La gigantessa

Scritto da , il 2015-10-12, genere feticismo

LA GIGANTESSA

Entro in casa dopo una dura giornata di lavoro. Finalmente un po’ di caldo. L’autunno è decisamente arrivato col suo carico di nebbia e umidità.
Indosso un maglione azzurro, una maglietta di lana dello stesso colore, un kilt a quadri blu cobalto e neri, collant marroni opachi e stivali pure loro marroni.
Già che ci sono me li tolgo perché mi stanno bollendo i piedi. Chiamo Anna, la mia coinquilina. Strano che non ci sia, di solito torna a casa prima di me. Avrà fatto tardi da qualche parte, mi dico.
Cammino scalza per casa: il fresco del pavimento a diretto contatto con le piante dei piedi è estremamente piacevole.
Mi fiondo in salotto e mi siedo sulla poltrona. In realtà dovrei dire “mi svacco” visto che mi ci butto sopra a corpo morto. Il ristoro temporaneo si trasforma, lentamente ma inesorabilmente, in sonno profondo e cado addormentata.
Mi risveglio perché sento qualcosa toccarmi il collo del piede. Apro lentamente gli occhi e metto a fuoco. È un po’ troppo grosso per essere un insetto. Il solo pensiero che possa trattarsi di un topo mi fa scattare come una molla. Guardo meglio di cosa si tratta ma ancora non riesco a capire. È qualcosa di colorato, sembra quasi che abbia addosso dei vestiti. Si muove con lentezza.
Pur con molta cautela, mi abbasso per osservare meglio l’animale misterioso. Quando mi inginocchio per terra ad un palmo da lui, non credo ai miei occhi.
È Anna. Rimpicciolita, ma è proprio lei, con ancora indosso il vestito blu elettrico a fiori e i collant chiari che aveva questa mattina, quando l’ho vista l’ultima volta.
La afferro e la tengo sul palmo della mano. Nel senso proprio letterale del termine.
“Anna, ma che ti è successo?”, le chiedo.
“Non lo so. Sono entrata in casa abbastanza presto. Ad un tratto mi è girata la testa, ho perso i sensi e sono caduta per terra. Quando mi sono risvegliata, mi sono accorta di essere diventata microscopica”.
Rimango in silenzio. Che si fa, adesso? Ho sempre visto questo genere di cose accadere in televisione, non nella vita reale.
“Ti prego, Bea, aiutami. Ho paura!”
“Sì, sì, non ti preoccupare. Non devi avere paura con me. Sto cercando di pensare”, le ribatto stringendola al petto.
Mi sembra di essere tornata bambina, quando giocavo con le bambole e me le tenevo strette strette. I pensieri che ho sono al contrario adulti e soprattutto non vanno nella direzione che vorrei. Ho voglia di scopare e quello che è capitato potrebbe suggerirmi un’interessante variazione sul tema.
Non riesco a vedere Anna come un’amica da aiutare ma come l’oggetto del desiderio su cui sfogare i cattivi pensieri che mi stanno montando dentro.
Cerco di trattenermi ma non è facile: mi sta già diventando dura la minchia. Quando poi abbasso lo sguardo e vedo Anna nella mia mano che mi guarda dal basso verso l’alto con aria spaventata, le mie resistenze interne cadono definitivamente. Mi lascio scappare un sorrisino malefico che volta all’insù gli angoli delle labbra.
Ma sì, divertiamoci un po’. In fondo, anche lei mi deve una piccola rivincita.
***
Qualche tempo prima, infatti, Anna mi aveva chiesto di prenotarle un paio di biglietti per un concerto.
“Senz’altro!”, le avevo risposto, salvo poi dimenticarmene completamente.
Quando mi ricordai di questa sua richiesta, cercai subito di rimediare ma ormai la frittata era fatta: era tutto esaurito.
