tette... mmmmmm come ti muovi bene..."

" dai ste...mmmmm voglio sentire le tue mani sul culo menre mi scopi...ohhhhh mmmmm"

Io mi misi al suo fianco in piedi, gli presi la testa, lei aprì la bocca..

" mmmmmmmmmm mmmmmm.... fammi toccare ste tettone..."

" ohhhhhh ohhhhh ohhh laura... mi stai facendo sborrare....mmmm"

" mmmmmmm venite... vi faccio un regalo..."

Mamma si mise in ginocchio , iniziò a segarci, poi a turno ci spompinava, continuava a guardarci...

" mmmmmm ohhhhh mnmnnnnnmmm lauraaa non resisto più..."

Mamma segava me, aveva la bocca aperta, lo guardava...

" dai amore sborra....mmmmm"

" oohhhhhhhhhhh siiiiii Laura

... tutta per te ....mmmmmmmmmm ohhhhhhhh vengoooooooo"

" oohhh ohhhhhh Stefano....mmmmmm Dio mi hai lavata..."

Si girò verso di me, vederla già sborrata mi diede l'ultimo colpo..

" mmmmm dai amore sborrami in bocca...."

" oohhhhh siiiiii ... tutta... mmmmm si apri la bocca dai....mmmmm brava... troia... troia.... mmmm ohhhhhhhhhhh sborrooooo"

" oohhhhh mmmmmmmmm siete pazzeschi...mmmmmmm.."



" ragazzi mi avete regalato una serata pazzesca.."

" grazie a te tesoro..."


Il giorno dopo fu il giorno del ritorno, nel tragitto verso l' Aeroporto mamna era pensierosa..

" peccato tornare.."

 

Per critiche suggerimenti e opinioni mi trovate su skype donnematuresx.



Questo racconto di è stato letto 1 6 7 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


porno racontiveri racconti incestoracconti poroscritti eroticiracconti kyrracconti prime seghestorie di sesso in ufficioracconti erotici figliaracconti analistorie eroticracconto erotico moglieerotica raccontiracconti collantracconti erotici per tuttifidanzata esibizionistastorie spinteracconti erotici nerogigantesse storieracconti moglie ninfomaneracconti eorticieroticaraccontibdsm raccontiracconti grannyracconti pororacconti sissyi generi di racconti eroticistorie eroricheracconti animal sexstorie porno gratisil culo di mia madrefoto romanzi pornoi raccomti di miluracconti di donne troiei piedi di mia suocerarotta in culo raccontiracc eroticiracconti erotici mia cuginastorie fetishraccontierotici incestiracconti porno fantasyracconti gay69scopami nonnoracconti erotici scommessaporno storie vereertici raccontiracconti erotici prima voltaracconti tradimenti annunci 69racconti erotici pissingraccontipornograficiraconti erotici gayracconti porno violenzaracconti primo pompinoracconti fetish piedicome diventare cuckoldscopata caserecciaracconti sexigenere dei racconti eroticiannunci 69 incestoracconti marito cornutoracconti erotici vietatiracconti erotivracconti di trioracconti schiavo gayracconti erotici diho scopato con mia suoceraracco ti eroticiuna zia porcala zia vogliosaracconti analeracconto di un tradimentosquirtami in boccazoofilia racconti