La sua mano sotto il tavolo

Scritto da , il 2016-09-14, genere tradimenti

Eccomi di nuovo qui, a raccontarvi un'altra delle mie recenti avventure; nello scorso fine settimana, mio marito è tornato dall'Inghilterra per un impegno qui in Italia. Abbiamo così preso parte ad una cena-conferenza; non sto a spiegarvi lo stato di noia in cui ero. C'era tanta gente, ma tutta intenta ad ascoltare le persone che si succedevano sul piccolo palco. Parlavano di problemi dell'azienda e di mal funzionamento della politica europea; mio marito era totalmente assorbito dai discorsi e questo mi dava sui nervi! Lo vedo si e no due giorni alla settimana e guardate dove mi porta! I tavoli erano disposti in lunghe file, delle vere e proprie tavolate, forse per far si che tutti fossero rivolti verso il palco. Alla mia sinistra sedeva mio marito, alla mia destra un'altra coppia. Presa dal nervosismo, sono uscita fuori per fumare una sigaretta; c'erano altre persone che fumavano fuori, tra cui l'uomo che era seduto a tavola vicino a me. Alla luce esterna, notai che era molto affascinante e che mi guardava insistentemente. Mi sorrise, ma io non ricambiai, anzi nervosa più che mai, spensi la sigaretta e tornai dentro. Mio marito ora chiacchierava con un tale seduto alla sua sinistra: mi sentivo invisibile, un pesce fuor d'acqua. L'uomo affascinante rientró e venne a sedersi; lo guardai e pensai che in un altro momento me lo sarei fatto volentieri, ma oggi non era giornata. Sul tavolo c'era un pezzo di torta che mi tentó, feci per portarne un po' alla bocca ma sentii una mano calda sul ginocchio; evitai di voltarmi per non insospettire sua moglie, ma lo lasciai fare. Lui recepì il mio "via libera" e la sua mano calda, si portó rapidamente verso il mio pube. Divaricai le gambe per farlo passare, mentre mangiavo il dolce come niente fosse. Le sue dita si infilarono sotto le mie mutandine e mi sentii toccare appena esternamente; il tocco mi provocó una fitta di piacere e sentii la mia fica aprirsi tutta. Si fece spazio con le dita fra le grandi labbra ed io sentii il contatto con le sue dita calde. Ero bagnata fradicia e lui lasciava scivolare un polpastrello su e giù, dalla fessura entrando un po' e fin su al clitoride. Sua moglie lo chiamó voltandosi di colpo e lui ritrasse in fretta la mano, ma io oramai, avevo una voglia incontenibile di godere. Mio marito mi chiese se mi stessi annoiando ed io gli dissi che avrei preferito essere a casa nel letto con lui. "Ancora un po' di pazienza amore" mi sussurrò con dolcezza e con lo sguardo sensuale e penetrante, poi mi strinse delicatamente e mi baciò. E proprio in quel momento, la mano dell'altro tornó tra le mie gambe. Mio marito fece per staccarsi, ma io continuai a baciarlo intrecciando la lingua alla sua, mentre l'altro mi faceva godere facendo su e giù nella mia fica con il polpastrello bollente. Furono pochi secondi che fecero salire la mia libidine alle stelle! Sotto la tovaglia, spostai la mano dell'altro e mi staccai da mio marito. Mi sentivo ubriaca di piacere e gli dissi:"ti prego amore, andiamo a casa"! Ma lui insisteva perché io pazientassi. "Dopo il mio discorso potremo andare" mi disse, e tornó ad ascoltare con attenzione quel tale che parlava al microfono. Io non ce la facevo più, dovevo scopare! Guardai il mio vicino di tavolo, adesso sì, volevo farmelo, ma mio marito da una parte e sua moglie dall'altra, mi fecero sentire imprigionata: non sapevo come muovermi! Strofinai la fica e il culo sulla sedia dura e mi venne fuori un gemito di cui mio marito non si accorse, avendo ripreso a chiacchierare con il suo vicino di posto, ma l'altro sì! Mi guardò e con la testa, mi fece cenno di seguirlo, poi si alzó ed uscì, ma sua moglie gli andó dietro. Ci restai malissimo, mi sentivo, malissimo! Ero bagnata, ma davvero tanto e la situazione che si era creata mi eccitava sempre di più. La coppia alla mia destra rientró e mio marito andó a fare il suo discorso. Mi tirai su il vestito e aprii di nuovo le gambe, portandomi in avanti in modo sguaiato. Mi sentivo così porca! Così troia, sì, troia senza ritegno. Con il braccio sotto la tovaglia lui riprese a sditalinarmi, passeggiando con le dita fra il mio caldo liquame e portando il mio piacere alle stelle. Passó una signora di mia conoscenza e si fermò a salutarmi dall'altra parte del tavolo. Io, con le dita di quell'uomo nella fica, riuscii a sostenere un breve discorso con lei e anzi, futto questo non faceva che eccitarmi di più. Lui mi infiló il dito nella vagina, poi tornó su tenendo il dito schiacciato lungo la mia fica, fino ad arrivare a schiacciarmi il clitoride. Mentre mio marito faceva il suo discorso, io godevo come una maiala a guardarlo, lui, ignaro di tutto, ignaro del piacere che provavo. Pregai mentalmente che il suo discorso fosse lungo, mentre la mano di quell'uomo sgusciava fra i miei umori assatanati senza tregua. Godevo in silenzio, mi toccavo i capezzoli duri, mi sentivo bagnata e aperta; gli presi la mano e la spinsi dentro, il dito entró con un colpo secco. Cominciai a muovere la sua mano verso la mia fica vogliosa e venni in silenzio. Mentre guardavo mio marito, il mio ventre si contraeva dal piacere e la mia vagina attanagliava il dito dell'altro. Continuavo a guardare mio marito e all'improvviso mi fece pena. "Capitato con una puttana come me!" pensavo."Cornuto a vita, me sa che je tocca proprio". Come sempre, avevo saputo godere molto, ma adesso avevo voglia di fare un pompino. Gli chiesi di seguirmi in bagno, sperando che venisse e lui venne. Il tempo stringeva, gli scesi i pantaloni e gli succhiai la cappella con enfasi, tenendola stretta dietro le labbra per poi dare affondi di gola mentre gli strizzavo dolcemente le palle e con la mano, andavo su e giù per farlo venire in fretta. Avevo voglia di sperma e via, su e giù con la bocca e con la mano, con la lingua leccavo e succhiavo il suo glande e sì! Lo sentii vibrare forte e un fiume bianco e caldo mi si riversó nella gola. Lo ingoiai con ingordigia, mi diedi una pulita e tornai al tavolo. Mio marito era là:"sei andata a fumare"? "Si"risposi, "ho ancora la bocca impastata di fumo". "Prova a cambiare sigarette", mi disse lui, "se proprio non riesci a smettere prendile più leggere"."Mi piacciono toste amore", gli ho risposto. E sto ancora ridendo 😄

