Una mamma sorprendente

Scritto da , il 2018-02-10, genere incesti

Ciao a tutti, sono Luca, ho 31 anni e vivo in un paese della provincia di Como.

Vivo con i miei genitori ,mio papà Mauro di 62 anni, e mia mamma Laura di 52.

I miei genitori gestiscono un bar in paese, dalle colazioni la mattina fino l'aperitivo della sera, una clientela sopratutto di lavoratori che passano per un caffè, dai pensionati che giocano a carte , fino a chi a fine giornata passa per un aperitivo.

Io invece lavoro in un ufficio di un azienda a qualche chilometro da casa.

La scorso inverno mio padre era prossimo alla pensione e non aveva più voglia di andare avanti , voleva godersi il meritato riposo, ma era in contrasto con mamma che in realtà non aveva voglia di abbandonare quella che lei definiva la sua vita.

Ogni sera il discorso era sempre quello, c'erano parecchie idee per trovare una soluzione, da andare avanti da sola, oppure di prendere una barista, o trovare qualcuno che semplicemente potesse dare una mano, ma nessuna di queste strade sembrava percorribile anche per problemi economici, cosi mio padre era sempre più convinto che vendere fosse la giusta soluzione.

Passavano i giorni e vedevo mamma molto triste da quella situazione, non che papà era contento , dispiaceva anche a lui ma davvero sembrava non esserci soluzione.

Una sera mentre si parlava provai a buttare una altra idea..

" ma scusate e se subentro io? Alla fine dove sono ora non è che ci sia tutto questo lavoro, poteri subentrare io a papà, poi sono giovane tante conoscenze potrei anche dare una mano per far tornare anche un po gente  al bar".

Mio papà sembrò un po perplesso.

" ma luca va che è impegnativo , poi è un lavoro che non hai mai fatto, non è il tipo di bar per giovani, dovresti stare da mattina a sera , poi comunque anche mamma non é che lavorerà per chissa quanti anni.."

" Vabbè pa posso imparare benissimo dai , e una mano per far aumentare la clientela la posso dare, poi quando mamma non avrà più voglia si vedrà , ma anch'io penso sia un pecccato vendere... che pensi mamma? Mi sopporteresti?aaahhhh"

" ma non saprei ma posso resistere visto che è l' unica soluzione"

Il rapporto con i miei genitori è un rapporto abbastanza normale, non sono uno che parla molto in casa, forse anche perché non ci sto tanto, si certo il fatto di lavorare con i miei era una bella incognita , ma mamma era una donna socievole , sorridente e tranquilla potevo tranquillamente correre il rischio.

Dopo qualche giorno dove tutti e tre volevamo toglierci tutti i dubbi, la sera dopo il lavoro iniziavo ad andare al bar per iniziare ad integrarmi in quello che sarebbe stata la mia nuova vita, cercavo di capire bene il "giro" delle cose mio papà e mia mamma mi stavano dietro e a me stare a contatto con la gente mi piaceva.

Arrivò il giorno dove lasciai il mio lavoro per dedicarmi completamente al bar, papà ci diede una mano ancora per qualche giorno, poi una volta sistemate Anche tutte le cose burocratiche andò definitivamente in pensione.

Con mamma le cose andavano bene, riuscivo bene a gestire il nostro rapporto, anzi lei sul lavoro era ancora più allegra e socievole, stavamo via praticamente tutto il giorno e per il momento la cosa non pesava affatto.

Dopo il primo perdiodo feci fare anche dei lavoro all' interno del bar per modernizzare l' ambiete eravamo convinti che potevamo aumentare i guadagni con gli investimenti giusti , e di questo mamma ne era felice e lo ero anch'io, ormai papà ci dava carta bianca, era solo concentrato per un viaggio in Australia per delle gare di deltaplano di cui era appassionato.

Si avvicinava la bella stagione e mio padre partì , desiderava molto questo viaggio quasi come premio appena andato in pensione, mentre io e mamma mandavamo avanti con entusiasmo il bar.

Un sabato sera dopo la giornata lavorativa eravamo a cena io e mamma che parlavamo del più e del meno , delle cose che potevamo migliorare ..

" mamma sinceramente una cosa te la devo dire" 

" dimmi luca"

" non ti offendere, è un po che volevo dirtelo però anche l' immagine è importante secondo me potresti curarla un po' di più"

" in che senso luca?"