Anna era furibonda come non mai: mi riversò addosso tutti gli insulti che conosceva. Io ovviamente rimasi in silenzio, anche perché non avevo altra scelta: avevo sbagliato ed era giusto che mi sorbissi la paternale. Come ulteriore punizione, iniziò a non rivolgermi più la parola.
“Le passerà”, dissi fra me e me.
Purtroppo i giorni passavano e l’arrabbiatura di Anna non scemava, anzi. Ogni mio timido tentativo di instaurare un minimo discorso veniva respinto da un invalicabile muro di mutismo.
Quando ormai questa storia andava avanti da una settimana, decisi che era ora di fare qualcosa.
Chiamai un attimo da parte Anna e, sfruttando a fondo tutta la mia diplomazia, ammisi ogni mia colpa possibile ed immaginabile. Arrivai al punto di inginocchiarmi e abbracciarle le ginocchia, implorando perdono. Mi veniva quasi da piangere.
Anna mi scostò da sé. Fece quattro passi dandomi le spalle. Poi si mise a sedere sul letto. Indossava un maglione nero, una camicia rossa, una gonna di jeans, collant color carne e stivali neri. Era quello che io chiamavo il “look alla Dylan Dog”. Al contrario io portavo una maglia bianca a manica lunga, una gonna nera, collant testa di moro e scarpe nere col tacco.
“Oggi sono stata tutto il giorno con questi stivali addosso. Ho i piedi che mi fanno un male…”
Si tolse gli stivali e cominciò a massaggiarsi i piedi. Aveva delle gambe bellissime, me lo ricordo bene.
“Vuoi renderti utile?”, mi chiese.
Feci di sì con la testa.
“Allora massaggiami i piedi”.
Come? Non lo dissi a voce alta, ma dal mio sguardo si capiva benissimo quello che pensavo.
“Su, avanti. Che aspetti?”
Alla fine mi inginocchiai e cominciai a massaggiarle i piedi. Erano magnifici. Lo smalto nero delle unghie traspariva dai collant chiari ed era estremamente eccitante.
“Adesso baciali”.
Obbedì, ma questo fu molto meno bello. I piedi di Anna emanavano un odore terrificante.
“Oh, mio Dio”, dissi, non riuscendo a trattenere una smorfia di disgusto.
“Puzzano, vero?”, ribattè lei sorridendo. “Lo so, questi stivali non mi fanno traspirare. Però sono troppo belli per non portarli”.
Anna mi teneva le piante dritte in faccia. Io cercavo di dare dei bacetti teneri che fossero convincenti, ma ogni tanto dovevo fermarmi a respirare.
“Da brava, così…”, mi incitava lei.
Io intanto baciavo il piede in tutta la sua estensione, dalle dita al tallone, passando per il dorso ed il collo.
“Apri la bocca”.
Io obbedì. Anna mi ficcò dentro il destro, e col sinistro mi tappava il naso. Era come se avessi in bocca del formaggio rancido e stantio. Mugugnai qualcosa.
“Ti piace, vero?”
Sì, mi piaceva. Sono sempre stata una feticista dei piedi femminili coi collant. Però dovevo anche ammettere che la sua puzza era davvero troppo forte. Se non mi levavo di lì era soltanto perché speravo che, in questo modo, le potesse passare l’incazzatura. Feci di sì con la testa.
“Bene, allora succhialo per bene”.
Cominciai a succhiarlo.
“Sappi che io sono la tua padrona e che dovresti sentirti onorata di poter adorare i miei piedini”.
Detto questo, fece la stessa cosa col sinistro al posto del destro e viceversa.
Questo giochetto andò avanti per un po’ di minuti, poi mi concesse di baciarla sulla zona pubica. Lei ne approfittò per bloccarmi con le cosce la testa. Poi mi disse di sdraiarmi per terra. Mi misi supina sul pavimento.
Anna iniziò a camminare sopra di me, come se fossi uno zerbino umano. Insistette nuovamente nel piazzarmi le sue suole odorose sul viso. Io, ormai assuefatta a quell’odore, baciavo senza ritegno.