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.


raccontieroticcornuto e contentoracconti incesto gayraconti picantiracconti sesso matureracconti erotici piediincesti sexeroticiraccontiracconti porno di stupritracconti eroticiincesto nonna nipotepiedi racconti eroticiracconti moglie ninfomaneracconti erotici vecchieracconti incesto madre figliomilf storieragazze fanno sesso con animaliracconti saunaracconti fratello sorellaracconti erotici ragazzeracconti erotici realiracconti erotici violentatastorie di sesso gratissegretaria eroticaurgulongeneri eroticistorie zozzeracconti sesso sorellastorie di culoeroti raccontiracconti porno prima voltaracconti eroti cigeneri di racconti eroticiracconti porno in italianoracconti fayraconti sexracconti di bdsma mia moglie piace farsi guardareerotica raccontiracconti:eroticiracconti erotici dierotoci raccontiracconti lesbiracconti erotici animalistorie sesso incestoracconti erotici in famigliaerotici racconti.itracconti erotici padrestori erotiche1001 racconti eroticieroticiraccontraccinti pornoerotici racconti.itracconti nutillaerotici raconticulo rotto raccontiracconti erotici ingravidataracconti orgiaraccontiincestistorie pormoraccondi eroticiracconto dominazioneracco ti eroticistorie sesso incestosculacciata storieraccontierostorie di sesso incestoracconti porno ragazziracconti erotici ricattatala mia vicina troiaracconti sesso oraleeroticiracconti.itracconti erotici eccitantiracconti hot gaycerca racconti erotici