" mamma intendo il modo di vestire, dovresti cercare di essere un po più moderna un po più elegante non sempre cosi superficiale"

" ma luca capisco ma non posso mica fare la ventenne"

" ma perché se una cura di più l' aspetto vuol dire che deve fare la ventenne scusa? Vuoi mettere una persona curata dietro ad un bancone confronto una che non lo è?"

" luca sinceramente non penso faccia la differenza, almeno ora che ho 50 anni"

" ma che ragionamento mamma, invece secondo me fa la differenza e come, anche perché sei brillante e socievole un pizzico di eleganza anche nel vestire farebbe solo bene"

" non so luca, ripeto qualche anno fa' magari.. ma ora.."

Quella maniera di ragionare non mi piaceva e volevo far valere le mie ragioni.

" mamma sei ancora una bella donna che ha 50 anni non 80"

Mamma sorrise un attimo poi mi disse..

" luca qualche anno fa' lo pensavo, e lo dissi anche a tuo padre, infatti comprai dei vestiti da mettere ma lui mi disse che ero ridicola , penso che aveva ragione all'ora figuriamoci adesso"

" invece dovresti fidarti di me "

" ormai luca sono abituata cosi , non riuscirei nemmeno a cambiare"

" oh mamma quante storie , prova e vedrai che ho ragione che ti costa scusa? Dove sono questi vestiti?"

" luca sono in camera perché?"

" dai vediamo come ti stanno e decidiamo"

" ma luca ti pare? Saranno su ormai  da dieci anni non mi andranno neanche più"

" iniziamo a vedere, e vediamo se c é differenza , non ho detto che devi mettere per forza quelli"

" certo che sei testardo , proviamo almeno ti renderai conto pure tu"

Mamma andò in camera quasi stizzita da quel confronto.

Dopo qualche minuto l' aspettai sul divano che da li a poco sarei uscito, e sinti' mamma che rideva.

" mamma che c'é?"

" luca mi sa che sono ingrassata mi vanno un po stretti"

" oh mamma che palle mettine uno e vediamo"

Sentivo mamma che stava scendendo le scale, mentre si lamentava ancora della mia richiesta..

" dai luca ma ti pare?"

Mi girai,  c'era mamma che mi guardava, che aspettava che io le dicessi qualcosa, aveva indosso un vestito viola, gli stava sicuramente attillato , risaltado le sue forme, mamma non era magra, nemmeno grossa, ma sicuramente una donna " formosa" rimasi un attimo stranito anch' io ma non volevo farlo notare. 

" e cosa mamma stai benissimo, ti faccio una foto e confrontala con un altra e poi dimmi tu dove stai meglio"

Gli scattai la foto , proprio mentre suonò il citofono, i miei amici mi erano venuti a prendere x la serata.

" mamma scappo , pensaci"

Ero in un locale a bere qualcosa, mi arrivò un messaggio da mamma.

" luca mandami la foto"

La stavo cercando nella galleria delle immagini e un amico butto' l'occhio sul telefono ..

" chi è sta porca luca"

Feci in tempo a girare il telefono che non si accorse che era mamma, ma la sua frase mi colpì molto, ero anche abbastanza scosso per tutto il resto della serata non feci altro che pensare a quella frase.

Tornai a casa, mi misi nel letto e mentre quella frase mi rimbombava nella testa preso in mano il telefono , inevitabilmente andai a riguardare la foto di mamma, la guardai attentamente, il cuore iniziò a battere forte, inspiegabilmente ingrandivo la foto sulle sue forme, su quel vestito cosi attillato, automaticamente la mia mano fini sul mio cazzo, i miei pensieri erano spinti..

" cazzo mamma, ma che tettone che hai,perché le hai tenute nascoste fino adesso?che scollatura...mi sa che hanno ragione sei vestita da porca...mmmm che labbra che hai... "

In un attimo tornai in me..."ma che cazzo sto facendo? Ma sono andato fuori di testa? Ma che pensieri faccio? 

Ero turbato da quei pensieri , non ero un adolescente , ma era stato tutto cosi imprevedibile e automantico, da non riuscirei a controllarmi, ma volevo dimenticare quei pensieri in fretta, ma le situazioni non mi aiutarono..