Ad un certo punto, Anna si fermò sopra di me e mi guardò dall’alto al basso. Dalla mia posizione, vedevo le sue gambe da modella, il seno compatto, la pelle abbronzata, gli occhi color nocciola, i capelli biondo rossicci, il naso leggermente aquilino, il mento squadrato e, ovviamente, le mutandine nere sotto la gonna.
Era davvero bella. Mi stava sorridendo. Chissà cosa aveva in mente…
Lo scoprì quasi subito. Con gesti lenti e studiati, si sedette sopra la mia faccia. Si era sollevata la gonna e sentivo il suo culo a diretto contatto col mio volto. Ancora una volta, avvertivo addosso a me il suo corpo che i collant rendevano angelico e seducente al tempo stesso.
Mi mise i piedi dietro la nuca in modo che la mia testa aderisse perfettamente al suo fondoschiena. Ero diventata il suo cuscino umano.
“Ecco, adesso sono proprio comoda così!”
Io invece non ero comoda, respiravo a malapena. Eppure non me ne sarei andata da lì per nulla al mondo. Mi stava anche andando in tiro l’artiglieria. Anna se ne accorse subito, vedendo il mio pene muoversi sotto la gonna.
“Vedo che anche a te piace!”
Mi alzò la gonna e cominciò a stuzzicarmi l’uccello coi piedi. Divenne ancora più duro e lungo.
Poi passò a spompinarmelo. Sentivo la sua lingua dare piacere al sesso. Ad eccitarmi ulteriormente contribuì la visione del suo culo a pochi centimetri dal mio naso.
Infine si mise a cavalcioni sopra l’inguine e si fece penetrare dal mio membro. Il calore si concentrò tutto sulla cappella che iniziò a fremere. Anna andava su e giù, da brava donna vogliosa di cazzo e di sesso. Io la lasciavo fare. Io, o meglio il mio cazzo, era l’oggetto del suo piacere, e nello stimolarlo godevo assieme a lei. Alla fine, venni.
Una volta risistemateci, prima che io potessi alzarmi Anna mi fermò. Mi disse di aspettare un attimo.
Si rimise gli stivali e mi sferrò un calcio nelle palle.
Subito mi mancò il fiato e mi portai subito le mani a coprire la zona danneggiata per alleviare, anche se solo a livello mentale, il dolore.
“E con questo siamo pari”, sibilò lei in un orecchio. Poi sentì i suoi passi dirigersi verso la cucina.
***
Insomma, adesso ho letteralmente Anna in pugno e posso renderle pan per focaccia. Torno sul luogo del delitto, cioè in camera da letto. Mi siedo sopra il materasso e la poggio delicatamente per terra. Nel farlo, la guardo negli occhi e le dico:
“Adesso ci divertiamo un po’ io e te”.
Le metto un piede sopra, coprendola tutta. Avverto il suo corpicino muoversi sotto di me. Cerco di farle aderire contro la pianta del piede. Non mi pare che puzzino, ma di sicuro sono sudati, e ci tengo a farglielo sentire.
Alterno il sinistro col destro, poi sfrego i piedi l’uno contro l’altro tenendo lei in mezzo. Il suo esile corpicino si agita dentro questa stretta. Io sono il gatto e lei il topo.
Vado a recuperare gli stivali. Metto Anna dentro uno di loro, me lo infilo e cammino un po’. La sento dentro la scarpa. Mi piace, e infatti provo anche con l’altro stivale.
Poi la libero e accavallo le gambe. Infilo Anna fra una coscia e l’altra. Sporge leggermente in fuori, bloccata dai miei quadricipiti. Anche se non riesco a sentirla perché è troppo lontana, la vedo dimenarsi come una lucertola braccata da un ragazzino dispettoso.
“Sei mia, e non ti lascerò andare facilmente”.
Anna cerca di liberarsi dalla morsa delle mie gambe, ma è tutto inutile. Anzi, strusciando contro i collant ottiene l’effetto di eccitarmi. La prendo in mano e me la porto davanti al naso:
“Allora, ti piace?”