Il giorno dopo mi alzai dopo mezzogiorno , come ero abituato da una vita alla domenica, rimasi nel letto per un po', poi mi alzai per fumare una  sigaretta sul balcone, mi affacciai, mamma era in giardino , che prendeva il sole, sdraiata a pancia in giù, in un attimo non volevo guardare , cercavo di pensare ad altro, tenevo occhi e pensieri da un altra parte , poi rientrai in casa,  e scesi giù per andare a bere qualcosa, appena girai le scale per andare in cucina però i miei occhi si spalancarono e non riuscivano e non volevano togliere lo sguardo , su mamma, che era piegata per prendere da bere dal frigo, con un costume nero,   che gli stava aderente al suo culo cosi pieno , morbido, mamma si tiro' su per bere, io  continuavo a guardarla, prima di andare a salutarla..

" ciao mamma prendi il sole"

" e Buongiorno dormiglione, si ne approfitto di questo bel sole"

" fai bene io tra poco esco"

" va bene luca ci vediamo stasera?sul tardi comunque esco anch'io con Francesca ci vediamo per cena ok?"

" va bene mamma"

Si girò per tornare in giardino, continuavo a guardarla, il culo, la sua camminata.. i miei pensieri tornarono quelli della sera prima..

Mi chiusi in camera, corsi su veloce, la mia mano scivolo ancora sul mio cazzo eccitato..

"Ohhh si mamma, hai un culo irresistibile,mmmm quanto me lo fai diventare duro,ma perché non vieni su e mi fai un bel pompino, chissà come sei brava,oohhhhh siiiiii,cazzo mi fai sborrare, ooohhhhh siiiii sculetti pure da troiaaaa oohhh siiiiiiiiii"..

Quella volta non ero riuscito a trattenermi,avevo avuto un orgasmo pazzesco, ed erano i miei pensieri ad avermelo procurato i pensieri su mamma,non riuscivo a controllarmi anche se sapevo che era sbagliato..

Ovunque ero in realta avevo la testa da un altra parte , quella cosa mi stava sconvolgendo , non mi era mai capitato , e nel giro di poco tempo mi si era capovolto il mondo e non sapevo come gestirlo.

Il lunedi mattina aspettavo mamma per andare al bar, ero quasi sovrappensiero e mamma con un sorriso raggiante mi disse..

" va bene cosi rompi balle? Sono un po piu moderna?"

Fu come una doccia ghiacciata, nulla a che vedere con il vestito dei giorni precedenti, ma un paio di pantaloni neri , attillati, e una maglietta bianca anch'essa attilata , non potevo crederci mamma aveva ascoltato il mio consiglio , non riuscivo a capire se era solo ai miei occhi ,ma quella donna mi sembrava la piu irresistibile e provocante del mondo, era il suo portamento le sue forme il suo modo di fare, mamma era una donna formosa, l' età comunque c'era ma nonostante questo aveva una pelle bellissima anche se con qualche chilo in più, ma non dovevo assolutamente far capire nulla a lei dovevo essere il più naturale possibile..

" finalmente mamma, si stai benissimo"

" io mi fido di te luca non prendermi in giro mi raccomando , adesso andiamo che se no facciamo tardi".

In quei primi giorni mi concentravo molto per capire se l' effetto che mamma stava facendo a me in realtà lo stava favendo anche altri, in realtà era solo per capire se era vero ciò che vedevo in mamma o erano solo film miei,ma in realtà il risultato fu Ancora più sconvolgente, perché vedevo che mamma attirava gli sguardi di tutti, tutti clienti che venivano al bar da anni, non passava inosservata, il problema è che non solo avevo la conferma, ma lo cosa mi piaceva, vedere gli occhi di parecchi uomini su di lei mi mandava in estasi , cercavo di mandare sempre lei tra i tavoli,la notavo  quando si piegava  per prendere qualcosa,appena si girava per tornare dietro il bancone gli sguardi che scivolano sul suo culo,o quando serviva gli occhi che fissavano le sue tette, che sembravano scoppiare tante volte dentro quelle magliette cosi attilate,insomma vedere mamma essere scopata con gli occhi da un sacco di uomini tutti i giorni mi eccitava.

Un giorno come al solito aspettavo mamma, quella mattina mi sorprese Ancora di piu..un vestito rosso,scollato e molto corto,un paio di scarpe color panna con il tacco, tremavo dall' eccitazione, mi prendeva perfino lo stomaco.

La sera durante il solito aperitivo stavo sistemando della  carte , in quel piccolo ufficio dove tenevo dei documenti confinava con il retro del bar dove i clienti fumavano e senti chiaramente due operai che venivano sempre a quell ora parlare mi lasciarono assolutamente senza fiato ..

" oh ma l ' hai vista oggi?cazzo ma che tette, se si piega un po di più le si vendono pure le mutandine"

" vuoi che non  l' ho vista?prima quando ci ha portato da bere un altro Po' ci metteva le tette in faccia"

" che faccia da troia che ha,è andato via il marito, ha iniziato a farsi vedere, peccato che c è luca "

"Si ma se va avanti coso prima o poi qualcuno se la scopa"

Tornai di la, avevo sentito quella conversazione che mi sconvolse molto di.piu di quello che gia ero.

Sinceramente non sapevo come reagire, forse era troppo, nel senso mamma non era stupida e sicuramente non era nemmeno una donna facile di questo ne ero certo,per la prima volta non sapevo se parlarle oppure no.

Quella sera tornando a casa mamma si accorse del mio del mio silenzio e appena rientrati mi disse.

" luca che hai?"

" niente mamma"

" dai ti conosco dimmi la verità"

" no mamma davvero sono solo un po stanco"

" luca posso chiederti una cosa"

"Certo dimmi"

" sinceramente ti da fastidio adesso?"

" cosa mamma?"

" dai luca, intendo al bar, sono l' unica donna e forse star in mezzo a tanti uomini può dare fastidio, dimmi la verità ti prego "

" ma no mamma , dovrei?"

" non so dipende, va che non sono mica sutpida lo vedo che ho qualche sguardo addosso ma non mi interessa sinceramente a me , non mi faccio mica abbindolare , sono anni che lavoro in bar frequentato da uomini e so come sono ma se a te da fastidio allora non va bene"

Ero impacciato non sapevo bene come rispondere ero in difficoltà, poi lei Continuò..

" dico davvero , se mi fanno un complimento a me non interessa , però mi sono accorta che forse avevi ragione l' estetica conta"

" ma va mamma sono stato io a dirtelo figurati "

" luca sincero, pensi abbia esagerato oggi?"

I nostri sguardi si incrociano ci fissammo per qualche secondo..

" sinceramente penso che oggi sarebbe stato impossibile non guardarti"

Mamma abbasso lo sguardo..

"Sai luca , quando tu mi hai detto che stavo bene, ho pensato a quando tuo padre mi ha detto dieci anni fa che ero ridicola, e boh è come se volessi premdermi una specie di rivincita, lui è sempre stato un po cosi, ed io per amore lo sempre seguito anche se a volte mi sentivo un po chiusa..tutto qui"

Volevo prendere la palla al balzo , mamma si stava sfogando con me e io volevo farle capire che ero dalla sua parte, e volevo sapere di più..

" mamma sappi che per me non ci sono problemi, e se ti guardano o ti fanno dei complimenti vuol dire che avevo davvero ragione ed hanno i miei stessi pensieri"

" oh che vuoi dire che mi guardi Anche tu?" Scoppio a ridere..

" perché io non posso mamma"

Mi feci subito un po' più serio.

" dai stupido"

" non posso guardare la mia collega scusa?"

" peccato che sono anche tua mamma, poi tu di complimenti non è che me ne hai fatti"

" perché gli altri si?"

" mica hai detto che non ti davano fastidio?"

" ma infatti voglio solo sapere perché io non li ho sentiti"

" è perche magari non si fanno sentire da te"

" e magari io te li faccio e non mi faccio sentire nemmeno io"

" ma guarda questo oh... ora li voglio sapere"

" allora facciamo cosi tu mi dici i loro complimenti e io ti dico i miei"

" ma dai luca era per dire.. non dicono nulla di che, a parte qualcuno che fa un po lo scemo, e mi chiama tesoro o amore"

In meno di un secondo sentivo il mio cazzo diventare piu duro ed eccitato che mai, sentire mamma parlare cosi mi mandava su un altro mondo,non mo faceva capire piu nulla non mi faceva ragionare più, averla al mio fianco vestita cosi , con quel vestitino cosi provocante..

" e ti fa piacere mamma?"

" non gli do importanza luca"

" mmmm non ci credo molto...solo questo ti dicono?"

" si luca, bhe dai la verità i complimenti ad uan donna fanno piacere, poi io non ne ho mai ricevuti molti.. e i tuoi quali sono?"

" mamma?" 