“Sei una stronza, Bea”.
“Ah, la metti così? Allora dovrò usare le maniere forti”.
La poggio sul letto e mi siedo sopra di lei. Nel farlo, mi alzo la gonna e sto ben attenta a che lei sia a diretto contatto col mio culo.
“Adesso giochiamo a fare la chioccia col pulcino”.
Mi dà un po’ fastidio, mi sembra veramente di covare un uovo o per lo meno di avere qualcosa che mi preme contro il culo. Cerco di spingere il mio peso contro il materasso, per darle ulteriormente fastidio. Poi la tiro fuori e per la seconda volta me la paro innanzi agli occhi. Anna appare molto più provata questa volta.
“Mi verrebbe voglia di infilarti qui dentro”, le dico aprendo le gambe e indicando l’ano.
“Sai quanti cazzi ci sono entrati lì? Tu potresti starci benissimo”. Con una finta simulo il gesto di volerla usare come dildo umano per il mio autoerotismo.
“No, non lo fare!”.
La voce stridula e flebile di Anna è visibilmente spaventata. Mi fermo alcuni attimi che durano un’eternità.
“Tranquilla, non voglio metterti in un posto da cui non potresti uscirne viva”.
La accarezzo dolcemente e le do un bacio.
“Facciamo invece un’altra cosa che ti piacerà tantissimo”.
Mi tolgo il maglione e rimango in maglietta. Infilo Anna nella scollatura.
“Allora, come stai?”
“Bea, smettila! È imbarazzante quello che mi stai facendo”.
Si agita di nuovo, ma il fatto di farlo contro le mie tette mi arrapa enormemente. L’uccello mi va in erezione. Si vede la gonna alzarsi ed abbassarsi di continuo. E mi viene un’idea. Perfida, perversa, ma geniale.
Alzo il kilt, sfilo Anna dalle mie tette e la poggio sul mio pacco.
“Questa poi!”
“Hai visto? E questo è solo l’inizio”.
I suoi minuscoli piedini fanno il solletico al mio membro e lo rendono ancora più duro. Ne approfitto per andare in bagno. Lì mi metto sul bidet e tiro fuori l’uccello.
È un’erezione bella forte. Sollevo Anna con due dita e la pongo a cavalcioni sul pisello. Si aggrappa a lui con tutte le forze.
“Vedo che adesso ti piace!”
“Sì, sì, ora sì”.
“Allora masturbami”.
Anna abbraccia il mio cazzo in tutta la sua circonferenza e comincia a muovere le braccia su e giù. Per arrivare al prepuzio, deve mettersi in piedi. Mi sto eccitando, per davvero. Il mio seme inizia a premere sulla cappella, spinge per uscire al mondo.
La fermo: voglio essere io l’artefice del mio amplesso. Depongo Anna dentro il bidet e le punto contro il mio uccello. Confrontato a lei, sembra quasi un cannone. Do gli ultimi colpi di mano e alla fine vengo.
Quella che per me è una semplice eiaculazione, per lei è una tempesta. Il mio sperma la inonda tutta e si ritrova tutta bagnata.
“Ma che schifo, Bea! Adesso sono tutta fradicia e puzzo di caprone!”
“Non preoccuparti, Anna, adesso ci laviamo”.
La sollevo con due dita e, con della carta igienica e un flebile getto d’acqua, le pulisco il grosso.
“Non sei contenta? Nessun’altra donna può dire di avere visto un uccello grosso come quello che è toccato a te”.
“Bea, piantala, non ne posso più!”
Rimango un attimo in silenzio.
“Sì, dai, piantiamola qui. Anche perché mi sta venendo un po’ di fame…”
Apro la bocca e avvicino Anna alle mia fauci.
“No, no, ti prego! Non mangiarmi!”
Adesso è veramente terrorizzata.