"Dimmi luca"

" visto che ci stiamo dicendo un po tutto, nessun complimento sul tuo corpo?"

" ma luca che diavolo di domande mi fai?"

" mamma dimmi la verità, ti da fastidio se ti guardano culo e tette?"

" ma lucaaaa"

" la verità mamma, perché è impossibile che non te ne sei accorta non facciamo gli ipocriti"

" si bhe luca non è questo e che mi imbarazzo a parlarne con te"

" rispondimi mamma"

" ufff oh luca, se mi guardano amen"

" mamma  voglio sapere se ti piace oppure no"

L' atmosfera era decisamente cambiata, era palpabile il misto di eccitazione ed imbarazzo che si era creato, mamma sembrava da una parte  volerne parlarne e dall' altra si sentiva imbarazzata..dopo qualche secondo rispose..

" luca se mi dava fastidio probabilmente non avrei messo questo vestito oggi"

" e mamma ti da fastidio se ti dico che anch'io oggi ti ho guardato tutto il giorno il culo?"

Mamma rimase di sasso, non si aspettava quelle parole,non si aspettava la decisione con la quale le pronunciai..

" luca ma?"

" e mamma, te lo detto che oggi era impossibile non guardarti"

" si luca ma sei mio figlio non uno del bar"

" non ho capito se uno del bar ti guarda il culo tutto il giorno va bene e io non posso?, anche adesso come si fa a non guardarti le tette?"

" luca ti prego"

" mamma volevi i miei complimenti,ed io te li faccio"

" cosa dovrei pensare luca?"

" sicuramente qualcuno ti ha fatto degli apprezzamenti, e l' avrai ringraziato , ringrazia anche me.."

" non è proprio uguale"

" vieni qui..." 

La feci alzare , mamma era in piedi davanti a me, sicuramente molto molto scossa da quella situazione ma io non volevo perdere l'occasione..

" facciamo un gioco, io ti faccio una domanda e tu rispondi sinceramente , poi tu la fai a me ed io farò lo stesso.."

" luca mi sento imbarazzata.."

" fidati di me mamma.."

" tu mi freghi"

" mamma ti senti solo imbarazzata o anche eccitata?"

" ma luca no dai"

" rispondi mamma"

Ero deciso  determinato cercavo comunque di metterla a suo agio..

" mi sento un po strana Luca"

" dai mamma fammi tu ora una domanda tranquilla"

Mamma mi guardò negli occhi con meno timore..

" luca a te non ti da solo fastidio che mi guardano o ti piace proprio?"

Non fu solo la domanda ma anche come me la fece, uno sguardo da troia, che ancora un po mi diede un orgasmo senza nemmeno toccarmi...sospirai..

" mi piace mamma, mi eccita, e a te piace se ti dico che mi sono segato pensando a te?"

" mi sorprende luca, non l' avrei mai immaginato una cosa del genere, e dimmi luca che immaginavi..?"

" immaginavo che mi facevi un pompino..." 

" cazzo luca stiamo andando oltre...."

" mamma fammi una domanda"

" ti farebbe piacere se ti dicessi che mi hanno detto che sono brava?"

In quel momento mi sbottonoai i pantaloni , me li abbasai insieme ai boxer, mi alzai e mi spogliai complemente con calma mentre mamma immobile mi guardava, poi mi rimisi  a sedere, lei era sempre di fronte a me..

" sinceramete a guardarti in faccia non ho dubbi..." 

Iniziai toccargli le cosce, risalivo piano piano, fino ad arrivare alla sua figa, gli spostai le mutandine, ed al primo tocco mamma buttò indietro la testa...

" oohhhh ...che fai luca?? Mmmm perché dici se mi guardi in faccia non ha dubbi?"

" perché si capisce che sei una brava pompinara.."

Mamma fermò la mia mano...

" luca prometti che questa cosa non verrà mai fuori per nessuna ragione al mondo"

" tu promettimi che ti fidi di me"

" va bene luca ma giuralo"

" non ti preoccupare"..

Mamma salì sulle mie gambe, ci fissammo per alcuni secondi intensamente, quasi come per scambiarci quella promessa,poi iniziai a baciarla, con passione, la cosa che mi stupiva era il suo modo di godere, cosi passionale intenso, da vera porca, si strusciava sul mio cazzo, gemeva..

" mmm mmmmm ohhh lucaaa"

" ohhhh mamma... che sogno che sei..."

" mmmmm allora luca dimmi ti piace se mi guardano al bar ..mmmmmm ohhhh?"

" oh mamma li fai impazzire tutti"

Mamma si alzò, per mettersi poi in ginocchio tra le mie gambe...

" dici che c è qulcuno che vorrebbe essere al tuo posto ora luca?"sorrise, si legò i capelli anche se non erano lunghissimi..

"Dai mamma fammi vedere quanto sei brava.."

Mamma iniziò a spompinarmi, con una mano mi segava..

" luca oggi dovevo stare attenta a non piegarmi , te ne sei accorto?"

" oddio mamma siii , mi sa che aspettavano tutti solo quello...mmmmm ohhh siii mmmmmmm"

" guarda luca"

Mamma  si alzò, si appoggiò ad un mobile e si piegò..

" dici che si aspettavano facessi cosi..?"

Sul divano io mi godevo la scena,mamma piegata con i tacchi era una scena da film porno, gli si intravedevano le sue mutandine di pizzo nero...

Mi alzai deciso e gli tirai su la gonna..

Spostai le mutandine..

" ohhh luca.. "

Spinsi il mio cazzo nella sua figa che era un lago..non avevo piu il minimo freno..

"Ohhh mamma... posso sapere chi ti ha fatto i complimenti per la tua bocca?"

Mmmmmmmm non ti piacerebbe avere un altro uomo davanti mamma..ohhhhh mmmmm ohh ohhh divertirti con altro cazzo mamma...ohhhh"

" oh luca...mi fai sentire cosi troia...mmmmmmmmm qualche volta possiamo provare...ohhhh"

"Mmmmmm mamma...mi fai sborrare..."

"Oh amore dimmi una cosa che ti fa eccitare..."

" non so mamma dimmi qualcosa daiiiii mmmmmm"

"Mmmm oh luca pensami che siamo bar e che io servo solo in intimo...."

"Oohhhhh si mamma e ti fai toccare?"

" mmmmm siii..." 

" vieni mamma togliti sto vestito"

Mi rimisi a sedere sul divano, mentre mamma si spogliava... era nuda davanti a me, si mise sopra e iniziò muoversi..

" mmmmm luca se scopi bene..."

" mamma oggi ho sentito mmmmmmmm stefano e marco che parlavano di te..."

Mamma mi guardava con la bocca spalancata con gli occhi pieni di godimento..

" mmmmmm luca che dicevano"

" ohhhhh mamma... che oggi sembravi proprio una troia... ohh mamma sborrooooo"

Tiro' fuori il cazzo...

Mentre mi segava...

" daiiii amore sulle tette...."

" ohhhhhh siiiiiiiiiii vengooooooooo"


Mamma mi guardò mi stampo un bacio sulle labbra...

" vado a lavarmi prima io"..


Per qualsiasi critica, opinione o suggerimenti mi trovate su skipe. Donnematuresx

Questo racconto di è stato letto 3 1 7 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


racconti erotici segheracc erotraccontierticischiava raccontiracconti gay 69prima esperienza con transracconti eccitantiracconti omoeroticierotici racconti.itracconti incestigeniv raccra cconti eroticiracconti di sesso incestoracconti pornpracconti a luci rosseracc incestracconti erotici erotici raccontigigantesse storieracconti dominazione gayporno gay raccontidonne che scopano con i canivicina di casa zoccolaracconti eroyiciwww raccontimilu comerotciraccontierotici gratisracconti hot veriracconti erotici con matureracconti poenoracconti erotici di cornaracconti erticipiedi femminili racconticontatti eroticiwww.eroticiracconti.itstorie eroricheracconti lesbo eroticiracco ti eroticimia moglie mi sodomizzaracconti di coppiaracconti incesto madrestorie etoticheracconto porno gratis69 racconti eroticimia cugina vanessainculata da un cavallostorie porno tradimentii generi racconti gayracconti mogli esibizionisteerotico raccontimia zia porcazia verginewww racconti gay comracconti porno tradimentitroie suocereracconti di sesso con canistirie pornoracconti porno piccantiracconti erotracconti erotici matrimonioraccontieroticigratisracconti incrstiracconti mogli pornoracconti erotici 2016leccasuoleseghe tra amicistorie erotiche vissuteracc incestostorie di sesso con ziaracconti wroticiincesti familiari raccontiracconti hard con animalistorie xxxil confessionale eroticoquella troia di mia suocera