“No, Bea, ti supplico! Per pietà!”
Io sto al gioco. Faccio finta di darle una possibilità di salvezza.
“E se non ti mangio tu cosa mi darai in cambio?”
“Tutto, tutto quello che vuoi!”
“Farai esattamente tutto quello che ti chiedo?”
“Sì, tutto!”
“Mi presterai i tuoi vestiti?”
“Sì!”
“Mi farai usare la macchina?”
“Sì, sì!”
“Potrò uscire col tuo ragazzo?”
Anna rimane interdetta a questa mie parole. Io la guardo con aria diabolica.
“Guarda che lo vedo. Mi fissa in continuazione il culo e le gambe. Di nascosto, ma lo fa. E più di una volta ci ha palesemente provato con me”.
Non è assolutamente vero, ma voglio comunque tenere alta la tensione.
“Allora?”
“Sì, sì, va bene”.
Mi fermo un attimo, il tempo di illuderla di essersi salvata.
“Mi spiace, Anna, ma ormai ho deciso”.
Me la metto in bocca che ancora urla. Voglio però evitarle lo strazio e l’umiliazione dei denti. Deglutisco e la mando giù. La sento scivolare dentro lo stomaco.
***
A quel punto mi sveglio in un bagno di sudore. Un incubo, è stato solo un incubo, un brutto sogno, un dannatissimo parto del mio cervello, nulla di più.
Anna è nel letto a fianco al mio. Mi viene spontaneo accarezzarle i capelli e darle un bacio. Senza svegliarla.
La mattina seguente la ritrovo in cucina che sta facendo colazione. Vado da lei e la abbraccio.
Lei rimane stupita di questa mia inusitata dimostrazione d’affetto.
“Bea, ma che succede?”
Ho avuto parecchie coinquiline nel corso della mia vita e a tutte ho sempre messo subito le cose in chiaro per quanto riguarda la mia ambiguità sessuale. All’inizio tutte si dimostravano rispettose e sensibili, anche premurose, mi trattavano da amica. Poi, immancabilmente, venivano prese dalla voglia di cazzo e, in un modo o nell’altro, cercavano la mia parte maschile nascosta sotto la gonna.
Anna è l’unica, ma veramente l’unica, che non si sia mai dimostrata interessata al mio uccello e che mi ha sempre visto come una donna.
Mi viene quindi spontaneo dirle:
“Ho avuto paura di perderti”.

Questo racconto di è stato letto 8 6 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno nonneracconti amatoriali per adulti in famigliaracconti segretariaporno mamma raccontiracconti sottomissione gaydonna scopa con animalestorie incestomammatroiaracconti eros gratisracconti fetishmamme racconti eroticiracconti piedi femminiliracconti inceststorie xxxstorie porno amatorialii generi di racconti eroticiraccontiberoticiracconti pronoracconti porno mammeracconto erotico sorellaracconti erotici culo sfondatostorie di tradimenti pornostori erotichefemdom raccontiannunci 69 raccontiracconti erotici d'autoreracconti camionisti gayracconti erotivraconto pornorracconti eroticistorie di scambiracconti cinema luci rosseil cazzo di mio nipoteracconti erotici idraulicoracconti esibizionistimamma ingravidata dal figlioraccontieroticstorie di sottomesseracconti zozziracconti porno ragazzilesbiche raccontiracconti erotici figliastorie e racconti eroticiracconti erotici gay e bisexlesbicarestorie porno gayerotici raccontoracconti tradimenti pornofemdom storieannunci69 racconti eroticiracconti eraticierotici racconti 69racconti bondageracconti di tradimenti veriracconti hard lesboracconti sroticiracconti erotici madreracconti hard69racconti erotici professoressaracconti erotici sadoi generi di racconti inceatovolluttuosoracconti infermieraracconti sesso con animaliraccontii eroticiraccontii eroticiracconti erotici di zoofiliaracconti erotici giocomi fotto mia suocerastorie feticistestorie erotieroticiracc